Torna a Eventi FPA

Main partner

Tutti i partner...

Tra i nostri Relatori

Tutti i Relatori...

Programma Congressuale

lunedì, 11 maggio mattina

08:30
09:30

Diritto di Interpello[lab.224b]

Il diritto d’interpello (art. 9 del D. Lgs. n. 124/2004, come modificato dal D.L. n. 262/2006) costituisce un importante strumento nel campo dell’applicazione e della conoscenza del diritto del lavoro. Grazie a tale istituto è possibile inoltrare alla Direzione Generale per l’Attività Ispettiva, esclusivamente tramite posta elettronica, quesiti attuali e di ordine generale sull’applicazione delle normative di competenza del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. In particolare, deve trattarsi di questioni sulle quali non sia ancora intervenuto un chiarimento od una presa di posizione ufficiale da parte della Pubblica Amministrazione, nonché di problematiche di comune interesse e non connesse a situazioni contingenti e di carattere particolare. Legittimati a presentare istanza d’interpello sono esclusivamente gli organismi associativi a rilevanza nazionale degli enti territoriali, enti pubblici nazionali, nonché organizzazioni sindacali e dei datori di lavoro maggiormente rappresentative sul piano nazionale e consigli nazionali degli ordini professionali. L’adeguamento alle indicazioni fornite nelle risposte ai quesiti esclude l’applicazione delle eventuali sanzioni penali, amministrative e civili.

  • Prova 1
  • Prova 2
  • Prova 3

09:00
09:50

Open Storage: la rivoluzione che cambia il modo di archiviare le informazioni[w.15a]

Quante informazioni deve gestire la Pubblica Amministrazione, e sempre di più senza carta? Tutti i benefici della tecnologia Open Source e Industry Standard anche per lo Storage. Enormi benefici economici con risparmi fino al 75% nel rapporto prezzo/prestazioni, elevata velocità di accesso al dato grazie all'utilizzo di memorie Flash (SSD), sicurezza e garanzia sull’integrità dei dati mai vista unitamente ad una semplicità d'uso davvero disarmante.

09:00
09:50

Amministrare 2.0: Infrastrutture, Strumenti, Strategie per una Nuova Cittadinanza Digitale[w.1a]

I nuovi strumenti di comunicazione integrata per aumentare la collaborazione e l'efficienza operativa riducendo i costi di gestione. La collaboration e le tecnologie 2.0. Focus sulla Data Governance nella Pubblica Amministrazione

09:00
10:00

“La qualità della Formazione su salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. La progettazione, l’esperienza e il modello INAIL."[w.49a]

La formazione sulla sicurezza e salute nei luoghi dilavoro è uno degli elementi strategici del nuovo quadro normativo delineato dal D.Lgs. 81/2008 e si caratterizza come: - Processo educativo - Misura generale di tutela - Obbligo giuridico E’ infatti la formazione il necessario tassello nel puzzle del comportamento”sicuro”. Ciò comporta un approccio metodologico e qualitativo sia in fase di progettazione che di erogazione del servizio che deve tenere conto di alcuni elementi imprescindibili quali: - La visione di “processo”; - La necessità di approccio andragocico basato su metodologie attive; - L’inquadramento in un ambito di formazione continua nell’arco della vita lavorativa. La qualità del ciclo di produzione della formazione (dall’analisi dei bisogni alla progettazione, dall’erogazione alla valutazione, dal monitoraggio al miglioramento) è dunque un elemento fortemente caratterizzante l’efficacia dell’azione formativa soprattutto in un ambito quale quello della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro dove i comportamenti, la consapevolezza e la comunicazione del rischio giocano un ruolo determinante. La progettualità, il modello formativo INAIL e l’esperienza maturata nel corso degli anni è riconosciuta come un “benchmark” (riferimento) per coloro che intendano occuparsi di progettazione ed erogazione della formazione sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

09:00
12:00

“Formazione di alte professionalità per adeguare le competenze della Pubblica Amministrazione in materia di R&STI e relativa valorizzazione”[O.15]

Il Convegno si articolerà in una Sessione di lavoro e in una Tavola rotonda. Nella Sessione di lavoro (10.00 – 11.00) verranno presentati i risultati prodotti dall’Azione Pilota del MIUR nel suo complesso e gli impatti che questa ha prodotto (Progetto Karma). Un’attenzione particolare verrà dedicata ai risultati conseguiti dalle attività di ricerca condotte nella fase estensiva dell’Azione Pilota (dai progetti PARSEC, FIORI e FOSTER), incentrate sui modelli formativi volti all’adeguamento delle competenze delle figure professionali coinvolte in programmi e interventi di Ricerca, Sviluppo Tecnologico e Innovazione (R&STI). Tali modelli formativi verranno messi a confronto con le diverse tipologie di Formazione-Intervento adottate dai soggetti attuatori (SVO, CAF, PCM e Project Work) nel corso della Tavola rotonda (11.15-13.00). E’ previsto un Light Lunch alle 13.30.

09:00
10:00

Valutazione del SSN nell’Indagine Multiscopo. I Conti Economici delle Regioni[lab.93a]

L’indagine Multiscopo ISTAT sulla Salute 2005 si presta in modo esemplare alle attività di valutazione e programmazione sanitaria . Qualche dato: l’indagine è stata realizzata su un campione di 130.000 cittadini, quindi uno ogni 450 italiani, raccoglie un campione rappresentativo delle “Aree Vaste” ed è un’indagine di tipo unitario, realizzata con regole prestabilite in modo assolutamente rigido. I dati relativi ai Conti Economici (CE) dal 2003 al 2007 offrono l’opportunità per analizzare e valutare i Sistemi sanitari regionali e, quindi, anche le attività delle Aziende sanitarie, territoriali ed ospedaliere.

09:00
10:30

Sistema di gestione del fascicolo penale digitale[lab.65]

Il Progetto di Innovazione digitale degli Uffici Giudiziari della Regione Puglia è un intervento programmato dalla Regione Puglia e dal Ministero della Giustizia per supportare la Procura e il Pubblico Ministero (PM) nell’azione investigativa e per offrire all’intera Procura soluzioni innovative nei processi istituzionali interni e nelle sue interazioni sul territorio. Con l’intervento Progetto pilota “Procura della Repubblica di Lecce” è stato realizzato un sistema integrato per creare e gestire il fascicolo penale digitale, dal momento della ricezione della notizia di reato al momento della conclusione delle indagini preliminari

09:00
09:50

Risparmiare e aumentare la produttività con Unified Communications: VoIP, presenza, web conferencing[w.42a]

Le soluzioni di comunicazione e collaborazione permettono di aumentare la produttività dei gruppi di lavoro e di abbassare sensibilmente i costi eliminando o riducendo le necessità di spostamenti per partecipare alle riunioni permettendo di coinvolgere anche persone esterne all’azienda. Instant Messaging, VoIP, WebConferencing, email, fax: nel corso della sessione vedremo come grazie alla tecnologia Microsoft tutti i canali di comunicazione posso essere tenuti sotto controllo da qualsiasi luogo in modo semplice ed intuitivo.

09:00
11:00

Programma nazionale di protezione dei minori stranieri non accompagnati[L.4]

Il Programma nazionale di protezione dei minori stranieri non accompagnati –finanziato con il Fondo per l’inclusione sociale degli immigrati – Anno 2007, è promosso del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali ed è realizzato dall’ANCI. Si tratta della sperimentazione, attraverso una rete di Comuni, di un sistema nazionale di presa in carico e di integrazione con particolare riguardo alla pronta accoglienza dei minori stranieri che arrivano soli in Italia. A 6 mesi dall’avvio del Programma il Comitato minori stranieri e l’ANCI si confrontano sui primi risultati conseguiti e sugli elementi di innovatività delle politiche sociali sperimentati a livello locale al fine di una migliore comprensione del fenomeno a livello nazionale.

09:00
09:50

Ottimizzare l'uso delle risorse IT per migliorare la produttività[w.37a]

Premessa: Nella moderna pubblica amministrazione le strategie IT hanno un’importanza crescente. La rete, in particolare, sta diventando lo strumento principale su cui si basano le applicazioni critiche per lo svolgimento delle operazioni. Questo pezzo di IT ha ora bisogno di essere gestito con particolare attenzione. La rete è la parte del sistema informativo che è la più condivisa tra le varie applicazioni. Essa trasporta le applicazioni critiche, ma anche quelle molto meno critiche, anzi, talvolta ricreative. La mancanza di controllo dell’utilizzo della rete può avere due impatti principali sulla produttività: 1) gli utenti delle applicazioni potrebbero sentire la carenza delle risorse necessarie, a causa degli utenti di applicazioni non critiche e quindi non riuscire ad avere un uso produttivo di queste. 2) se le applicazioni non business sono a piena disposizione degli utenti, possono mettere in pericolo direttamente la produttività dei singoli utenti. In questa presentazione si descrive la soluzione per ottenere il pieno controllo dell'uso delle risorse di rete, al fine di massimizzare la produttività degli utenti delle applicazioni stesse.

09:00
09:50

Le nuove frontiere della didattica attraverso supporti informatici[w.23a]

Il progetto Innovascuola, organizzato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri ed implementato da Gestioni Elettroniche e Telecom Italia, prevede l’installazione in 550 Istituti di tutta Italia di 1.650 kit formati da: Lavagna Interattiva Multimediale, Proiettore a corto raggio, Personal Computer, Software a corredo. Le aule così attrezzate potranno effettuare una formazione multimediale e con supporti interattivi. I SW forniti prevedono un grande coinvolgimento degli alunni, stimolandoli come un gioco, e formandoli ad una nuova realtà che vede sempre più presente l’informatica nella vita di tutti i giorni. Le soluzioni integrate sono di estremo interesse anche in altri campi della formazione e della comunicazione in senso lato, grazie alla possibilità di interagire sia con il supporto di presentazione, sia con le persone presenti attraverso l’utilizzo di tablet specifici e risponditori.

09:00
10:00

La transizione al digitale nel 2009[lab.180]

Entro la fine del 2012 tutta l’Italia sarà “digitale”: le trasmissioni televisive potranno essere ricevute solo se l’utente si sarà dotato di un decoder o di un televisore con decoder integrato. Nel corso del 2009 saranno coinvolte nel passaggio al digitale il Piemonte, la Valle d’Aosta, le Province autonome di Trento e Bolzano, il Lazio e la Campania. La rivoluzione digitale è partita dalla Sardegna, per la quale lo switch-off si è concluso il 31 ottobre 2008 con il coinvolgimento di tutti i 377 comuni sardi e di oltre 1.600.000 cittadini. Il passaggio al digitale della Sardegna è stato, quindi, una sorta di laboratorio di sperimentazione, sia dal punto di vista tecnico che organizzativo, propedeutico per la definizione delle procedure che saranno riproposte nel resto d’Italia, costituendo una sorta di “modello”. L’Officina PA affronterà il tema della transizione al digitale, illustrandone gli aspetti tecnici, regolamentari, normativi ed economici. Verranno, inoltre, descritte tutte le iniziative intraprese per assistere la popolazione durante le varie fasi dello switch- off.

09:00
09:50

La tecnologia e l’innovazione IT per la tutela dell’ambiente e l’efficienza energetica della Pubblica Amministrazione.[w.33a]

La tutela dell’ambiente e l’utilizzo efficiente delle risorse sono un’importante sfida per la moderna Pubblica Amministrazione. In questo contesto l’innovazione e la tecnologia IT offrono oggi soluzioni in grado di affrontare queste tematiche garantendo alle Pubbliche Amministrazioni efficaci strumenti per assicurare maggiori servizi al cittadino con un utilizzo più efficiente delle risorse nel rispetto dell’ambiente. La Pubblica Amministrazione ha nell’attuale contesto economico e sociale l’occasione di guidare i cittadini e il settore privato assumendosi il ruolo di driver del cambiamento nelle politiche di approvvigionamento ed utilizzo delle risorse. Monitorare i propri consumi energetici IT, utilizzare meno energia per le apparecchiature, ridurre gli sprechi con soluzioni Hardware e Software, riciclare risorse e gestire il fine vita dei prodotti (siano essi PC, Notebook, stampanti o server) con programmi dedicati sono attività che portano benefici economici, benefici per la comunità e benefici per l’ambiente.

09:00
09:50

Government Performance Management: strategie e soluzioni per l'eccellenza gestionale della PA[w.5a]

Cittadini e imprese chiedono alla Pubblica Amministrazione servizi più efficienti, rapidi e personalizzati. La P.A., chiamata a svolgere un ruolo sempre più importante di indirizzo e di sostegno all'economia, può e deve rispondere alla sfida dell'eccellenza gestionale. Oracle offre strategie, modelli e soluzioni - specificatamente dedicati alla P.A. - per aumentare la rapidità dei processi decisionali ed operativi, per incrementare la flessibilità di risorse ed organizzazione, per migliorare la produttività e le performance.

09:00
12:00

Costruire la nuova dirigenza pubblica per l'innovazione negli Enti Locali: il progetto di accreditamento dei Direttori Generali[B.18]

Recenti ricerche dimostrano che laddove esiste la figura del Direttore Generale, i processi di innovazione degli Enti Locali sono avanzati e si consolidano con maggiore celerità ed efficacia. Resta però la criticità per Sindaci e Presidenti di Provincia di individuare una figura professionale realmente rispondente alle necessità dell'ente senza poter ricorrere a parametri condivisi o indicatori di competenze specifici. Su queste basi, ANDIGEL, l'associazione nazionale dei direttori generali degli enti locali, ha avviato un progetto in collaborazione con la Fondazione Alma Mater dell’Università di Bologna che oggi giunge alla conclusione della sua prima fase mettendo a disposizione dei vertici politici delle amministrazioni locali un primo elenco di dirigenti dotati di esperienza e professionalità adeguate a ricoprire il ruolo di Direttore Generale senza per questo ricorrere a strumenti di certificazione eccessivamente rigidi. L’idea di passare da “albi” e “agenzie” a elenchi accreditati che possano essere un luogo di riferimento per chi cerca direttori e dirigenti altamente efficaci, può rappresentare la via d’uscita tra il rischio di cancellare la dinamicità dei nuovi ingressi di dirigenti nella PA e, nel contempo, evitare la deriva di uno spoil system “selvaggio” che in alcune aree del paese rischia di diventare diffuso.

09:00
13:00

Gli esperti rispondono[lab.257]

Gli esperti dell’ISS rispondo alle domande del pubblico su: vecchie e nuove droghe, sicurezza dei consumatori, rifiuti e inceneritori

09:00
11:00

Donne, Lavoro e Politica[lab.241]

Esperienze progettuali della Consigliera di parità in Molise: Impresa Donna, Action Plaining

09:00
09:50

Dematerializzare i procedimenti amministrativi nella PA: un caso concreto tra normativa e pratica[w.13a]

Il corso ha lo scopo di illustrare come sia possibile ottenere una completa dematerializzazione dei procedimenti amministrativi nella PA attraverso l'applicazione di metodologie e tecnologie di document management e di gestione automatizzata dei procedimenti nel rispetto delle normative vigenti. Durante il corso sarà illustrata un'applicazione pratica di dematerializzazione adottata in una grande Amministrazione Pubblica.

09:30
10:30

La valorizzazione delle eccellenze.[lab.305]

La scuola italiana valorizza gli studenti eccellenti. Un programma di iniziative per la premiazione degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado che ottengono: 100 e lode agli esami di Stato; elevati risultati in competizioni legate alle discipline di studio

09:30
10:30

La Banca dati e il Repertorio dei dispositivi medici: un esempio di applicazione delle tecnologie nell’ amministrazione digitale[lab.87]

A partire dal maggio 2007 il procedimento relativo alla trasmissione delle informazioni sui dispositivi medici commercializzati in Italia viene effettuato esclusivamente in formato elettronico. L’accesso avviene anche attraverso il Portale per le imprese e prevede l’utilizzo di una Carta Nazionale dei servizi che include un certificato di firma digitale. Anche la consultazione delle informazioni di interesse per gli operatori del Servizio sanitario nazionale avviene attraverso la medesima modalità. In generale si tratta di un esempio in materia di utilizzo delle tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni nell’azione amministrativa con riferimento, in particolare, all’uso del documento informatico, delle firme digitali e delle firme elettroniche.

10:00
10:50

Le energie rinnovabili e il ruolo di una banca dedicata: l'esperienza del fotovoltaico[w.29a]

I cambiamenti climatici, le politiche di risparmio energetico ed una maggiore sensibilità ai temi ambientali hanno imposto negli ultimi anni un profondo ripensamento delle politiche energetiche dei principali paesi industrializzati. In questo contesto la produzione di energia da fonti “cosiddette” rinnovabili è diventata una priorità assoluta anche per il nostro Sistema Paese. Quali sono le principali fonti rinnovabili, quali sono le possibilità di sviluppo sul nostro territorio e quali sono sopratutto le opportunità derivanti dai meccanismi di incentivazione introdotti negli anni più recenti sono i principali quesiti affrontati dal seminario. Con particolare riferimento alla produzione di energia elettrica da trasformazione fotovoltaica il master tenta, inoltre, di tracciare possibili strade alternative per quegli Enti Locali che vogliano dotarsi di impianti in grado da un parte, di concorrere alle specifiche politiche ambientali, dall’altra, di conseguire l’obiettivo di risparmio energetico liberando nel contempo risorse da destinare allo sviluppo del territorio.

10:00
10:50

“INAIL : una azienda pubblica su Web”[w.48a]

L’INAIL ha da tempo iniziato un percorso di sviluppo dei suoi servizi su web. Intorno alla fine degli anni ’90 si è costruito un portale istituzionale e una intranet aziendale, di carattere prevalentemente informativo, contestualmente sviluppando siti regionali, gestiti a livello territoriale. Si è poi proceduto da una parte a definire alcuni servizi dispositivi destinati all’utenza interna e la migrazione delle procedure operative istituzionali su web. In una ulteriore fase si è iniziato a sviluppare servizi dedicati all’utenza esterna (raccolti nel Punto Cliente), con un ulteriore sviluppo del portale. Attualmente in un’ottica di centralità dell’utente, si sta procedendo ad una razionalizzazione dei contenuti, ad un miglioramento dell’accessibilità e fruibilità, all’unificazione di intranet ed internet tramite profilazione utente, nonchè ad un ulteriore sviluppo di servizi che incidono sugli aspetti organizzativi dell’Istituto, sperimentando nuove modalità di interazione con l’utente, avvalendosi dei paradigmi del web 2.0, con l’introduzione di forum, agende comuni, condivisione di documentazione di lavoro, blog, aspetti di personalizzazione, gestione di news. Nel corso dell’intervento si esporranno i principali aspetti organizzativi e tecnologici che hanno guidato l’evoluzione delle modalità di erogazione dei servizi sia verso i cittadini e imprese che verso il personale dell’Istituto.

10:00
10:50

Unified Communication and Collaboration: strategie, soluzioni e servizi per le amministrazioni[w.41a]

Nel corso della presentazione verranno illustrate le strategie, i nuovi scenari, i servizi dedicati e le soluzioni Unified Communication and Collaboration che consentono alle amministrazioni pubbliche di abilitare nuovi servizi, aumentare l’efficienza e ridurre tempi e costi assicurando un efficace e rapido ritorno degli investimenti.

10:00
11:00

Scuola digitale: Innovare la didattica alla lavagna[lab.300]

Il progetto Scuola Digitale-Lavagna nasce nell’ambito di un piano nazionale di sostegno dell’innovazione digitale nelle scuole avviato dalla Direzione Generale per gli Studi e la programmazione e per i sistemi informativi del MIUR. Il progetto si prefigge di dotare le scuole di Lavagne Interattive Multimediali per l'innovazione della didattica in classe ed è rivolto, a partire dal corrente anno scolastico, alle scuole statali secondarie di I grado e progressivamente alle scuole degli altri gradi. Per un'efficace integrazione della lavagna digitale nella didattica delle discipline il progetto prevede la formazione degli insegnanti a cura dell’Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell’Autonomia Scolastica. L’uso delle nuove tecnologie a scuola trasforma la comunicazione tra studenti e insegnanti, modifica gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative con un miglioramento a livello di stimolo dell’attenzione e della motivazione, difficoltà di apprendimento, recupero della dispersione scolastica. Alcune scuole del Lazio presenteranno esperienze già consolidate di utilizzo delle LIM nelle aule e nell’insegnamento a studenti diversamente abili.

10:00
11:00

Rifiuti in cementeria. Opportunità per l’ambiente. Percorso autorizzativo e di controllo . Casi di studio[w.32a]

Alcuni casi di studio mostrano come il processo produttivo del cemento possa entrare nella gestione integrata dei rifiuti con vantaggio per l’ambiente, le comunità locali e le imprese. Il seminario ruota intorno a 3 argomenti: 1) Impatto ambientale del processo produttivo del cemento in presenza di utilizzazione di residui e rifiuti. 2) Il percorso autorizzativo e di controllo: normativa nazionale e direttive europee; deleghe regionali; ruolo delle province. Analisi delle problematiche di ordine regolamentare; strumenti di controllo messi in atto dalle amministrazioni e dalle imprese; rapporti pubblica amministrazione/ impresa. 3) Testimonianza delle pubbliche amministrazioni che hanno sperimentato percorsi autorizzativi e di controllo per l’inserimento delle cementerie nel ciclo di gestione dei rifiuti.

10:00
10:20

Ottimizzare l'uso delle risorse IT per migliorare la produttività[lab.33a]

CNAM (Case Study Pubblica Amministrazione Francese). Durata 20 Minuti. Nella moderna pubblica amministrazione le strategie IT hanno un’importanza crescente. La rete, in particolare, sta diventando lo strumento principale su cui si basano le applicazioni critiche per lo svolgimento delle operazioni. Questo pezzo di IT ha ora bisogno di essere gestito con particolare attenzione. La rete è la parte del sistema informativo che è la più condivisa tra le varie applicazioni. Essa trasporta le applicazioni critiche, ma anche quelle molto meno critiche, anzi, talvolta ricreative. La mancanza di controllo dell’utilizzo della rete può avere due impatti principali sulla produttività: 1) gli utenti delle applicazioni potrebbero sentire la carenza delle risorse necessarie, a causa degli utenti di applicazioni non critiche e quindi non riuscire ad avere un uso produttivo di queste. 2) se le applicazioni non business sono a piena disposizione degli utenti, possono mettere in pericolo direttamente la produttività dei singoli utenti. In questa presentazione si descrive la soluzione per ottenere il pieno controllo dell'uso delle risorse di rete, al fine di massimizzare la produttività degli utenti delle applicazioni stesse.

10:00
10:45

Madre Segreta[lab.105a]

Il servizio "Madre segreta", istituito nel 1996, si occupa della difficoltà materna in gravidanza e delle maternità segrete, nella considerazione che questo disagio sia spesso rimosso o nascosto per timore del giudizio sociale portando a situazioni rischiose, e che per la donna che lo vive sia spesso difficile rivolgersi direttamente ai servizi sociali e agli ospedali per chiedere di essere aiutata. Le attività del servizio si articolano in tre aree collegate tra loro e vengono condotte ponendo una particolare attenzione alla documentazione e alla ricerca. - Area dedicata direttamente alle donne in difficoltà con la Linea Verde 800.400.400 e il Progetto Arianna - Area di promozione delle reti locali, di supporto ai servizi sociali e sanitari locali, con attività di formazione, consulenza e promozione di progetti territoriali - Area di documentazione: con un Osservatorio permanente sulle nascite senza riconoscimento nelle province di Milano e Monza, e con una biblioteca tematica aperta alla consultazione.

10:00
11:00

L’ICE e la formazione all’internazionalizzazione[lab.178a]

L’ICE investe da lungo tempo su un’attività di formazione completa e competitiva, quale leva fondamentale per l’internazionalizzazione del Sistema Italia. L’obiettivo primario è quello di soddisfare le esigenze delle piccole e medie imprese che intendono affermarsi sui mercati internazionali. L’ICE prepara pertanto professionisti che sappiano interpretare e gestire i processi di internazionalizzazione. L’ICE propone una offerta formativa integrata, innovativa e aggiornata, che coincide con le reali esigenze del mercato internazionale.

10:00
10:50

Location Intelligence: il modo innovativo per la valorizzazione del patrimonio informativo nella Pubblica Amministrazione[w.6a]

L'ingente patrimonio di dati geografici in dotazione alla pubblica ammistrazione e' quasi sempre utilizzato esclusivamente per la gestione cartografica del territorio; il valore aggiunto che la location – il dato geografico - può apportare a una banca dati viene spesso sottovalutato se non addirittura ignorato. La Location Intelligence, binomio tra Business Intelligence e Location, costituisce la soluzione innovativa per la modellazione e l'interpretazione di fenomeni complessi attraverso l'utilizzo delle relazioni spaziali, spesso implicite, che si possono intessere in un sistema informativo. Nella sessione si descrivera' la soluzione integrata di Oracle per Location Intelligence corredata di opportuni "case study" dimostrativi.

10:00
11:00

Lavorare sempre meglio e più preparati[lab.255a]

La consapevolezza che investire nelle risorse umane è assolutamente strategico per migliorare il servizio reso ai cittadini ha spinto l’amministrazione ad avviare un intenso percorso di formazione. Fare acquisire la coscienza del “sapere essere” quale presupposto per il “saper fare” è indispensabile per arrivare in definitiva al lavorare per dare un servizio. Nel “Lavorare meglio” è celato un grande segreto: la disponibilità di tutti a mettersi in gioco e di collaborare con gli altri al fine di raggiungere un obiettivo comune che si concretizza nella parola che tutti sogniamo: il successo dell’azienda. Verranno presentati: il progetto formativo nelle sue fasi di analisi, progettazione, realizzazione, monitoraggio e valutazione, il percorsi formativi per la motivazione; comunicazione organizzativa, teatro d’impresa, public speaking, change management, project management, il percorso tecnico; corsi di lingue, di diritto amministrativo e codice degli appalti, di contabilità economica in Sicoge, di informatica e seminari di approfondimento. Gli attori del mentoring: i tutors. Testimonianza dei partecipanti ai corsi di comunicazione, public speaking e teatro d’impresa.

10:00
10:30

La dematerializzazione degli atti di pagamento. L’Istat volta pagina[lab.86a]

Nel corso del 2008 l’Istat ha realizzato la prima fase del progetto per la dematerializzazione degli atti di pagamento ed incasso che contribuisce in termini concreti al miglioramento dell’efficienza e della qualità dei processi e colloca l’Ente tra i primi, di rilevanza nazionale, ad essersi cimentato con un cambiamento di così ampio impatto e portata. La progettazione e la successiva messa a regime del sistema di dematerializzazione degli atti di spesa e incasso ha richiesto l’individuazione di soluzioni ad hoc. per la gestione ed il trattamento dei dati e la loro trasmissione verso il sistema bancario. L’esperienza maturata in questi mesi è stata estremamente significativa per effetto: 1. delle caratteristiche dell’oggetto di dematerializzazione, atti che presentano una rilevanza amministrativa, contabile e fiscale e richiedono sistemi avanzati di controllo e sicurezza; 2. del volume degli atti di pagamento e riscossione. Circa 50.000 disposizioni annuali di pagamento ed incasso, 30 modalità alternative di pagamento e riscossione in ambito nazionale ed internazionale; 3. della complessità delle procedure interne per l’archiviazione, la conservazione della documentazione dematerializzata ed il monitoraggio del flusso informatico. Nel corso dell’Officina sono illustrati: il contesto in cui è maturato il progetto; i presupposti organizzativi e tecnologici; la metodologia e le fasi del progetto; le principali criticità affrontate e le soluzioni organizzative, tecniche e procedurali effettuate; le evoluzioni future.

10:00
10:50

La costruzione di reti formative per la PA: i risultati del progetto CEK-Lab – Continuous Education and Knowledge Laboratory[lab.124]

Il progetto CEK-Lab mira alla costruzione di un nuovo modello di gestione della Formazione Manageriale in Regione Campania. L’analisi svolta ha riguardato 5 sottosistemi: giovani, imprese, banche, Public Utilities e Pubblica Amministrazione. L’analisi sui modelli d’acquisto della formazione da parte della PA ha evidenziato l’esigenza, in generale ostacolata dalle procedure di gara, di costruire un rapporto stabile fra responsabili della formazione dell’Ente e Organismi di Formazione. Solo così sarà infatti possibile utilizzare la formazione come supporto ai processi di cambiamento strategico, organizzativo e gestionale dell’Ente. Se gli Enti di maggiori dimensioni riescono in parte a sopperire a tale esigenza attraverso il proprio ufficio formazione, i piccoli Comuni non possono che acquistare offerte preconfezionate a catalogo. La proposta innovativa, nata dalla sperimentazione CEK-Lab, è legata alla costruzione di reti formative territoriali (preferibilmente sovrapposte alle reti che determinano la governance del territorio) in grado di interloquire con gli OdF, acquistando pacchetto personalizzati su base territoriale.

10:00
11:00

ILPIANO INDUSTRIALE DELL’INPDAP[lab.290]

Si propone di ridefinire la missione e il posizionamento strategico dell’ente riqualificandolo quale polo di eccellenza del sistema di welfare, attraverso tre direttrici : orientamento all’utente, modernizzazione e competitività.

10:00
10:50

Architetture integrate per aumentare la produttività[w.16a]

Quali e quanti servizi si aspettano i cittadini dalla PA ? E' possibile consolidare i diversi servizi su una unica infrastruttura IT. Panoramica sulle soluzioni integrate la cui adozione può consentire, da subito, una più alta produttività con costi minori.

10:00
12:00

Il public procurement in Lombardia: il caso della Centrale Regionale Acquisti[lab.266]

Nell’ambito delle politiche regionali volte all’ ottimizzazione degli acquisti, Regione Lombardia ha dato mandato attraverso legge regionale a Lombardia Informatica s.p.a di costituire la centrale acquisti con il duplice ruolo di centrale di committenza e di promotrice dell’innovazione attraverso lo sviluppo e promozione della piattaforma di e-procurement Sintel. La Centrale attiva da giugno 2007 presenta i principali risultati ottenuti e apre il confronto per predisporre le migliori politiche attuative per il raggiungimento degli obiettivi del Piano UE i2010 sull’e-procurement.

10:00
10:50

Gestione e valorizzazione delle risorse umane in Regione Emilia Romagna. Un esempio di eccellenza.[w.20a]

Introdurre nella propria organizzazione modelli di gestione innovativa del personale è un obiettivo strategico della Pubblica Amministrazione non solo in Italia ma in tutto il mondo. SAP da anni supporta la Pubblica Amministrazione italiana e di altri 50 paesi a gestire il processo di trasformazione in atto, che prevede una migliore gestione e valorizzazione delle risorse umane, attraverso l’adozione di modelli organizzativi e processi di gestione del personale più efficaci, semplici e veloci. Automazione e semplificazione di processi amministrativi, gestione dell’intero ciclo di permanenza del dipendente nell’organizzazione, maggior opportunità di sviluppo professionale, trasparenza e accessibilità delle informazioni, dematerializzazione grazie all’utilizzo di funzionalità “self –service”, sono solo alcuni dei benefici raggiunti dalle Amministrazioni che hanno adottato la soluzione SAP HCM (Human Capital Management). In questo contesto Regione Emilia Romagna, racconterà la propria esperienza, come buona pratica di funzionamento della PA locale. Nel 2007 la Regione ha intrapreso un importante progetto di revisione dell’intera area delle Risorse Umane con l’obiettivo di innovare e semplificare in materia di personale, adottando la piattaforma SAP HCM per i processi di trattamento economico e contributivo, rilevazione presenze, gestione missioni. Il progetto sarà completato con la gestione complessiva del rapporto di lavoro e dello sviluppo di carriera. La piattaforma implementata consente inoltre la gestione di processi interni, tipicamente processi di comunicazione tra dipendente ed amministrazione con un forte impatto organizzativo, in modalità paperless.

10:00
10:50

Esperienze e soluzioni IBM nei progetti sanitari regionali[w.2a]

I progetti di sanità elettronica sono essenzialmente progetti di integrazione di persone, processi, applicazioni e dati. Si analizzano in dettaglio due diverse modalità di approccio dal punto di vista informativo: integrazione attraverso una piattaforma di tipo middleware; integrazione attraverso un sistema ERP.

10:00
10:50

Dal client all’infrastruttura: come e perchè la virtualizzazione e l’automazione dell’IT sono una concreta opportunità per la Pubblica Amminstrazione[w.34a]

Dalle ricerche di settore emerge che, sebbene una significativa percentuale dei decision maker tecnologici abbiano già implementato progetti di automazione dell’IT e di virtualizzazione, molte amminstrazioni pubbliche sono ancora allo stadio iniziale di adozione e le potenzialità di queste soluzioni sono ancora inespresse. L’adozione di una efficace strategia di automazione dell’IT e di virtualizzazione consentirebbe alla Pubblica Amminstrazione di diminuire significativamente i costi e di liberare risorse da dedicare a servizi aggiuntivi garantendo, al contempo, sicurezza e continuità operativa. Per supportare le pubbliche ammistrazione e fare delle soluzioni di automatizzazione e virtualizzazione dell’infrastruttura e degli ambienti client un efficace strumento per ridurre le attuali “barriere tecnologiche” e le restrizioni di budget, HP propone questo incontro. Durante l’incontro avrete modo di approfondire la teoria, la pratica e i riflessi nell’operare quotidiano dell’adozione delle principali soluzioni di automazione e virtualizzazione degli ambienti server e client presenti sul mercato.

10:00
10:30

La Memoria della Sardegna in rete - Sardegna Digital Library[lab.188]

Obiettivi: Con il portale Sardegna Digital Library, la Regione attua la politica di valorizzazione del patrimonio culturale della Sardegna, che diventa accessibile a tutti ovunque nel mondo. La Digital Library è un grande archivio, continuamente arricchito, da contenuti provenienti da svariate fonti: archivio Luce, RAI, Istituto Regionale Etnografico, Enti regionali, il Centro di Documentazione della Presidenza con i filmati che hanno testimoniato la vita istituzionale della Regione dagli anni 70 ad oggi, i privati che hanno voluto contribuire ad arricchire questo patrimonio della memoria. La finalità è quella di mettere a disposizione di tutti uno strumento di ricerca e conoscenza dell’inestimabile patrimonio culturale della Sardegna e, allo stesso tempo, sensibilizzare i cittadini sull’importanza della tutela e valorizzazione dei nostri beni materiali e immateriali. Il portale raccoglie contenuti digitali e multimediali riguardanti la cultura, la storia, la letteratura, la musica, il territorio, l’ambiente e le immagini della Sardegna. Detti materiali sono filmati video, file audio, pubblicazioni , immagini etc Ogni elemento è contraddistinto da parole chiave, i tag, secondo una precisa catalogazione. Questo agevola la ricerca per autore, per data, per argomento. Il dato innovativo è che tutti i contenuti digitali pubblicati sui siti tematici della Regione Sardegna confluiscono in Sardegna Digital Library e sono quindi consultabili in vari ambiti del portale istituzionale della Regione. Beneficiari: La collettività.

10:30
11:30

Prospetto informativo dei disabili. Le novità[w.50a]

La legge 6 agosto 2008, n. 133 ha innovato l’art. 9 della legge 68/99, introducendo l’obbligo di invio telematico del Prospetto Informativo (ex CL/9). La norma si inserisce in un percorso di semplificazione amministrativa e di creazione di una rete di servizi per il Lavoro a livello Nazionale già iniziato con le Comunicazioni Obbligatorie On Line. Il master verterà sulle principali novità introdotte dalla norma e sul funzionamento del Sistema Informatico per l’invio del Prospetto Informativo on line, messo a disposizione ai datori di lavoro dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali.

10:30
11:00

RE.L.A.IS.: una soluzione open source per integrare diverse fonti dati.[lab.83a]

RELAIS è un progetto open source avente come obiettivo la definizione di un toolkit per risolvere problemi di record linkage (RL). La finalità del RL è quella di individuare stesse unità in fonti dati diverse, anche in assenza di un identificativo univoco. L'obiettivo di risolvere problemi di RL in generale è ambizioso perché le soluzioni finora studiate in letteratura o adottate nella pratica si sono dimostrate efficaci ed efficienti per la risoluzione di specifiche problematiche ma perdono affidabilità in altri contesti. D'altronde i problemi di RL sono fortemente caratterizzati dalla natura dei dati da abbinare e sembra improbabile che un' unica metodologia si riveli indicata in generale. Questa constatazione è alla base della filosofia di RELAIS che non propone un'unica metodologia ma scompone l'intero problema individuandone le fasi costituenti e rende disponibili una collezione di tecniche per affrontare ogni singola fase nelle varie caratterizzazioni possibili. La scelta di approcci opportuni nelle singole fasi permette così di affrontare adeguatamente il problema qualsiasi sia la natura dei dati. L'ambiente tecnologico scelto per lo sviluppo di RELAIS rispecchia la diversa natura delle necessità tecniche avvalendosi di diverse componenti: Java (linguaggio object-oriented) per i moduli orientati alla gestione dei dati, R (linguaggio funzionale) per i moduli orientati al calcolo e Mysql per la memorizzazione dei dati. La scelta open source del progetto apre a tutti l'implementazione di nuove tecniche.

10:30
11:30

ILPIANO INDUSTRIALE OPERATIVO PER LE INIZIATIVE DI COMUNICAZIONE[lab.280]

Il Piano dettaglia le iniziative, i canali e gli strumenti di comunicazione che sosterranno il percorso di cambiamento verso la migliore efficienza e qualità dell’Istituto.

10:30
11:30

Progetto di valorizzazione del Museo “Naborre Campanini” e del castello di Canossa[lab.325]

Promosso da: Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna

10:30
12:00

Convegno inaugurale. “PA un anno dopo: facciamo il punto”[E.1]

Il Ministro, intervistato da un giornalista e dalle domande pervenute dalla rete, da conto ai cittadini e ai lavoratori pubblici di un anno di lavoro.

11:00
11:50

Un approccio innovativo ai processi di gestione e produzione dei documenti.[w.18a]

I documenti cartacei che vengono prodotti e gestiti da una Amministrazione, sia nell’ambito di processi interni che nelle relazioni con cittadini e aziende, sono molteplici. Un’iniziativa efficace di dematerializzazione dovrebbe prevedere la dismissione della carta esistente nell’Amministrazione, ma soprattutto eliminarne immediatamente la produzione. La semplice smaterializzazione dei documenti esistenti è limitativa, perché ne comporterà comunque la produzione. Un approccio efficace deve poter prevedere la gestione di entrambi gli aspetti: da un lato l’introduzione di sistemi che permettano di informatizzare qualunque documento cartaceo gestito dall’Amministrazione (ad esempio, dal modulo di ingresso della portineria al cedolino elettronico), dall’altro recuperare in forma digitale il patrimonio documentale esistente. L’introduzione progressiva di strumenti applicativi di supporto ai processi gestionali può consentire alle Amministrazioni un più efficiente governo dell’azione amministrativa. Questo obiettivo può essere raggiunto prevedendo una stretta cooperazione ed interoperabilità fra i sistemi di governo del processo ed i sistemi di produzione e gestione dei documenti digitali; infatti, nella logica di un processo “end to end” ottimizzato non è possibile separare il Processo Amministrativo dalla gestione del relativo Atto Amministrativo. In quest’ottica SAP, da anni leader di mercato per le soluzioni gestionali, attraverso l’integrazione nativa con prodotti “best of breed” nell’ambito della dematerializzazione e gestione documentale, come le soluzioni di OpenText ed Adobe, è in grado di offrire una soluzione unica, completa e flessibile.

11:00
11:50

Green IT: Trasformare l'infrastruttura IT secondo criteri di efficienza e sostenibilità[w.3a]

L'efficienza energetica e la sostenibilità ambientale rappresentano criteri imprescindibili su cui impostare un percorso di trasformazione della infrastruttura IT. L'aderenza a normative sempre più stringenti e la riduzione del proprio carbon footprint si coniugano con benefici diretti sul piano della efficacia operativa e del risparmio economico, in un processo inerentemente win-win. Con il progetto Big Green IBM pone le tematiche dell'efficienza e della sostenibilità al centro di una iniziativa di grandi proporzioni che investe l'intera offerta di prodotti hardware, software e servizi tecnologici. La visione integrata del mondo IT con l'infrastruttura dei Datacenter, unitamente alla capacità di individuare gli elementi del processo di efficientamento ottimizzando il rapporto tra investimenti e risultati, rappresentano il valore aggiunto che IBM porta ai propri clienti e al mercato. Analisi di efficienza energetica, framework sofisticati di monitoring & control de iconsumi, architetture modulari per datacenter di nuova generazione, efficaci tecnologie di server, storage e client virtualization: sono alcune delle soluzioni he IBM propone per costruire una infrastruttura efficiente, sostenibile, e capace di supportare il business nel suo continuo processo di trasformazione.

11:00
12:00

Tutela del marchio e servizi per l’impresa ed i cittadini[w.57a]

Cosa è un marchio – caratteristiche: figurativo, verbale, di forma, di colore – Modalità di deposito delle domande di registrazione dei marchi - Uso del marchio – Cenni normativi - Classificazione dei prodotti e servizi (Classificazione di Nizza – IX edizione)- Compiti dell’ufficio, modalità di esame e di registrazione – Rappresentanza per le procedure presso l’ufficio (mandatari o altri professionisti abilitati) - Rilievi, proposte di rifiuto e rifiuto definitivo – Ricorso alla Commissione dei ricorsi avverso le decisioni dell’ufficio - Casi in cui è prevista la richiesta di un parere preventivo ad altre amministrazioni (ministeri dell’interno e delle politiche agricole) – Efficacia e durata della protezione – Rinnovo del marchio. Tutela ex-ante ed ex-post nei confronti di domanda di registrazione di marchio d’impresa avente caratteristiche simili ad un marchio già registrato o ad una domanda di registrazione antecedente - Registro ufficiale delle concessioni - Banca dati – Bollettino dei marchi ed altre pubblicazioni – Correzioni – Varie ed eventuali

11:00
11:45

Qualita’ e Sicurezza delle applicazioni: il percorso di modernizzazione per la Pubblica Amministrazione[w.36a]

Modernizzazione, Qualita’ e Sicurezza nelle Applicazioni sono i temi caldi all’interno di una Pubblica Amministrazione che si evolve. Nuovi strumenti e nuove architetture consentono di sviluppare e fornire in modo più semplice e rapido applicazioni composite, applicazioni Internet complesse e servizi Web 2.0 interattivi. Tendenze quali l'offshoring, l'outsourcing e la globalizzazione dei team di sviluppo e controllo della qualità (QA) hanno sollecitato ulteriormente l'IT nella ricerca di intervalli di sviluppo più serrati e di procedure di qualità più sistematiche. Inoltre, nuovi requisiti di conformità e governance rendono ancora più importanti la sicurezza e gli altri attributi della qualità delle applicazioni. HP Software, con il corretto mix fra tecnologie a supporto e competenze, ha ruolo fondamentale in un IT, come quello della Pubblica Amministrazione, che deve definire processi di gestione dei cambiamenti efficaci e trovare nuovi modi di conservare la qualita’ applicativa sotto diversi aspetti: funzionalita’, performance e di sicurezza applicativa.

11:00
12:30

PA accessibile e Web: 360° di soluzioni a costo ZERO per gli enti locali[lab.144a]

Il progetto “Rete per l’Accessibilità in Emilia-Romagna” (RAcER), previsto dal Piano Telematico regionale, muove dall’analisi dei dati di benchmarking del Piter con l’obiettivo di migliorare l’accessibilità dei siti istituzionali e dei servizi on line delle PA locali, attraverso: - la creazione di un coordinamento permanente tra le strutture che si occupano di accessibilità nelle amministrazioni regionali, tramite la costituzione di una Comunità Tematica sulla e-inclusion nell’ambito della CN-ER - lo sviluppo di una metodologia e di uno strumento di monitoraggio dell’accessibilità a supporto del benchmark e delle politiche regionali - la selezione di strumenti wcm e groupware, open source e accessibili. A conclusione del progetto è prevista la realizzazione di un kit di pronto uso, da mettere a disposizione degli enti interessati, contenente il sistema di valutazione e monitoraggio, gli strumenti software per gestire siti accessibili, nonchè tutto il materiale formativo e informativo necessario. Nell’ambito di questo incontro verranno quindi presentati i primi risultati del progetto ed illustrati alcuni prodotti che saranno inseriti nel kit dell’accessibilità; in particolare, in sinergia con il progetto SELF (Sistema di E-Learning Federato), verranno presentati alcuni moduli di corsi in modalità e-learning che saranno inseriti nel kit. I visitatori sono invitati a partecipare attivamente alla presentazione, portando le proprie competenze e le proprie soluzioni, o anche solo per segnalare il loro interessamento a condividere il modello e/o il prodotto.

11:00
12:00

Ospedale per intesità di cura: il progetto TUTORS[lab.4]

Le modalità di erogazione dell'assistenza sanitaria ospedaliera sono in questi tempi oggetto di discussioni e revisione. Il concetto ancora in gran parte astratto di centralità del paziente trova compimento nella struttura sanitaria che si muove per incontrare il paziente e non viceversa come diffusamente avviene oggi. L'ospedale del futuro viene pensato organizzato in livelli differenziati a seconda dell'intensità dell'assistenza richiesta dal singolo paziente Questo comporta il superamento delle Unità Operative specialistiche. Vengono individuati tre livelli§: Livello 1 ad alta intesità di assistenza, Livello 2 a media intensità di assistenza, Livello 3 a bassa intensità di assistenza. Il responsabile di area affida il paziente ad un singolo tutor medico e infermiere. Il tutor medico è il professionista al quale viene affidata la cura del paziente dal suo ingresso in Ospedale alla sua dimissione, applicando percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali definiti. Si avvale della collaborazione di specialists e consultants. Il tutor infermiere è il professionista che si prende cura del paziente dal punto di vista assistenziale: compie gli atti diagnosticie terapeutici necessari, stende il piano di assistenza e lo applica con la collaborazione di un team composto di infermieri e OSS. Il tutor ha ampia autonomia professionale e si rapporta ad un responsabile di area (per ogni livello sono previste più aree). Il responsabile di area ha funzione di supporto e di facilitazione ed esercita la facoltà di affidamento del paziente in considerazione delle capacità e delle caratteristiche personali dei tutors. Ogni livello ha un responsabile con compiti prevalentemente di tipo gestionale, organizzativo e di garanzia. L'Officina si terrà presso la sala Welfare - padiglione7

11:00
11:50

Oltre il new public management: una contaminazione fra saperi manageriali del pubblico e del privato, e 4 modelli organizzativi per la PA.[lab.126a]

Il new public management oggi pare non essere più sufficiente per le sfide sempre più pressanti rivolte alla PA. In questo appuntamento si cercherà di dimostrare come una via per trovare nuove soluzioni a problemi crescenti di efficienza ed efficacia, ma anche a sfide ancor più strategiche per i territori su cui una PA deve porsi come soggetto di rappresentanza credibile, possa venire da una reale contaminazione positiva e reciproca fra realtà di eccellenza del pubblico e del privato. Come primo terreno di esemplificazione, verranno proposti 4 modelli organizzativi di PA agganciati ad altrettante metafore: un hangar, un supermercato, una ragnatela e un ponte sul flusso del cambiamento.

11:00
11:45

L'Innovazione della scuola[lab.108a]

La riqualificazione edilizia del noto istituto scolastico milanese è stata incentrata principalmente su due importanti temi innovativi: 1) l’ergonomia degli arredi e lo studio del colore La ricerca ha inteso approfondire la possibilità di avere arredi ergonomici e funzionali all’interno di un rapporto qualità prezzo vantaggioso operando in un contesto basato sulle economie di scala. Lo studio del colore degli ambienti interni, quali aule, laboratori, spazi socio ricreativi (bar, biblioteche e spazi museali) ha inteso operare nell’ambito della caratterizzazione cromatica funzionale per migliorare il grado di vivibilità degli stessi. 2) la medialità dell’apprendimento (reti e lavagne elettroniche) Nell’ambito della realizzazione di cablaggi intelligenti all’insegna della massima flessibilità e implementazione, sono state sperimentate anche periferiche didattiche particolarmente innovative quali le lavagne elettroniche. Tali dispositivi permettono di replicare in modo elettronico le lavagne tradizionali, consentendo la memorizzazione della lezione d’aula e la messa in rete dei programmi per l’utilizzo di questi da postazione remota attraverso internet o il collegamento al server della scuola. La Provincia inoltre con l’estensione della propria rete di fibra ottica, utilizzando la rete stradale con i relativi sottoservizi, contribuisce alla messa in rete dei nodi scolastici abbattendo così i costi delle utenze a carico delle scuole. Tale realizzazione permetterà di azzerare i costi di telefonia e di servizio per il collegamento a Internet.

11:00
11:50

BlueCoat: Visibilità, Sicurezza e Accelerazione delle applicazioni in una moderna rete distribuita.[w.24a]

Blue Coat è il leader tecnologico nel settore delle reti ADN (Application Delivery Network). Blue Coat offre un'infrastruttura che assicura i livelli di analisi, visibilità, accelerazione e protezione richiesti per ottimizzare e rendere più sicuro il flusso di informazioni per ogni utente e su qualsiasi rete in ogni parte del mondo. Grazie a questa funzionalità applicativa le aziende possono allineare gli investimenti IT ai requisiti aziendali, procedere a politiche di contenimento dei costi, velocizzare il processo decisionale, proteggere le applicazioni aziendali e rispondere ai vincoli di legge garantendo al contempo un vantaggio competitivo nel lungo periodo.

11:00
11:50

Elaborare una strategia di accesso ai fondi europei per la ricerca e l’innovazione[w.27a]

questo modulo formativo esaminerà le opportunità di finanziamento a fondo perduto esistenti a livello comunitario a favore delle imprese e degli enti pubblici e destinati a ricerca, sviluppo tecnologico ed innovazione, settori in cui Intesa Sanpaolo Eurodesk, la società di consulenza del Gruppo Intesa Sanpaolo, vanta una consolidata esperienza. In concreto, saranno analizzati il Settimo Programma Quadro per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico (7PQ) ed il CIP - Programma Quadro per la Competitività e l’Innovazione. Verranno inoltre analizzati i risultati della partecipazione italiana dei primi bandi a valere sul 7PQ e saranno forniti alcuni utili suggerimenti per presentare una proposta vincente.

11:00
11:50

Abilitare le applicazioni di business a comunicare[w.40a]

La comunicazione tra individui, individui e applicazioni di ogni tipo e tra le applicazioni stesse, costituisce oggi uno scenario complesso di interazioni. Come semplificarle? Come utilizzare la potenzialità di “applicativi abilitati a comunicare” a vantaggio dell’attività dell’amministrazione e dei rapporti con i cittadini? Come governare le comunicazioni all’interno delle applicazioni di business, dal gestionale alla cartella clinica?

11:00
12:00

CCNL e contratto integrativo. Esperienze campione nel privato e nel pubblico[lab.94a]

Tra le priorità di Agenas, nel campo della formazione, assume particolare rilievo il tema della gestione del personale che, per quanto attiene alle politiche del personale, può incidere in modo determinante sull’efficienza e anche sull’efficacia delle Aziende e delle Regioni. Il confronto delle esperienze realizzate nel campo delle aziende sanitarie pubbliche e, più in generale, nel settore privato consente di ipotizzare nuove strategie per dare maggiore rilievo, all’interno dell’Azienda, ai criteri generali di valutazione del personale.

11:00
12:00

Efficienza energetica nell'edilizia in Puglia: il progetto di Fattibilità per la riqualificazione energetica di immobili dell'Università di Bari[lab.66]

Nel giugno 2008 è stato approvato un Protocollo di Intesa tra Regione Puglia - Settore Assetto del Territorio, ARTI, Università degli Studi di Bari, ITC-CNR. Il Protocollo ha come oggetto la realizzazione di uno studio di pre-fattibilità per la riqualificazione energetica degli immobili di pertinenza dell’Università di Bari, con riferimento ai seguenti plessi: il Campus, la sede centrale dell’Università (Ateneo), le facoltà di Economia e Veterinaria.Lo studio di pre-fattibilità, affidato all’ARTI, è stato concluso nel novembre 2008 dopo una fase di approfondita analisi sul campo che ha riguardato: 1) la realizzazione di bilanci energetici per ciascun plesso universitario; 2) la valutazione dettagliata sulla possibile riduzione dei consumi energetici tramite il ricorso a fonti energetiche rinnovabili e interventi di riqualificazione energetica; 3) il calcolo dei costi-benefici di ciascun intervento sia in termini economici che ambientali.

11:00
11:50

CUSTOMER SATISFACTION IN INAIL[w.47a]

L’indagine di customer satisfaction (Cs) svolta dall’Inail è duplice: una riguarda i servizi offerti dalle sedi, l’altra dai servizi on-line. La Cs costituisce uno degli strumenti utili per misurare il grado di soddisfazione e individuare eventuali aree critiche. L’utilizzo della Cs deve accompagnare un utilizzo innovativo di policy, deve cioè essere strumento per un miglioramento continuo della qualità del servizio. Dall’universo campionario è stato scelto un campione a due stadi stratificati: scelta casuale delle sedi e degli utenti in funzione di una rete di variabili strutturali (sesso e classi di età). Lo strumento di rilevazione è un pluriquestionario cartaceo oppure on-line autocompilato raccolto nel periodo di riferimento. Una volta raccolti, i dati vengono elaborati con software SPSS sia a livello di sede che a livello nazionale. Per misurare il grado di soddisfazione su ogni aspetto del servizio monitorato sono stati scelti degli indicatori detti Indicatori di Performance. A tale scopo, l’indagine ha richiesto all’utente di esprimere il proprio giudizio sulla soddisfazione dei servizi attraverso una scala Likert a cinque valori.

11:00
11:50

Dal documento alla pubblicazione della sua rappresentazione digitale - casi di studio[w.11a]

Digitalizzazione, un termine utilizzato per rappresentare genericamente progetti di riproduzione digitale di oggetti di diffuso interesse artistico, storico e culturale. Spesso la complessità di questi progetti rischia di essere sottostimata proprio a causa dell’uso inflazionato e banalizzato del termine “digitalizzazione” che li descrive. La progettazione di questo tipo di interventi sul patrimonio artistico e culturale è invece complesso, articolato e ricco di sfaccettature. Scopo del master è, tramite la presentazione di alcuni casi esemplari, mettere in evidenza tutti gli elementi che compongono un progetto di digitalizzazione, dall’analisi dei materiali oggetto dell’intervento alla scelta delle metodologie e delle tecnologie più idonee, fino ad arrivare alla produzione dei metadati ed alla pubblicazione WEB.

11:00
11:50

E-Democracy e Web semantico: modalità avanzate per ascoltare i cittadini[w.7a]

Il problema di rafforzare la partecipazione dei cittadini alla vita delle istituzioni, è una parte integrante del processo di innovazione delle amministrazioni pubbliche, che deve essere affrontato con strumenti di lavoro innovativi come il Web semantico che permettono di fornire agli amministratorio strumenti di ascolto e di analisi del pensiero della cittadinanza. Il progetto Governazioni, realizzato del centro di comptenza Oracle di Bari, si pone come esempio di utilizzo evoluto e innovativo dei contenuti non strutturati.

11:30
12:30

Sicurezza alimentare: Banca dati degli Stabilimenti e Manuali di autocontrollo[lab.138]

L’intervento della DGSAN, suddiviso in due temi cardine , mira ad illustrare: 1. il sistema informatico SINTESI, che costituisce la banca dati degli stabilimenti di produzione di alimenti di origine animale e consente di aggiornare giornalmente le liste pubblicate sul sito web del Ministero, attraverso le quali il cittadino (operatore del settore alimentare, operatore del controllo ufficiale o il singolo consumatore) può verificare la provenienza degli alimenti in commercio, mediante il numero di riconoscimento CE riportato sull’etichetta dei prodotti. Il sistema è stato recentemente aggiornato per renderlo più funzionale, anche in rapporto alle esigenze dei regolamenti comunitari in materia di sicurezza alimentare. 2. Le modalità di valutazione dei Manuali di autocontrollo predisposti dalle Associazioni di categoria del settore alimentare ai fini della loro verifica tecnica e della successiva diffusione all’utenza attraverso il sito web del Ministero. I cittadini possono utilizzare i manuali per implementare le procedure di autocontrollo nella propria impresa alimentare o semplicemente acquisire la conoscenza delle procedure con le quali le aziende di produzione garantiscono la sicurezza dei propri prodotti. L’intervento sarà introdotto dal dr. Casagrande direttore dell’ufficio II DGSAN, competente in materia di igiene degli alimenti.

12:00
13:15

Citizen Service Platform: la proposta Microsoft per la P.A. digitale[lab.127a]

Superare la logica “ad isole” dell’e-government per velocizzare il processo di cambiamento della Pubblica Amministrazione verso i processi digitali: dematerializzazione, collaboration, Citizen Relationship Management, web 2.0 ma non solo. La sfida si gioca su due terreni apparentemente in conflitto: il bisogno di innovare da una parte, la necessità di “far tornare i conti”dall’altra. L’incontro odierno, attraverso l’analisi di alcuni casi di successo a livello italiano ed internazionale desidera fornire alcuni spunti utili a chi deve guidare i processi innovazione nelle amministrazioni pubbliche e si appresta a costruire la “cassetta degli attrezzi” con la quale impostare un nuovo modo di mettersi in relazione col cittadino-elettore. In particolare verrà proposto l’approccio del framework internazionale “Citizen Service Platform” di Microsoft per realizzare in tempi rapidi soluzioni per la PA digitale in linea con il piano eGov 2012 del Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione: dai portali Internet per cittadini e imprese a sistemi per la gestione delle relazioni con i cittadini, dai portali Intranet per i dipendenti a soluzioni per la de-materializzazione.

12:00
13:00

EsteriCult[PR.5]

EsteriCult è la nuova piattaforma editoriale collaborativa dedicata alla lingua ed alla cultura italiana nel mondo. Si tratta di uno strumento di ultimissima generazione, flessibile e aperto a contributi esterni che, grazie all’utilizzo delle più avanzate tecnologie della comunicazione via internet, si presenta al tempo stesso come un luogo di incontro virtuale e come un mezzo efficace, ed economico, per la diffusione della lingua e della cultura italiana su scala mondiale.

12:00
13:20

Lo Sportello Unico Virtuale: un’esperienza IBM e Leasys per migliorare il servizio clienti utilizzando i mondi virtuali.[lab.51]

Lo Sportello Unico Virtuale (SUV) è stato aperto da Leasys presso l’isola IBM Italia su Second Life nell’ottica di offrire un servizio di supporto full time, integrato con i metodi attualmente disponibili: call center, e-mail e supporto locale. Questo presidio virtuale permette all’utente di avere un servizio più efficiente e ricco rispetto a quello telefonico; lo SUV è anche più veloce ed efficace dell’incontro diretto con un operatore. Il presidio nel mondo virtuale permette inoltre a chi lo eroga di risparmiare sulle spese di trasporto del personale (che non deve più recarsi presso le aziende) e ampliare i tempi di disponibilità del servizio. Lo Sportello Unico Virtuale si propone come l’interfaccia con l’utente di domani. Quali i prossimi sviluppi e quali altri progetti etici e solidali possono avvantaggiarsi di questo tipo di interfacce.

12:00
13:30

Presentazione del Progetto ORES (Osservatorio Regionale Economia Sommersa) della Regione Puglia[lab.207]

ORES - Osservatorio regionale dell’economia sommersa Con la Legge regionale n. 28/2006 la Regione Puglia ha disciplinato una serie di interventi in materia di contrasto al lavoro non regolare assumendo come metodo della propria azione la concertazione con le parti sociali, gli enti previdenziali e gli organi di vigilanza competenti. Tra gli strumenti fondamentali attraverso i quali la legge intende perseguire i propri obiettivi vi sono: l’istituzione dell’Osservatorio Regionale sul lavoro non regolare (ORES) e l’individuazione di indici di congruità diretti a definire il rapporto tra la quantità e la qualità dei beni e dei servizi offerti dai datori di lavoro e la quantità delle ore lavorate.

12:00
13:00

SIMEST PARTNER GLOBALE: FORMAZIONE, FINANZA E SERVIZI PER L‘INTERNAZIONALIZZAZIONE[w.61a]

Il Master fornisce informazioni al potenziale pubblico di riferimento,impresa/imprenditore, sul complesso articolato di servizi che Simest mette a disposizione alle imprese per sostenere i progetti di internazionalizzazione. Il complesso delle attività di Simest comprende le fasi fondamentali di un processo di internazionalizzazione, dalla formazione di quadri manageriali con specifiche professionalità per l’internazionalizzazione, alla gestione di strumenti finanziari specializzati e di servizi reali dedicati alle imprese italiane in particolare alle P.M.I. che operano nel mercato internazionale.

12:30
13:10

La nuova formazione dei dipendenti pubblici: attività e sperimentazioni in Provincia[lab.14]

Il Progetto Esperto, co-finanziato dal CNIPA, ha contribuito a sostenere un nuovo modo di gestire la formazione dei dipendenti pubblici in Provincia di Trento, rafforzando il concetto di formazione continua e introducendo quello di formazione a distanza. Questo attraverso la sperimentazione di un caso concreto nel 2008 avente come oggetto l’e-procurement. Da questa esperienza si sta implementando in Provincia –attraverso il Progetto Elle3- un nuovo modo di fare formazione: ? sia dal punto di vista metodologico:sostenendo l’apprendimento attraverso l’approccio blended, con particolare attenzione alla dimensione collaborativa; ? sia dal punto di vista organizzativo: attraverso una rete di spazi dedicati alla formazione e delocalizzati sul territorio aventi come obiettivo la diffusione della videoconferenza.

13:00
15:00

La Community Network Emilia-Romagna: da rete infrastrutturale a modello di governance per un e-gov partecipato e diffuso[lab.145]

La Community Network Emilia-Romagna (CN-ER) è' un modello interistituzionale concepito e realizzato affinché tutti gli enti possano disporre degli stessi strumenti e opportunità, per sfruttare i vantaggi e le potenzialità che si accompagnano allo sviluppo della società dell’informazione e al dispiegamento dei processi di e-government. La CN-ER mira, attraverso la condivisione delle migliori pratiche, ad evitare che le tecnologie siano portatrici di nuovi divari ma, al contrario, diventino strumento per la crescita dell’intero sistema regionale. La convenzione costitutiva della CN-ER è stata approvata da tutti gli Enti emiliano-romagnoli: la Regione, le Province, le Comunità montane e i Comuni, oltre alle loro forme associate. Nell’ambito della CN-ER, il Sistema delle Comunità Tematiche si pone l’obiettivo di favorire la partecipazione degli enti; le Comunità tematiche vogliono infatti essere il luogo in cui favorire l’integrazione tra i saperi tecnici e saperi di materia, legati alle diverse filiere di servizi e ambiti d’intervento. Per loro natura le CT costituiscono un ambiente ideale per implementare le strategie esistenti e svilupparne di nuove, offrendo gli elementi conoscitivi ed esperienziali necessari alla realizzazione di prodotti e servizi a vantaggio dell’intero sistema regionale. Partecipare alla costruzione e alla vita delle comunità tematiche significa coltivare il senso di identità professionale, creando così una rete che può indurre nel tempo reali processi di innovazione e cambiamento.

13:00
14:00

Lavorare sempre meglio e più preparati[lab.255b]

La consapevolezza che investire nelle risorse umane è assolutamente strategico per migliorare il servizio reso ai cittadini ha spinto l’amministrazione ad avviare un intenso percorso di formazione. Fare acquisire la coscienza del “sapere essere” quale presupposto per il “saper fare” è indispensabile per arrivare in definitiva al lavorare per dare un servizio. Nel “Lavorare meglio” è celato un grande segreto: la disponibilità di tutti a mettersi in gioco e di collaborare con gli altri al fine di raggiungere un obiettivo comune che si concretizza nella parola che tutti sogniamo: il successo dell’azienda. Verranno presentati: il progetto formativo nelle sue fasi di analisi, progettazione, realizzazione, monitoraggio e valutazione, il percorsi formativi per la motivazione; comunicazione organizzativa, teatro d’impresa, public speaking, change management, project management, il percorso tecnico; corsi di lingue, di diritto amministrativo e codice degli appalti, di contabilità economica in Sicoge, di informatica e seminari di approfondimento. Gli attori del mentoring: i tutors. Testimonianza dei partecipanti ai corsi di comunicazione, public speaking e teatro d’impresa.

13:00
14:00

La gestione innovativa delle risorse umane[lab.161]

ANDIGEL in occasione di FORUM PA ’09 organizza una serie di incontri su temi particolarmente strategici nella quotidiana attività di direzione generale degli enti locali: gestione innovativa delle risorse umane, riforma della PA, costruzione di una PA digitale, controllo di gestione, ambiente ed energia. Lo scopo è quello di aggregare, in uno spazio condiviso, le migliori esperienze portate avanti dagli enti locali che hanno scelto di avvalersi di un direttore generale e condividerle con i dirigenti in una serie di incontri di tipo operativo/formativo.

13:00
14:30

I sistemi di Videosorveglianza intelligente per la sicurezza del territorio[lab.182]

Nel seminario verranno illustrate le attività svolte nell’ambito dell’accordo di collaborazione CNIPA-Dipartimento PS per l’approfondimento dei diversi aspetti tecnici riguardanti la realizzazione di sistemi integrati di videosorveglianza territoriale con particolare riferimento alle specifiche tecniche e alle modalità di valutazione dei dispositivi di ripresa, delle piattaforme di gestione e dei cosiddetti sistemi di analisi “intelligente” della scena. La necessità di un controllo remoto di vaste aree territoriali ha determinato nelle istituzioni pubbliche un sempre maggiore ricorso alla realizzazione di sistemi di videosorveglianza o al loro potenziamento. La crescente diffusione di tali sistemi è resa possibile dalla continua evoluzione tecnologica sia dei mezzi di ripresa sia delle reti di comunicazione che connettono gli apparati di campo alle sale operative. Ma il numero crescente di apparati di ripresa determina l’impossibilità concreta per gli operatori di gestire e controllare una mole di informazioni video così elevata. In tale contesto appare opportuno ricorrere all’ausilio dei sistemi di analisi intelligente della scena che consentono sia di generare allarmi in tempo reale, in caso di situazioni anomale predefinite, agevolando il lavoro degli operatori destinati alle sale di controllo, sia di indicizzare i flussi video registrati tramite la generazione di metadati relativi agli elementi individuati nelle scene, facilitando in questo modo la ricerca, a fini investigativi, dei filmati archiviati.

13:00
16:00

Focus Informa :Come avviare un’attività Imprenditoriale[lab.244]

Passaggio dall’Idea all’impresa, nozioni teoriche sull’impresa e l’azienda. Differenza tra le varie forme giuridiche d’impresa. Finanziamenti e accesso al Credito. Il Business Plan.

13:00
14:00

Cultura Italia, funzionamento e modalità di adesione[lab.322]

Promosso da: OTEBAC-Osservatorio tecnologico per i Beni e le Attività Culturali

13:00
17:00

Gli esperti rispondono[lab.258]

Gli esperti dell’ISS rispondo alle domande del pubblico su: malattie rare, zoonosi, igiene e sicurezza nelle piscine

13:15
14:15

I documenti di lavoro fra semplificazione e innovazione: Durc e LUL[lab.81a]

Le più recenti novità legislative in materia di certificazione della regolarità contributiva e l’impatto normativo del neonato Libro Unico del Lavoro rappresentano l’oggetto di una formazione che in modo sintetico, ma chiaro, offre ai partecipanti l’aggiornamento tecnico e operativo sui documenti obbligatori di lavoro, oggetto di una imponente semplificazione e di una forte semplificazione a seguito del DL n. 112/2008 e del DL n. 185/2008.

13:30
15:30

Le novità normative in materia di reclutamento del personale, stabilizzazioni e lavoro flessibile[lab.151]

L’incontro intende fare il punto sull’attuale quadro delle novità normative in materia di reclutamento del personale, stabilizzazioni e lavoro flessibile

13:30
14:30

“Dal sistema delle comunicazioni datoriali al monitoraggio del mercato del lavoro”[lab.310]

Relazione Introduttiva: Alessandra Tibaldi, assessora al Lavoro, Pari Opportunità e Politiche Giovanili della Regione Lazio Interventi: Marco Centra, responsabile struttura statistica dell’Isfol;Fabio Pistella, Presidente del CNIPA; Luciano Hinna, professore economia delle aziende pubbliche e no profit dell’Università Torvergata; Linda Laura Sabadini, direttore centrale Istat; Maurizio Sorcioni, responsabile area ricerca di Italia Lavoro; Grazia Strano, direttore generale DG innovazioni tecnologiche e comunicazione del Ministero del Lavoro, della Salute e della Politiche Sociali.

13:30
14:20

Unified Communication: non solo VoIP[w.43a]

Poter gestire ogni tipo di comunicazione, interna ed esterna all’impresa, in modo unitario ed indipendente dai mezzi adottati per veicolarne i contenuti; questo è ciò che propone l’Unified Communication: rendere la comunicazione un mezzo di collaborazione efficace, creando uno spazio di lavoro in cui ogni persona è raggiungibile e può comunicare scegliendo il canale che intende utilizzare. Nel corso di questa sessione saranno affrontati dalla società Comedata il tema dell’Unified Communications con particolare riferimento alla collaborazione. Saranno illustrate le piattaforme di comunicazione che integrano e-mail, fax e messaggi vocali con l’inclusione di servizi di collaborazione quali l’instant messaging, la teleconferenza (voce e video via Web) e di applicazioni a supporto del lavoro di gruppo (il “teamware”) con un unico sistema intuitivo, costruito in base alle persone, non alle tecnologie. L’approccio proposto parte da una analisi a livello di processi e di infrastruttura tecnica per guidare un Ente pubblico attraverso un progetto completo attraverso l’integrazione con l’infrastruttura di telecomunicazioni esistente, (incluso l’attuale sistema PBX) e garantendo l’investimento effettuato fino a valutare la stima dell’impatto che la soluzione avrà in azienda.

13:30
14:00

Soluzioni web 2.0 per la statistica[lab.84a]

Con il termine Web 2.0 si indica lo stato di evoluzione attuale di Internet. Il World Wide Web sta rapidamente diventando una piattaforma dove gli utenti usufruiscono di una maggiore interattività con le applicazioni e dove vi è un più proficuo dialogo tra chi produce contenuti e chi ne fruisce. Il Web 2.0 non è una rivoluzione tecnologica, ma certamente rappresenta un importante cambiamento culturale. I servizi 2.0 più noti (YouTube, Wikipedia, Google, Flickr ecc) vengono utilizzati, solo in Italia, da oltre dieci milioni di utenti. E alcuni degli strumenti 2.0 costituiscono un’opportunità di innovazione anche per il mondo della ricerca, della statistica e quindi anche per l’Istat, che ha già iniziato ad adottare metodi 2.0 e soluzioni Enterprise 2.0 (analisi delle reti, wiki, servizi di condivisione online, mashup con Google Maps, servizi Google Enterprise ecc) e che nel prossimo futuro potrebbe aprirsi in modo nuovo ai consumer/producer di dati online. L'esperienza di altri istituti di statistica, così come dell'OCSE e dell'UNECE, confermano che l'utilizzo di nuovi servizi online (Swivel, MapTube, Many Eyes, DataPlace ecc) può costituire un'ottima opportunità per rappresentare e diffondere le statistiche ufficiali raggiungendo un pubblico più diffuso, partecipe e motivato. Come dicono gli ideatori dell’ottimo servizio di visualizzazione Gapminder, è possibile scoprire la bellezza delle statistiche e rendere i risultati statistici, spesso noiosi e complicati, comprensibili, interessanti e divertenti!

13:30
14:30

Progetto Nuovo Galliera[lab.2]

L'amministrazione dell'Ospedale Galliera, dopo l'analisi delle criticità esistenti legate alla vecchia struttura, ha affrontato la problematica di realizzare un nuovo ospedale elaborando una progettualità valutando le possibili forme di finanziamento anche con il ricorso ai capitali privati. Dopo l'approvazione dello studio di fattibilità (aprile 2008) sono state attivate le necessarie sinergie con gli enti locali di riferimento: Regione Liguria, Comune di Genova e Sopraintendenza. Ciò ha consentito di giungere nel mese di luglio 2008 alla stipula di un protocollo d'intesa che stabilisce come obbiettivo comune degli enti interessati la realizzazione del Nuovo Galliera e definisce in linea generale le modalità di finanziamento, facendo ricorso all'utilizzo del patrimonio immobiliare dismissibile. Il progetto è stato definito dal punto di vista gestionale e organizzativo e sono state elaborate le linee guida alla progettazione con la redazione del Documento Preliminare alla Progettazione che ne definisce puntualmente l'approccio orientato alla sostenibilità ambientale al fine di determinare un benificio per l'ospedale e per tutta la comunità attraverso una riduzione del carico degli inquinanti, prodotti e immessi nell'ambiente. E' stato chiesto ai progettisti di realizzare un "ospedale verde" secondo le linee guida statuinitensi della "Green Guide for Health Care", per le quali l'approccio ambientale pervade tutte le scelte da operarsi nel corso della progettazione L'officina si terrà presso la Sala Welfare - padiglione 7

13:30
14:20

Open Source: riqualificare la spesa IT per finanziare progetti innovativi[w.17a]

La spesa IT è una voce rilevante nel bilancio delle amministrazioni ma anche un fattore abilitante primario dell'innovazione digitale della PA. Un modo possibile d'intervenire sui costi è fare leva sui nuovi modelli di economia del software fondati anche sull'utilizzo di tecnologie open source. Un governo ordinato per la selezione, l'acquisizione e l'implementazione di soluzioni Open Source consente di definire criteri di performance misurabili e di costruire un modello di adozione trasversale su tutte le componenti applicative dell'IT: Open Data, Open Access, Open Integration, Open Portal, Open Document. Inoltre, grazie alla disponibilita' di distribuzioni professionali del software Open Source, e' possibile garantire a tutte le Amministrazioni il rispetto di adeguati Livelli di Servizio.

13:30
14:20

L’approccio IBM alla dematerializzazione: non solo tecnologia![w.4a]

Dematerializzare i processi documentali non vuol dire acquistare soltanto una soluzione tecnologica, ma cogliere un’opportunità di semplificazione e miglioramento complessivo di efficacia ed efficienza. IBM suggerisce un approccio integrato che tiene nella giusta considerazione tutti gli aspetti caratteristici del sistema organizzativo, al fine di realizzare più velocemente e con minori rischi gli obiettivi di abbattimento della carta, di risparmio e di miglioramento del servizio al cittadino. Processi, organizzazione e persone sono le dimensioni chiave che, assieme alla tecnologia, consentono di realizzare progetti di successo.

13:30
14:30

Lotta alla contraffazione: strumenti ed iniziative di contrasto[w.58a]

La contraffazione si presenta come un fenomeno complesso, che interessa tutti i settori economici, contraddistinto da un carattere sempre più transnazionale, con evidenti legami col crimine organizzato. Vera e propria industria criminale, che analizza il mercato e si adatta alla domanda, la contraffazione si muove secondo le dinamiche proprie delle imprese, sfruttando le opportunità offerte dalle nuove tecnologie. Di fronte ad un tale scenario, e alla dimensione economica assunta, diviene sempre più necessaria una risposta globale e multidisciplinare da parte di tutte le Istituzioni, nazionali e internazionali, che devono adoperarsi efficacemente nel definire un quadro giuridico di riferimento omogeneo, migliorando la cooperazione tra gli Stati e rendere più tempestive ed adeguate le azioni di contrasto. Recentemente, il Ministero dello Sviluppo Economico ha cercato di dare un assetto più rispondente alle necessità emerse, facendo leva sui vari livelli di responsabilità per un’azione più coordinata ed univoca. Per questo è nata la Direzione Generale per la lotta alla contraffazione-Ufficio Italiano Marchi e Brevetti, che ingloba oggi le funzioni già espletate dall’Alto Commissario e dall’UIBM, in un’ottica di coordinamento funzionale tra le diverse Amministrazioni operanti su questo fronte, mirando a concrete risposte in sinergia con imprese e consumatori, ed un’attenzione particolare a informazione e sensibilizzazione.

13:30
14:20

La necessità di WAN governance nelle amministrazioni pubbliche[w.38a]

Premessa: IT governance e ITIL sono state adottate dai leader di molti segmenti di mercato. L’IT governance si occupa della gestione delle prestazioni, dei costi ed i rischi che circondano le tecnologie ICT dell'informazione e della comunicazione. Anche la pubblica amministrazione può beneficiare di soluzioni che derivano dall’IT governance per la gestione delle prestazioni, dei costi e dei rischi di tutta l'organizzazione. Tra tutti gli strumenti che sono a disposizione della struttura IT, le amministrazioni distribuite necessitano di concentrarsi su quelli che possono avere il maggiore impatto a livello di prestazioni, costi e rischi: la rete WAN. In questa presentazione si descrive la soluzione che consente la piena gestione della rete WAN e stabilisce le basi per introdurre i criteri di governance all’interno delle varie pubbliche amministrazioni.

13:30
14:20

La gestione degli strumenti a supporto delle attività di investimento della PAL ed il controllo del rischio finanziario: un modello integrato.[w.19a]

L’attuale situazione nazionale ed internazionale ripropone il ruolo centrale della pubblica amministrazione nel rilanciare l’economia; in questa ottica, è fondamentale trovare nuove forme di finanziamento rispetto a quelle tradizionali, ottimizzandone, al contempo, l’impatto sulle uscite di cassa attraverso il controllo del rischio finanziario. Negli ultimi anni un uso improprio degli strumenti finanziari derivati ha creato un clima di diffidenza che, in realtà, non ha consentito di discriminare, come si dovrebbe, tra lo strumento e l’uso che se ne può fare. L’obiettivo di tutti gli amministratori deve essere quello di usare le potenzialità degli strumenti finanziari avanzati nel modo più opportuno e consono, in modo da superare molti dei limiti operativi della gestione, stabilendo nuove modalità di interazione, coordinamento strategico e distribuzione del rischio, in modo da rendere più agevole e sicuro il reperimento delle risorse necessarie alla realizzazione degli investimenti necessari ed opportuni in questa fase storica. Questo approccio, rende indispensabile uno strumento informativo integrato che permetta una corretta attività di programmazione e che possa supportare l’Amministrazione in ogni fase del processo di gestione e controllo.

13:30
14:15

Innovare per migliorare i servizi e ridurre i costi della PA: il Cloud Computing[w.35a]

La Pubblica Ammistrazione è oggi impegnata in una rilevante azione di trasformazione ed innovazione, finalizzata al miglioramento dei servizi offerti, alla semplificazione dei processi, alla riduzione dei costi. In questo contesto, il Cloud Computing si pone come elemento di innovazione tecnologica in grado di facilitare la messa a fattor comune delle "eccellenze" esistenti o emergenti, con tempi e costi ridotti rispetto ad approcci tradizionali. Evolvere verso un approccio Cloud Computing significa rendere maggiormente flessibili e usufruibili i servizi, per il cittadino e per le amministrazioni. Cosa significa in concreto avviare iniziative tese al Cloud Computing? Quali tecnolgie disponibili? E’ la risposta che il seminario vuole dare: come partire e dove arrivare.

13:30
17:00

Il G8 Ambiente di Siracusa: risultati e prospettive in un nuovo quadro di riferimento globale[EA.2]

Nell'ambito dell'area tematica Energia ed Ambiente, lunedi' pomeriggio 11 maggio, il Ministero dell'Ambiente organizza un incontro con il Ministro Prestigiacomo per discutere dei risultati del Vertice G8 Ambiente svoltosi pochi giorni fa a Siracusa sulle sfide attualissime della lotta ai cambiamenti climatici e della valorizzazione della biodiversita' intesa anche come risorsa economica (Biodiversity and Business). Stimolati anche dalle tematiche emergenti della Green Economy, nel dibattito internazionale assumono finalmente un ruolo attivo Paesi come gli Stati Uniti intenzionati a dare una svolta significativa alla politica americana sino ad oggi condotta sul fronte ambientale ed energetico ed economie come quella del Brasile, India e Cina che hanno un peso specifico ponderato di grande rilevanza a livello mondiale sui temi dello sviluppo e dell'inquinamento. Nella logica del Fare Ambiente, l'obiettivo comune e' quello di riuscire a coniugare le importanti esigenze dello sviluppo economico con quelle altrettanto rilevanti della salvaguardia dell'ambiente e dell'ecosistema. Nel corso della iniziativa si procedera' anche all'assegnazione dei Premi SFIDE per la realizzazione dei migliori progetti di sviluppo sostenibile sul territorio.

13:30
14:20

Governare la formazione per il cambiamento nella PA[lab.129]

La formazione è una leva strategica per il cambiamento delle Pubbliche Amministrazioni. Per essere efficace, oltre mettere al centro lo sviluppo delle risorse umane, deve essere parte del più generale sistema di “governance interna” dell’organizzazione pubblica. In tale logica la pianificazione, l’azione formativa e la valutazione vanno riconsiderate attraverso nuovi approcci, contenuti e metodologie maggiormente orientati al cambiamento organizzativo e al miglioramento dei servizi per cittadini e imprese. Anche le stesse metodologie e tecnologie di trasferimento delle conoscenze e delle competenze si devono adeguare verso nuovi sistemi integrati dell’apprendimento.

13:30
14:20

Evoluzione normativa sui contratti pubblici e buone pratiche[w.54a]

A partire dall’entrata in vigore del Codice dei contratti pubblici, si è sviluppata un’attività normativa tesa all’uniformità e omogeneizzazione delle regole in tutta la vasta tematica della contrattualistica pubblica. Da un lato tutto il ciclo realizzativo degli appalti pubblici è stato assoggettato a specifica regolamentazione e dall’altro la stessa attenzione che il Legislatore ha riservato ai lavori pubblici, oggi riguarda anche gli appalti di servizi e forniture. Ciò ha riflessi evidenti sia sulla regolamentazione interna dell’attività contrattuale sia sull’assetto organizzativo delle Stazioni Appaltanti pubbliche.

13:30
14:20

Conformità alla Normativa del Garante della Privacy e Gestione dei Log con il Leader Mondiale del Mercato SIEM: ArcSight[w.25a]

ArcSight è leader nella produzione di soluzioni di Security Information & Event Management e di gestione della conformità a normativa: con le suite di Log Management e Cross Correlation aiuta ad identificare stati di rischio prima che si manifestino i danni, ed è lo strumento ideale per mitigare il rischio in ambienti altamente sensibili e critici. E’ indicato per Enti governativi, per la Difesa, per gli operatori di telefonia e per l’impresa privata. Progettato per rispondere alle esigenze delle grandi realtà con infrastrutture eterogenee e geograficamente distribuite, ArcSight fornisce l'unica soluzione vendor independent per gli attacchi dall’esterno, per le minacce interne e contro le violazioni di carattere normativo offrendo individuazione puntuale degli eventi e reazione automatizzata del network.

13:30
14:20

Business Intelligence per la Sanità: dal monitoraggio della spesa all’analisi delle prestazioni sanitarie[w.8a]

Le Aziende Sanitarie si trovano ad affrontare una sfida continua: da un lato soddisfare i bisogni di salute dei cittadini attraverso un servizio efficiente rapido ed economico, dall’altro gestire al meglio fondi e risorse disponibili. Per superare con successo questa sfida è necessario dotarsi di sistemi per l’analisi dei dati progettati per sfruttare al meglio il patrimonio informativo delle aziende sanitarie.Oracle presenta l'esperienza maturata in questo ambito grazie ad un'innovativo progetto nato presso il centro di competenza Oracle di Bari in collaborazione con Regione Puglia e Tecnopolis e già operativo presso l’Azienda Unità Sanitaria Locale BAT1 (Barletta, Andria, Trani).

13:30
17:00

“PA e customer focus”[B.1]

L’evento è rivolto a tutte le amministrazioni coinvolte nelle diverse iniziative (“Non solo fannulloni”, il Concorso “Premiamo i risultati”, “Mettiamoci la faccia”) promosse dal Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, Renato Brunetta, per sollecitare e valorizzare l’impegno a migliorare i servizi pubblici. Il tema della convention è l’attenzione al cittadino nella sua veste di cliente dei servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni. Nella prima sessione, il Ministro, insieme ad alcune delle amministrazioni che vi hanno preso parte sin dalla prima fase, fa il punto sull’iniziativa “Mettiamoci la Faccia”, per evidenziarne le potenzialità come strumento di diffusione del customer focus nelle pubbliche amministrazioni. Nella seconda sessione, un panel di esperti discute gli indirizzi internazionali e gli strumenti di Customer Satisfaction Management a disposizione delle amministrazioni pubbliche.

lunedì, 11 maggio pomeriggio

14:00
16:00

Cooperazione degli Enti Locali: Per un’Europa di Pace[lab.228]

Accrescere la consapevolezza sul ruolo che gli Enti Locali europei possono svolgere come promotori di democrazia e di pace

14:00
17:00

Mai più carta per una PA efficiente e trasparente[EG.17]

Proporre una relazione ad una creativity room significa nella sostanza chiedere di partecipare attivamente ai lavori previsti. Non si tratta quindi di fare una presentazione ma di lavorare in gruppo con gli altri partecipanti. A coloro che chiederanno di partecipare sarà proposto di compilare un questionario in cui vengono anticipate opinioni, esperienze e segnalazioni da trattare poi nella sessione di lavoro . L'e-government basato sull'utlizzo dei documenti elettronici; dall'acquisizione al protocollo, dalla firma digitale alla PEC, dal workflow all'archiviazione sostitutiva. Coordinato dal Prof. Antonino Mazzeo

14:00
17:00

Dar voce ai cittadini: i risultati delle ricerche sull’opinione dei cittadini[B.16]

Si tratta della presentazione delle ricerche demoscopiche realizzate su incarico del Ministro per la PA e l’Innovazione. Coordina Leonello Tronti, consigliere economico del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione

14:00
17:00

Verso un nuovo governo della formazione pubblica[B.21]

Il mondo della formazione pubblica sta cambiando, seppur lentamente, trascinato dai venti di rinnovamento che stanno investendo la Pubblica Amministrazione. A partire dalla riforma del Titolo V della Costituzione in poi, infatti, è in atto una rivoluzione silenziosa con il trasferimento di molti poteri e competenze dallo Stato alle Regioni e benché in maniera non esplicita ed evidente ai più, questa profonda trasformazione sta esplicando i suoi effetti anche in materia di formazione. Ma quali scenari si prospettano alla luce di questi cambiamenti? Come operano le Amministrazioni nei diversi livelli di governo per garantire a tutto il proprio personale un’adeguata formazione? Nei diversi contesti territoriali si generano tra le P.A. reti di collaborazione o il sistema formativo pubblico è ancora di la da venire? Il Convegno propone alcune chiavi di lettura (giuridica, organizzativa, operativa, metodologica) tentando di individuare delle risposte per questi ed altri quesiti attraverso una riflessione che prende spunto dai risultati di due ricerche condotte nell’ambito del Progetto “Competenze – Qualità ed efficacia del sistema formativo pubblico”, iniziativa voluta dall’Ufficio per la qualità della Formazione del Personale delle PA del Dipartimento della Funzione Pubblica. Contribuiranno all’interpretazione delle tendenze in atto e all’esame di soluzioni efficaci degli esperti provenienti dalla Francia e dalla Spagna. Mai come in questo momento risulta importante riflettere a fondo sul diritto - dovere alla formazione per il personale pubblico e sulle importanti implicazioni che, la mancanza di politiche di orientamento da un lato e la diminuzione delle risorse economiche disponibili dall’altro, potrebbe creare nel breve e lungo periodo. La prima indagine del progetto “Competenze”, attraverso un’attenta analisi dello scenario normativo esistente (testi giuridici, normativa in vigore e documenti disponibili in materia di formazione pubblica), ha cercato di approfondire e di comprendere quattro aspetti fondamentali delle politiche pubbliche per la formazione del personale delle Pubbliche Amministrazioni le competenze legislative di Stato e Regioni per la formazione del personale pubblico: la funzione di indirizzo e coordinamento del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione in materia di politica formativa, la collaborazione tra Stato e Regioni in materia di formazione pubblica e gli scenari futuri del sistema della formazione pubblica. Attraverso la seconda ricerca, invece, il progetto ha esplorato lo stato della formazione pubblica presso alcune Pubbliche Amministrazioni analizzando, in particolare, l’organizzazione e le competenze professionali delle strutture e degli operatori che hanno la responsabilità della gestione della formazione del personale, sia presso Enti erogatori di formazione, sia come coordinatori di un Servizio formazione del personale di una P.A. Il Convegno si rivolge in particolare ai rappresentanti dei Ministeri, delle Regioni e degli EE.LL responsabili della programmazione e attuazione degli interventi formativi, agli Amministratori Pubblici, ai Segretari Comunali, ai formatori pubblici e tutti coloro che sono interessati al tema.

14:00
15:00

Valutazione del SSN nell’Indagine Multiscopo. I Conti Economici delle Regioni[lab.93b]

L’indagine Multiscopo ISTAT sulla Salute 2005 si presta in modo esemplare alle attività di valutazione e programmazione sanitaria . Qualche dato: l’indagine è stata realizzata su un campione di 130.000 cittadini, quindi uno ogni 450 italiani, raccoglie un campione rappresentativo delle “Aree Vaste” ed è un’indagine di tipo unitario, realizzata con regole prestabilite in modo assolutamente rigido. I dati relativi ai Conti Economici (CE) dal 2003 al 2007 offrono l’opportunità per analizzare e valutare i Sistemi sanitari regionali e, quindi, anche le attività delle Aziende sanitarie, territoriali ed ospedaliere.

14:00
15:00

Valutare il lavoro pubblico: strumenti e tecniche di valutazione del personale[lab.162]

ANDIGEL in occasione di FORUM PA ’09 organizza una serie di incontri su temi particolarmente strategici nella quotidiana attività di direzione generale degli enti locali: gestione innovativa delle risorse umane, riforma della PA, costruzione di una PA digitale, controllo di gestione, ambiente ed energia. Lo scopo è quello di aggregare, in uno spazio condiviso, le migliori esperienze portate avanti dagli enti locali che hanno scelto di avvalersi di un direttore generale e condividerle con i dirigenti in una serie di incontri di tipo operativo/formativo.

14:00
15:00

ScrivaniaWeb[lab.254a]

ScrivaniaWEB offre servizi, funzionalità, informazioni, News, documentazione, assistenza, FAQ con l’obiettivo di snellire le pratiche amministrative del dipendente, del capo ufficio e del gestore del personale, e di rendere disponibili informazioni finora accessibili solo attraverso procedimenti amministrativi cartacei. Il progetto segna un ulteriore passo nel processo di eliminazione della documentazione cartacea prodotta per diversi tipologie di procedimenti amministrativi: assenza dal servizio, straordinario, iscrizione a corsi di formazione, piano ferie, detrazione d’imposta, trasferimenti di ufficio, orario di lavoro e per l’accesso alle informazioni del proprio fascicolo personale e per la semplificazione della procedura di autorizzazione. La personalizzazione della scrivania elettronica è realizzata con WEB 2.0 centralizzando tutto in un unico desktop. Il successo del progetto si fonda sul suo Facile utilizzo, sull’interazione fra gli uffici centrali, sulla disponibilità delle funzionalità necessarie allo svolgimento delle pratiche amministrative, sulla presenza di FAQ curate dalla direzione generale delle risorse umane per rispondere ai quesiti sottoposti, sulla presenza di comunicati e novità sulla HOME PAGE, sulla possibilità di consultazione della normativa di riferimento, sull’autenticazione single sign-on utilizzando l’autenticazione di dominio e sulla presenza di servizi di assistenza tecnica e giuridica.

14:00
17:00

Pubblico e privato insieme per uscire dalla crisi con l’innovazione[B.2]

Obiettivo dell’incontro, dal carattere informale ed “aperto” è coinvolgere il mondo pubblico e quello privato in una riflessione su una nuova modalità di partnership che, valorizzando il merito, permetta di utilizzare al meglio l'intelligenza, le esperienze e i saperi che i due mondi possiedono, individuando anche nuove forme giuridiche di collaborazione e affidamento maggiormente centrate sulla qualità delle proposte e quindi più adeguate a sviluppare quei grandi progetti Paese di cui l'Italia ha bisogno.

14:00
17:00

Pubblica amministrazione aperta? Diritto di accesso e trasparenza dal 1990 ad oggi[B.11]

Il convegno, proposto dalla SSPA e che si gioverà anche della presenza di Maurice Frankel che è il massimo esperto UK di accesso e padre del Freedom of Information Act inglese coinvolge studiosi di chiara fama e la commissione per l’accesso della PCM e si propone di presentare a quasi vent’anni dalla legge 241/90 lo stato dell’arte dell’accesso. Durante il seminario, verrà presentato un “manifesto della trasparenza/carta degli impegni” da far firmare alle pubbliche amministrazioni che vorranno aderire. Coordina Valeria Termini.

14:00
15:00

Progetto GiustO – Giustificativi On line[lab.58]

Il progetto “GiustO” (Giustificativi Online) è stato realizzato con l’obiettivo di razionalizzare i flussi informativi interni e di ridurre la circolazione dei documenti cartacei tra le strutture - soprattutto decentrate – della Regione Marche, semplificando nel contempo le modalità di gestione delle presenze dei dipendenti. Il nuovo sistema consente di effettuare in modalità completamente digitale il flusso di produzione e validazione dei giustificativi (richieste ferie, permessi, assenze temporanee, ecc) che si svolge tra il dipendente, che compila online il giustificativo attraverso firma digitale, il dirigente del Servizio/PF, che valida/rifiuta la richiesta tramite firma digitale e consulta in tempo reale il registro di reperibilità dei suoi dipendenti e l’operatore che gestisce le presenze. I principali vantaggi che derivano dalla completa realizzazione del progetto sono l’abbattimento dei flussi cartacei (sono stimati circa 40.000 giustificativi annui), la riduzione dei tempi di consegna e vidima dei giustificativi, soprattutto da parte delle strutture decentrate e infine l’avvicinamento agli strumenti di gestione digitale da parte del personale regionale. La creazione di un sistema informativo digitale in grado di monitorare in tempo reale la situazione delle presenze-assenze in una determinata struttura: - migliorare il governo delle attività e dei processi di lavoro, attraverso la verifica degli effort; - aumenta la trasparenza e la tempestività nella verifica del quadro complessivo risorse in ciascuna struttura - consente di recuperare agevolmente, anche attraverso diverse chiavi di ricerca, di dati e informazioni ed elaborare report e indagini statistiche di diversa natura; - migliorare la comunicazione con le sedi periferiche.

14:00
14:45

Phones Enterprise: il call center della Pubblica Amministrazione[lab.133a]

Negli ultimi anni l’attenzione e gli investimenti della Pubblica Amministrazione si sono fortemente orientati verso un processo di rinnovamento e di miglioramento dei servizi offerti ai cittadini. Sono quindi molti i progetti che la Pubblica Amministrazione ha avviato per migliorare la qualità/quantità dei servizi erogati, soprattutto nell’ottica di semplificare e ottimizzare l’accesso alle informazioni, snellire l’iter burocratico, verificare lo stato di avanzamento delle pratiche, ecc. La creazione di un unico punto virtuale di contatto tra la Pubblica Amministrazione e i cittadini, che faciliti e ottimizzi l’accesso di questi ultimi ai servizi e alle informazioni della struttura pubblica è sicuramente una delle modalità più efficienti per aumentare la qualità dei servizi erogati e per fornire valore al cittadino. IFM Infomaster è in grado di supportare gli Enti Pubblici a raggiungere questi obiettivi attraverso l’offerta di sistemi integrati per la gestione di applicazioni di contact center multimediali, che mettono in evidenza la centralità/individualità del cittadino e il suo bisogno di accesso alle strutture istituzionali.

14:00
14:50

Migliorare l’efficienza energetica attraverso idee creative e strumenti di finanziamento comunitari[w.26a]

l’Unione Europea si è posta obiettivi energetici molto ambiziosi da conseguire entro il 2020: scopo di questo corso, curato da Intesa Sanpaolo Eurodesk, la società di consulenza del Gruppo Intesa Sanpaolo, sarà quello di analizzare gli strumenti di finanziamento comunitario esistenti, a favore degli enti pubblici ed imprese, che intendano realizzare progetti volti a contribuire ad una società più efficiente dal punto di vista energetico e meno dipendente dai combustibili fossili. A questo proposito, particolare attenzione sarà dedicata sia alla tematica “Energia” del Settimo Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico (7PQ), sia al Programma “Energia Intelligente per l’Europa” ed al relativo bando al momento aperto.

14:00
16:00

Politiche temporali[lab.265]

Regione Lombardia presenta le azioni attuative della l.r. 28/2004 "Politiche regionali per il coordinamento e l'amministrazione dei tempi delle città". Con il sostegno alle politiche temporali, Regione Lombardia incentiva i comuni nel governo degli orari dei servizi pubblici, di pubblico interesse, degli uffici centrali e periferici dello Stato, degli esercizi commerciali, dei trasporti pubblici, delle strutture socio-sanitarie, culturali, turistiche e dello spettacolo e di quelle sportive. Discutiamo con le altre regioni del sostegno ai progetti locali.

14:00
17:00

Magellano, Gestire la conoscenza per creare valore nella P.A. e migliorare i servizi al cittadino[B.22]

Il convegno ha l’obiettivo di presentare il progetto Magellano, un sistema per la gestione della conoscenza per la Pubblica Amministrazione, realizzato dal Dipartimento della Funzione pubblica, che permette di condividere on line il patrimonio di conoscenze, esperienze e capacità della P.A., in modo semplice e veloce. Magellano, inoltre, ha avviato in collaborazione con alcune amministrazioni, un’attività di organizzazione e classificazione dei servizi offerti dalle amministrazioni, sotto forma di schede sintetiche e aggiornate, rappresentate come vere e proprie Ricette dei Servizi della P.A.. Ogni ricetta presenta le informazioni chiave del servizio erogato; dall’ente ai contatti dei responsabili del servizio, compresi tutti gli elementi necessari alla risoluzione dell’istanza inoltrata dal cittadino (modulistica, procedure, ecc.). Magellano si pone, pertanto, come punto di raccolta per le amministrazioni, al fine di favorire l’efficacia dei servizi verso il cittadino. Nel corso del convegno ci sarà un dibattito tra le amministrazioni maggiormente coinvolte, per confrontarsi sugli sviluppi futuri del progetto e su nuove idee, al fine di estendere le potenzialità di Magellano per un accesso facilitato ai servizi al cittadino, per mezzo di tutti i canali a disposizione della Pubblica Amministrazione, tra cui Linea Amica.

14:00
15:00

IL GIORNALE INPDAP : UN CANALE IN PIU’[lab.283]

In linea con il processo di modernizzazione della PA il giornale telematico rappresenta un’ulteriore strumento di comunicazione istituzionale. Fornisce informazioni e approfondimenti delle attività quotidianamente trattate e gestite dall’Ente.

14:00
17:00

e-health and web 2.0 applications[S.3]

Il tema di questo convegno sembra affrontare argomenti “di frontiera”. Eppure in altri paesi (Stati Uniti, Nord Europa) i cosiddetti social media (blog, social network, wikipedia) risultano essere tra gli strumenti di internet più usati dai cittadini per reperire informazioni sanitarie sulle malattie di cui soffrono, sui trattamenti in atto, sulle proprie storie cliniche. Ma l’integrazione dei social network sanitari con un sistema di sanità digitale costituisce un’altra ambiziosa “frontiera”, che in qualche paese si sta sviluppando con formidabili vantaggi per la cura data ai pazienti e la qualità della professione medica e sanitaria esplicata dagli operatori. Su queste frontiere è incentrata la riflessione di questa giornata che FORUM PA promuove insieme con Items International e Global Forum di Parigi, con la testimonianza concreta da parte dell’Azienda ULSS di Asolo dei risultati che si possono conseguire nell’erogazione di servizi digitali ai cittadini. Con il contributo di G.P.I. e G.S.I. Gruppo Servizi Informatici.

14:00
17:00

Efficienza delle infrastrutture IT e produttività nella Pubblica Amministrazione.[O.4]

Applicazioni Web, Virtualizzazione dei dispositivi e impiego dei Thin Client sono tematiche comuni per ogni professionista IT. L’impiego di queste tecnologie in ambito della Pubblica Amministrazione ha comportato importanti miglioramenti nella semplificazione delle infrastrutture informatiche e aperto le porte a nuovi servizi verso il cittadino. Infine, negli ultimi anni importanti studi hanno dimostrato come l’impiego di queste tecnologie da parte degli stessi dipendenti della PA possa ridurre i costi e soprattutto migliorare la produttività di questi. Durante il Convegno sarà trattato il tema della Virtualizzazione End-to-End e le ripercussioni che questa ha sulla produttività individuale del singolo utente e sulla efficienza dei dipartimenti informatici. Nella seconda sarà trattato il tema della mobilità degli utenti con un caso specifico di Telelavoro.

14:00
14:45

Madre Segreta[lab.105b]

Il servizio "Madre segreta", istituito nel 1996, si occupa della difficoltà materna in gravidanza e delle maternità segrete, nella considerazione che questo disagio sia spesso rimosso o nascosto per timore del giudizio sociale portando a situazioni rischiose, e che per la donna che lo vive sia spesso difficile rivolgersi direttamente ai servizi sociali e agli ospedali per chiedere di essere aiutata. Le attività del servizio si articolano in tre aree collegate tra loro e vengono condotte ponendo una particolare attenzione alla documentazione e alla ricerca. - Area dedicata direttamente alle donne in difficoltà con la Linea Verde 800.400.400 e il Progetto Arianna - Area di promozione delle reti locali, di supporto ai servizi sociali e sanitari locali, con attività di formazione, consulenza e promozione di progetti territoriali - Area di documentazione: con un Osservatorio permanente sulle nascite senza riconoscimento nelle province di Milano e Monza, e con una biblioteca tematica aperta alla consultazione.

14:00
16:00

Finanza e investimenti degli Enti locali tra manovre anticrisi e patto di stabilità[EC.1]

La crisi economica in cui navighiamo rende problematica la vita di tutte le amministrazioni, ma per i Comuni e gli Enti locali rischia di sommarsi, con effetti disatrosi, alle incertezze presenti nelle entrate e ai nuovi bisogni sociali che la crisi stessa induce. Rischiano di farne le spese gli investimenti e le politiche di medio-lungo periodo, che sono le uniche però a poterci traghettare fuori dall'emergenza con un Paese più competitivo e innovativo, a partire proprio dai territori. Il convegno mette a confronto repsonsabili dei comuni e studisi per interrogasi sulle iniziative prese, ma soprattutto sulle azioni necessarie a tutti i livelli di Governo.

14:00
17:00

Il codice degli appalti a regime: il nuovo ruolo dei tecnici nell’iter realizzativo delle opere pubbliche[O.10]

Il costante intervento del Legislatore nazionale sul Codice dei Contratti pubblici (D.Lgs. N.163/2006, D.Lgs n.6/2007, D.Lgs. N.113/2007, D.Lgs. N.152/2008, L.201/2008, L.2/2009), insieme all’emanando Regolamento di attuazione ex art. 5 del cosiddetto “Codice De Lise”, rendono, un’indispensabile azione esplicativa delle numerose e fondamentali novità introdotte. Essi stessi vanno a comprendere prevalentemente l’interesse pubblico e l’equa concorrenza sui mercati dei contratti pubblici. Oltreché a studiare, qualsiasi “patologia” negli affidamenti di lavori, servizi e forniture: dalla nomina del Responsabile unico del procedimento, attraverso le sue funzioni ed i ruoli ad esso attribuiti dal Codice. Insieme anche agli affidamenti dei servizi attinenti all'architettura ed all'ingegneria, fino ai contratti sopra e sotto soglia. Da qui, il dibattito oggetto del convegno del ruolo fondamentale della figura tecnica per una corretta gestione della res pubblica. (In collaborazione con UNITEL)

14:00
15:00

Fare sistema attraverso le tecnologie.[lab.114a]

“Fare sistema” obiettivo dichiarato per il quale si gioca il contributo determinante delle nuove tecnologie. Fare sistema vuole primariamente creare le condizioni perché i diversi sistemi che oggi costituiscono la pubblica amministrazione si parlino fra loro e che insieme “come un unico sistema” parlino con i cittadini e le imprese: questo in toscana è realtà attraverso le infrastrutture della Società dell’informazione che si chiamano connettività, cooperazione applicativa, identificazione ed accesso e attraverso l’organizzazione che le sostiene inclusiva delle opportunità offerte dal mondo delle imprese ICT che si riconoscono all’interno di un modello di innovazione. - Infrastrutture: Connettività “il TIX”; Cooperazione Applicativa “il CART”; Identificazione e Accesso “L ARPA” ; Pagamenti on-line - Servizi: Voice Over Ip; Videocomunicazione; Portale integrato dei servizi AIDA e CITEL, Reti a Sostegno - Organizzazione: Compliance; Open source; Riuso

14:00
14:30

Il satellite per la Pubblica Amministrazione[lab.213a]

I servizi satellitari superano facilmente ogni limite imposto dal divario digitale e forniscono una copertura completa del territorio Skylogic, società specializzata nei servizi a banda larga satellitare, è in grado di proporre soluzioni concrete, in particolare per le Pubbliche Amministrazioni e per gli Enti Locali che intendono garantire ai propri cittadini l’accesso universale ai servizi legati all’informazione, alla salute, all’istruzione, alla sicurezza e allo sviluppo economico. Oltre alla connettività a banda larga, Skylogic presenterà l'offerta televisiva per la PA e le soluzioni a supporto delle reti di intervento in caso di emergenza e del monitoraggio e telecontrollo di energia, acqua ed ambiente

14:00
15:00

La mia lettera al Mondo: il blog di scrittura creativa dell’USR per il Lazio[lab.301]

L’Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio presenta, nell’ambito del piano operativo “Amico Libro” del MIUR, il blog http://www.lamialetteralmondo.com/, pubblicato sul web dal 31 marzo con link diretto dalla home page del sito USR www.lazio.istruzione.it, e con la finalità di dar voce alle generazioni che si stanno formando attraverso lo strumento della letteratura e l’educazione all’uso critico e attivo dell’informazione. Il blog ha già una community formata dagli oltre 800 alunni, insegnanti, scrittori e autori di riviste di cultura che hanno partecipato al corso di formazione e ai 90 workshop sulla scrittura creativa in 50 istituti scolastici per 400 ore di laboratorio, ma è aperto a tutti i giovani e adulti che operano nelle scuole intorno agli stessi obiettivi. Autori di riviste di cultura, scrittori di narrativa, illustratori, personalità impegnate nel mondo della scuola e dell’università, che hanno offerto il loro contributo al progetto, costituiscono una sorta di redazione allargata del blog. Fra i materiali di lettura offerti vi sono alcune riviste di cultura. Il focus della “scrittura creativa” è articolato nelle varie aree tematiche del blog: Le tecniche del racconto; Raccontarsi in un diario; Scritture di altre culture; Il libro e la recensione; La letteratura al femminile; Raccontare con le immagini; Giovani autori. Nell’area “Giovani autori” sono pubblicati racconti, poesie, pagine di diario, articoli, recensioni, illustrazioni realizzati dai ragazzi. Nella Video Gallery è possibile vedere e scaricare sia i video realizzati dalla redazione sia i video realizzati o consigliati da alunni e insegnanti.

14:00
15:00

Lo sviluppo del sistema integrato di gestione dei rifiuti urbani in Puglia[lab.67]

La raccolta differenziata rappresenta uno degli obiettivi prioritari della regione Puglia. Il raggiungimento del 55% di Raccolta Differenziata al 2010, la scelta strategica dell’impiantistica, il recupero di materia, l’azione responsabile di chiusura della fase commissariale, costituiscono una rivoluzione copernicana per la Regione Puglia in sintonia con le sfide della modernità.

14:00
14:30

L’Istat e il passaggio al digitale[lab.85a]

• In primo piano: lo sviluppo della comunicazione on line dell’Istituto nazionale di statistica:le innovazioni sul web Istat riferite all’offerta di nuovi contenuti (dati, metadati, approfondimenti, focus tematici) e all’applicazione di standard di qualità in termini di usabilità e accessibilità. • Inoltre, la valutazione delle nuove opportunità di comunicazione offerte alla statistica dall’evoluzione del web: posizionamento dell’Istat sulla rete, monitoraggio della blogsfera e del social networking, scambio di contenuti tra sistemi, veicolo dell’informazione statistica via mobile. • L’introduzione del multilinguismo come apertura ad un pubblico internazionale: comunicare l’informazione statistica italiana via web e tramite la produzione editoriale, considerando qualità e contenuti di interesse per l’utenza non italiana.

14:15
15:15

Prospetto informativo dei disabili. Le novità[w.50b]

La legge 6 agosto 2008, n. 133 ha innovato l’art. 9 della legge 68/99, introducendo l’obbligo di invio telematico del Prospetto Informativo (ex CL/9). La norma si inserisce in un percorso di semplificazione amministrativa e di creazione di una rete di servizi per il Lavoro a livello Nazionale già iniziato con le Comunicazioni Obbligatorie On Line. Il master verterà sulle principali novità introdotte dalla norma e sul funzionamento del Sistema Informatico per l’invio del Prospetto Informativo on line, messo a disposizione ai datori di lavoro dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali.

14:30
15:20

La funzione della formazione e le competenze del responsabile della formazione in un ufficio pubblico[lab.23]

In questo intervento vengono proposti i risultati di una ricerca volta ad indagare alcuni aspetti della figura del responsabile della formazione, ovvero di colui che gestisce la formazione all’interno delle aziende e degli enti. I due campi d’indagine sono centrati da un lato su un campione di enti pubblici ed aziende pubbliche e private del Veneto, dall’altro su alcuni organismi di formazione sempre del Veneto. La ricerca nasce dall’esigenza di comprendere che cosa deve possedere chi “governa” la formazione per svolgere al meglio il suo lavoro. La figura specifica a cui si fa riferimento è quella del “manager della formazione” o del “responsabile della formazione”, esaminata in maniera approfondita nell’iniziativa ISFOL-CUOA costituita dal progetto Assistenza Tecnica ISFOL alla Regione Friuli-Venezia Giulia in tema di supporto alla programmazione e gestione di un sistema di formazione continua.

14:30
15:30

Verso la televisione digitale del Trentino: l’azione di accompagnamento degli ultra 75enni[lab.15]

Nella primavera del 2007 la Provincia Autonoma di Trento decide di entrare a far parte del primo gruppo di aree “all digital” e nel dicembre 2007 sigla il Protocollo d’Intesa con il Ministero delle Comunicazioni e Dgtvi, dove si stabiliscono le tappe del piano di transizione dallo switch over del 15 e 16 febbraio scorsi fino allo switch off previsto da metà ottobre 2009. Nell’affrontare questa rivoluzione, la Provincia si è posta come primo intento quello di ridurre il divario digitale. A fronte dell’intervento economico da parte del Ministero indirizzato agli ultrasettantacinquenni per l’acquisto del decoder, la Provincia di Trento ha ritenuto importante organizzare sul territorio un servizio di assistenza domiciliare. Il servizio si articola nel collegamento del decoder alla televisione e nell’introduzione delle nozioni di base che rendono autonomo l’anziano nell’uso dell’apparecchio. Per progettare e gestire un servizio con caratteristiche strettamente tecniche declinate su una tipologia di utenza molto particolare come gli anziani, sono stati individuati come soggetti idonei il Consorzio Territorio Ambiente e Consolida, cooperative già attive sul territorio. Il progetto ha avuto un riscontro inaspettato, sia come richieste di supporto da parte dei beneficiari, sia come riscontro sociale sul territorio. Nasce da qui l’opportunità di effettuare un monitoraggio dell’impatto sociale della televisione digitale in Trentino, che la Provincia ha affidato al Dipartimento di sociologia dell’Università di Trento. Nel corso del seminario saranno presentati i primi risultati di questa analisi, accompagnati dall’esperienza diretta degli operatori e di coloro che hanno partecipato alla progettazione del servizio.

14:30
15:20

Strumenti di collaborazione e comunicazione unificata al servizio della P.A.[w.44a]

Oggi più che mai alle amministrazioni pubbliche si richiede, da una parte maggior trasparenza e semplicità di fruizione dei servizi erogati ai cittadini, dall’altra di effettuare investimenti che contribuiscano al rilancio economico pur perseguendo obiettivi di risparmio per la spesa pubblica. Una delle risposte più efficaci a questa sfida è l’Unified Communication. L’Unified Communication è la possibilità di utilizzare una sola infrastruttura di telecomunicazioni (basata sul protocollo IP) per accedere in modo semplice e intuitivo a risorse e servizi indipendentemente dal dispositivo utilizzato. Si tratta di una vera e propria rivoluzione per il personale della PA che ha così la possibilità di comunicare da qualsiasi postazione, usufruendo di tutte le funzionalità voce della telefonia tradizionale, oltre a funzionalità di tipo audio e video conferencing, messaging, instant messaging e web collaboration. Per affrontare questa sfida, la PA ha però bisogno di un partner in grado di progettare, manutenere e gestire in modo efficace le applicazioni ed i servizi, garantendo business continuity, protezione totale di dati e piattaforme, salvaguardando, peraltro, la semplicità di utilizzo delle applicazioni e controllandone i costi. Nel corso di questo intervento, NextiraOne, società leader in Italia ed Europa nei servizi di comunicazione avanzata, illustrerà una strategia ad hoc, attraverso soluzioni e servizi mirati, in grado di favorire la convergenza delle risorse e dell’ambiente ICT e di beneficiare dei vantaggi della condivisione delle informazioni.

14:30
16:30

STRATEGIE PER UNA GESTIONE INTELLIGENTE DEL RISCHIO OPERATIVO[lab.52]

Per una gestione efficace del rischio operativo è necessaria una strategia multidisciplinare che adotti un approccio olistico e sia in grado di fronteggiare qualsiasi tipo di rischio potenziale, quali eventi disastrosi di carattere naturale, errori imputabili a noncuranza o intenzionalità umana. IBM può aiutare la PA a proteggere assets, dati e persone grazie alla sua strategia di Risk Management, per preservare la sicurezza delle informazioni e garantire in ogni condizione la continuità operativa. Nel corso del convegno, verranno affrontate tematiche di Data Security e Business Continuity, alla luce delle continue evoluzioni delle infrastrutture tecnologiche e dei rischi cui esse sono continuamente esposte.

14:30
15:30

Rifiuti in cementeria. Opportunità per l’ambiente. Percorso autorizzativo e di controllo . Casi di studio[w.32b]

Alcuni casi di studio mostrano come il processo produttivo del cemento possa entrare nella gestione integrata dei rifiuti con vantaggio per l’ambiente, le comunità locali e le imprese. Il seminario ruota intorno a 3 argomenti: 1) Impatto ambientale del processo produttivo del cemento in presenza di utilizzazione di residui e rifiuti. 2) Il percorso autorizzativo e di controllo: normativa nazionale e direttive europee; deleghe regionali; ruolo delle province. Analisi delle problematiche di ordine regolamentare; strumenti di controllo messi in atto dalle amministrazioni e dalle imprese; rapporti pubblica amministrazione/ impresa. 3) Testimonianza delle pubbliche amministrazioni che hanno sperimentato percorsi autorizzativi e di controllo per l’inserimento delle cementerie nel ciclo di gestione dei rifiuti.

14:30
15:20

MDM: integrazione delle anagrafiche pubbliche[w.14a]

Avete mai compilato moduli per una pubblica amministrazione con dati generati dalla stessa pubblica amministrazione? Avete mai ricevuto un invito a provare un servizio che già usate? Esiste un'incredibile opportunità per le pubbliche amministrazioni centrali e locali per migliorare sensibilmente i servizi erogati ai cittadini mediante l’adozione di un modello di “vista cittadino unificata”. Consolidando informazioni frammentate, esse saranno in grado di implementare portali dedicati all’erogazione di servizi self-service e di migliorare la qualita' dei servizi "di sportello", dal rinnovo della patente di guida alla creazione del fascicolo sanitario o alla collezione dei certificati anagrafici. Sun puó facilitare la costruzione della “vista cittadino unificata” grazie a tecnologie fondate su SOA standard, che lasciano tutti i dati memorizzati al punto di origine, laddove sono stati raccolti, e provvedono a comporli in una vista unificata solo al momento del bisogno, nel pieno rispetto delle norme di riservatezza e con forte garanzia sulla consistenza e sullo stato di aggiornamento del risultato finale.

14:30
15:20

Le architetture SOA in contesti ad elevata sicurezza[w.9a]

La realizzazione pratica di un’architettura orientata ai servizi con caratteristiche di sicurezza e controllo degli accessi particolarmente spinti. L’approccio a servizi consente la rapida composizione di elementi infrastrutturali di fornitori diversi. Le caratteristiche di flessibilità dell’architettura si sposano con gli elevati livelli di sicurezza richiesti.

14:30
14:50

La necessità di WAN governance nelle amministrazioni pubbliche[lab.34a]

DGDDI (Dogana)Case Study Pubblica Amministrazione Francese). Durata 20 Minuti. IT governance e ITIL sono state adottate dai leader di molti segmenti di mercato. L’IT governance si occupa della gestione delle prestazioni, dei costi ed i rischi che circondano le tecnologie ICT dell'informazione e della comunicazione. Anche la pubblica amministrazione può beneficiare di soluzioni che derivano dall’IT governance per la gestione delle prestazioni, dei costi e dei rischi di tutta l'organizzazione. Tra tutti gli strumenti che sono a disposizione della struttura IT, le amministrazioni distribuite necessitano di concentrarsi su quelli che possono avere il maggiore impatto a livello di prestazioni, costi e rischi: la rete WAN. In questa presentazione si descrive la soluzione che consente la piena gestione della rete WAN e stabilisce le basi per introdurre i criteri di governance all’interno delle varie pubbliche amministrazioni.

14:30
15:30

Dematerializzazione dei documenti clinici: una testimonianza concreta.[lab.3]

La presentazione illustra l'esperienza condotta dall'Ospedale Galliera sulla tematica relativa alla dematerializzazione dei documenti clinici illustrando i numerosi interventi informatici ed organizzativi volti a realizzare la "scomparsa della carta, delle pellicole, dei tracciati…" nel trattamento dei dati sanitari del paziente, in un percorso necessariamente progressivo, che una volta completato è destinato anche a realizzare la cartella clinica completamente digitale. Sinteticamente gli interventi realizzati riguardano: 1. L'adeguamento dei diversi verticali al processo di firma digitale; 2. Strumenti adottati sia all'interno che all'esterno per la consultazione informatica dei documenti; 3. Strumenti di "notifica ai richiedenti" dei documenti/referti una volta disponibili che consentano di verificare la cronologia degli accessi; 4. Consolidamento e conservazione legale sostitutivo; 5. Gestione convergente"dell'analogico scannerizzato" e " del digitale alla fonte"; 6. Gestione informatica dei reperti (immagini e tracciati); 7. Gestione integrata della comunicazione clinica (multidisciplinare, multipiattaforma, digitale alla fonte e scannerizzata, documenti, immagini e tracciati); 8. Produzione della copia del referto per il paziente alla richiesta (consente di rendere indipendenti gli sportelli dalla tipologia di referto e quindi aumentare i punti di emissione, tracciatura della consegna); 9. Adozione di un regolamento aziendale che disciplina le modalità tecniche, organizzative e gestionali per l'impiego del documento informatico nell'ospedale. L'officina si terrà presso la Sala Welfare - padiglione 7

14:30
15:30

DEMATERIALIZZAZIONE[lab.205]

La forte spinta alla dematerializzazione, verificatasi negli ultimi anni a seguito delle politiche nazionali in materia di innovazione, ha reso necessaria la definizione di nuove modalità organizzative e di soluzioni tecniche da adottare nella gestione dei documenti informatici. Le soluzioni tecniche sinora adottate nel settore pubblico hanno infatti risolto problematiche settoriali circoscritte, spesso affiancando i procedimenti tradizionali senza realizzare una gestione totalmente informatica del ciclo di vita del documento amministrativo. Inoltre le criticità tecniche e organizzative relative alla conservazione affidabile nel tempo dei documenti informatici sono stati un freno alla piena digitalizzazione dei procedimenti amministrativi. Il seminario intende fare il punto della situazione su tale tematica.

14:30
15:20

Dematerializzare il rapporto con il cittadino: dallo Sportello Virtuale Polifunzionale al modello Citizen Relationship Management[w.12a]

Il termine Dematerializzazione è sicuramente oggi spesso identificato all’interno della PA con il concetto di “digitalizzazione dei documenti cartacei” e conseguente gestione in formato elettronico. Questo tipo di approccio porta sicuramente ad un aumento di efficienza interna che però può venire percepita poco dal cittadino “Cliente” in quanto rimane un qualcosa di confinato all’interno delle mura dell’Ente, poco visibile, e non contribuisce ad aumentare il livello di interazione. Se l’obiettivo è invece quello di far percepire la trasformazione in atto nella PA è necessario modificare il modello di interazione rendendo il cittadino parte attiva nella gestione dei procedimenti amministrativi, consentendogli quindi l’utilizzo dei nuovi canali di comunicazione come ad esempio le email, internet e la tecnologia mobile. Le aziende private già da molti anni gestiscono i rapporti con i loro clienti in modo organizzato, attraverso una profilazione accurata e precisa degli stessi con l’uso di strumenti di Customer Relationship Management. Gli stessi concetti e tecnologie possono essere facilmente trasposti nel mondo dei servizi offerti dalla Pubblica Amministrazione, utilizzando strumenti detti di Citizen Relationship Management in quanto ogni cittadino “Cliente” può essere profilato allo scopo di identificare i servizi che possono essere di proprio interesse ed il canale di comunicazione più efficiente per gestire la comunicazione.

14:30
15:20

Dal digital divide alle NGN[w.59a]

Nel contesto della odierna società dell’informazione e della conoscenza, il Ministero dello Sviluppo Economico con la sua società in house Infratel vuole presentare una personale overview nello scenario ICT finalizzato alle PA ed all’abbattimento del Digital Divide. L’intervento si comporrà di due fasi fondamentali, la prima che descrive l’approccio di Infratel per l’infrastrutturizzazione del territorio nazionale con approfondimenti relativi al modello di intervento, la seconda fase, a cura di Istituto Superiore C.T.I. e Fondazione Ugo Bordoni, sarà di carattere tecnico scientifico con il fine di illustrare le moderne tecnologie a supporto delle reti di nuova generazione. In tale contesto si definiranno i concetti di NgN e NgAN con un taglio Nazionale ed Internazionale a dimostrazione dello sviluppo concreto e veloce della diffusione della Larga Banda nel mondo. Saranno trattate le tecnologie FTTx ed in particolare le Reti Passive Ottiche con approfondimenti sui vari segmenti della rete di telecomunicazioni: dal Trasporto fino all’Accesso. Si discuterà sullo sviluppo del carrier ethernet, dei servizi di nuova generazione, del processamento completamente ottico dei segnali. A supporto degli studi verranno presentati casi concreti di sperimentazione scientifica condotti su test bed di reti All IP presenti presso le strutture del MISE - Dipartimento Comunicazioni. Particolare attenzione sarà infine posta sui risultati delle sperimentazioni scientifiche derivanti dai progetti EU (FP7) SARDANA “Scalable Advanced Ring-based Passive Dense Access Network Architecture” e BONE “Building the Future Optical Network in Europe”. Tutti questi elementi sono fondamentali per lo sviluppo economico e sociale del paese e per incrementare le opportunità di innovazione nelle imprese.

14:30
15:20

Correlare le informazioni organizzative con l'analisi spaziale e georeferenziata.[w.22a]

Nelle Amministrazioni ed Enti Pubblici è sempre più sentita l’esigenza di una migliorare comprensione ed analisi delle informazioni che abbiano una componente georeferenziale, sia di tipo territoriale, sia legata a fenomeni ambientali o alla dimensione geografica di specifici processi organizzativi. Tipicamente, però, gli strumenti per la rappresentazione di informazioni territoriali non permettono grandi performance nella visualizzazione su mappa di indicatori, diagrammi e grafici per analisi multidimensionali. Così come la business intelligence (BI) non dispone di strumenti evoluti di rappresentazione cartografica delle informazioni che in determinati contesti applicativi diventa essenziale. Oggi, grazie all'integrazione di SAP BusinessObjects, piattaforma leader della business intelligence, con la tecnologia GIS di ESRI (Environmental System Research Institute), leader nei Sistemi Informativi Cartografici (GIS), diventa possibile raggiungere risultati inimmaginabili fino a poco tempo fa, coniugando due metodologie tra loro complementari. Grazie a potenti ed intuitivi strumenti di analisi è possibile migliorare e ottimizzare i processi decisionali correlando informazioni organizzative con l'analisi spaziale e georeferenziata. L’integrazione consente: • la visualizzazione di elementi cartografici in base ai risultati dei processi di BI provenienti da sistemi transazionali ERP o dal DWH; • la selezione di elementi geografici come poligoni o punti, da mappe e la visualizzazione dei dati alfanumerici corrispondenti; • l'uso di cruscotti di sintesi che consentono di navigare contestualmente informazioni di tipo cartografico e di tipo alfanumerico attraverso l’utilizzo di query spaziali (vicinanza, inclusione, sovrapposizione, ecc.).

14:30
15:30

Conferenza stampa: L’attività di e-democracy del Consiglio regionale del Veneto[lab.8]

Il presidente del Consiglio regionale del Veneto, Marino Finozzi, presenta i progetti di e-democracy attivati nel portale TerzoVeneto. A seguire presentazione dell’attività dell’osservatorio regionale sul federalismo e la finanza pubblica. Interviene il direttore di Unioncamere Veneto Gian Angelo Bellati.

14:30
15:20

Aumentare la produttività ottimizzando i processi di stampa[w.46a]

Dal dispositivo di stampa alla gestione dell’informazione. Il punto di partenza e’ un percorso che parte dal consolidamento e dall’ottimizzazione delle risorse informatiche, aspetti che sono sempre più al centro dell’attenzione dei business manager, perché rappresentano un mezzo estremamente efficace per ridurre i costi e la complessità dell’infrastruttura IT che sta alla base dei processi di business e della circolazione delle informazioni all’interno e all’esterno di un’azienda. Non ottimizzare l’infrastruttura per la stampa, infatti, comporta un costo notevole per l’azienda, e questo senza considerare che stampanti non adatte al particolare processo di business o allocate in posti non adatti in funzione della disposizione dei fruitori, presentano ulteriori aggravi economici in termini di ottimizzazione dei processi e di tempo richiesto per lo spostamento del personale, con impatto sulla produttivita’. Inoltre, un’infrastruttura di stampa pensata per le esigenze di business permette l’introduzione di soluzioni specifiche per la gestione delle problematiche relative alla sicurezza dei documenti, la gestione della creazione del documento e per il controllo del flusso documentale, migliorando cosi’ sia i processi sia la produttività del personale. Per supportare la Pubblica Ammistrazione e fare delle soluzioni di stampa un efficace strumento di riduzione costi ed aumento dell’efficienza, con HP durante quest’incontro avrete modo di approfondire la teoria, la pratica e i benefici che ne derivano

14:30
15:20

Gli strumenti alternativi per la risoluzione delle controversie nella fase di affidamento delle gare di appalto[w.53a]

All’Autorità è stato affidato il compito di rendere pareri su richiesta delle parti tutte le volte in cui insorgono (o per evitare che insorgano) controversie relativamente alla fase dell’evidenza pubblica. Questo strumento, denominato Precontenzioso, è finalizzato alla deflazione dell’attività giurisdizionale del Giudice Amministrativo e si ispira alle più recenti tendenze, di derivazione anglosassone, in tema di strumenti alternativi per la risoluzione delle controversie (Alternative dispute resolutions o A.D.R.)

15:00
15:30

Tooway: nuova tecnologia, nuove professioni[lab.214]

I servizi satellitari superano facilmente ogni limite imposto dal divario digitale e forniscono una copertura completa del territorio Skylogic, società specializzata nei servizi a banda larga satellitare, è in grado di proporre soluzioni concrete, in particolare per le Pubbliche Amministrazioni e per gli Enti Locali che intendono garantire ai propri cittadini l’accesso universale ai servizi legati all’informazione, alla salute, all’istruzione, alla sicurezza e allo sviluppo economico. Oltre alla connettività a banda larga, Skylogic presenterà l'offerta televisiva per la PA e le soluzioni a supporto delle reti di intervento in caso di emergenza e del monitoraggio e telecontrollo di energia, acqua ed ambiente I servizi satellitari superano facilmente ogni limite imposto dal divario digitale e forniscono una copertura completa del territorio Skylogic, società specializzata nei servizi a banda larga satellitare, è in grado di proporre soluzioni concrete, in particolare per le Pubbliche Amministrazioni e per gli Enti Locali che intendono garantire ai propri cittadini l’accesso universale ai servizi legati all’informazione, alla salute, all’istruzione, alla sicurezza e allo sviluppo economico. Oltre alla connettività a banda larga, Skylogic presenterà l'offerta televisiva per la PA e le soluzioni a supporto delle reti di intervento in caso di emergenza e del monitoraggio e telecontrollo di energia, acqua ed ambiente

15:00
16:00

Web 2.0 e Pubbliche Amministrazioni in Emilia Romagna[lab.150]

Le tecnologie e le logiche del web semantico hanno permesso un ulteriore passo avanti rispetto alla semplificazione dell'accesso e della ricerca di informazioni sul web. Ciò che è ancora insufficiente è la diffusione e - soprattutto - la condivisione di competenze, metodologie e buone pratiche legate all'utilizzo degli strumenti genericamente etichettati e racchiusi nella categoria "Web 2.0". Il progetto POWER si è sviluppato proprio per colmare questa lacuna, sia attraverso la realizzazione di uno studio di fattibilità (redazione di linee guida operative, definizione di specifiche comuni), sia attraverso la concreta sperimentazione di applicativi Web 2.0 da parte di ciascun Comune coinvolto nel progetto. Altri progetti del Piano

15:00
16:00

Spazi europei per la Ricerca e lo Sviluppo: le opportunità per le piccole e medie imprese e i centri di ricerca ed il ruolo della Pubblica Amministrazione. Presentazione dell’iniziativa "Road show Tecnologico”[lab.296]

Il “Road show tecnologico", è un’iniziativa promossa nell’ambito della Prima Settimana Europa Europea della Piccola e Media Impresa – SME WeeK – dall’APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea e dal CNA area metropolitana di Roma, con il sostegno della Ufficio Europa e Relazioni Internazionali della Provincia di Roma, Il Road-Show Tecnologico porterà per una settimana le PMI all’interno dei centri di ricerca della provincia di Roma, utilizzando un pullman itinerante dedicato all’evento. L’iniziativa ha l’obiettivo di migliorare il dialogo e la collaborazione sui temi della ricerca scientifica e dello sviluppo tecnologico tra le PMI del territorio ed i centri di ricerca. Ogni giorno il pullman SME Week partirà verso un itinerario “a Tema”: farà salire gli imprenditori e li porterà a visitare i vari centri di ricerca del territorio. Durante il tragitto un esperto presenterà le possibilità nel 7 Programma Quadro e risponderà alle domande e curiosità delle imprese. Giunte a destinazione le PMI saranno accolte dal centro di ricerca che mostrerà loro i risultati del lavoro svolto e parlerà delle linee di ricerca per il futuro; si tratterà di un’attività di networking fra imprenditori e ricercatori

15:00
16:00

Strategie di attrazione di studenti stranieri e di sostegno all'internazionalizzazione del sistema universitario italiano: il caso Invest Your Talent in Italy[lab.248]

L’attrazione dei cervelli costituisce la nuova sfida per accrescere la competitività dei sistemi produttivi territoriali rendendoli maggiormente attrattivi agli investitori internazionali. La Farnesina, d’intesa con il MIUR e la CRUI, ha avviato una riflessione sulle strategie a sostegno dell’internazionalizzazione del sistema universitario italiano per favorire le migliori sinergie sia sul fronte della promozione, sia sul fronte dell’attrazione di studenti stranieri. In quest’ultimo ambito la Farnesina ha promosso una collaborazione forte tra Università, Istituzioni, Camere di Commercio italiane e Imprese, dando vita al programma Invest Your Talent in Italy (www.postgradinitaly.esteri.it)

15:00
16:00

Notai e sicurezza giuridica. Le esperienze internazionali.[lab.45]

La cooperazione tra il Notariato e la Pubblica Amministrazione è già attuata in diversi ambiti (sistemi dell'Agenzia del Territorio e dell’Agenzia delle Entrate; delle Camere di Commercio; degli Archivi Notarili; sistemi informatici dei Comuni italiani). Il Notariato, quindi, è naturale interlocutore istituzionale nelle strategie di ammodernamento e di innovazione tecnologica della Pubblica Amministrazione. L’innovazione tecnologica, però, non sempre va di pari passo con la cultura del documento giuridico. Le relazioni dell’OFFICINA offrono il contributo di esperienze applicative che coniugano la sicurezza tecnologica e giuridica con la semplificazione delle procedure e l’utilizzo di nuove tecnologie, in un processo di sviluppo che nasconde notevoli insidie, dal punto di vista tecnologico, dal punto di vista organizzativo e da quello della ripartizione delle responsabilità tra i vari attori del “fenomeno innovazione”. Saranno altresì illustrati gli altri ambiti di cooperazione che sono allo studio da parte del notariato per offrire alla Pubblica Amministrazione ed al cittadino l’opportunità di beneficiare delle più moderne tecniche di e-government, e di riutilizzo del dato informatico, unita all’affidabilità garantita dal notaio pubblico ufficiale, principale responsabile dell’immissione del “dato” nel mondo dei registri commerciali e immobiliari.

15:00
16:00

Mobilità sostenibile[lab.68]

L’istituzione di un’apposita Posizione Organizzativa, all’interno dell’Assessorato regionale ai Trasporti, incaricata di occuparsi specificatamente di Mobilità Sostenibile e Ciclabilità e la gestione di alcuni progetti specifici di cooperazione internazionale - finanziati con fondi Interreg – in materia di reti ciclabili e di mobility management, ha consentito alla Regione Puglia di attivare concrete politiche della mobilità sostenibile che rappresentano, da un lato una significativa risposta alle sfide dell’Unione Europea in termini di contributo alla lotta ai cambiamenti climatici, riduzione degli incidenti stradali e promozione di modalità di trasporto diversificate e alternative rispetto all’uso individuale del mezzo a motore, dall’altra uno strumento essenziale per interagire con altri settori della pianificazione regionale (Ambiente, Assetto del Territorio, Qualità dell’aria) e sub-regionale (enti locali ed Aree Vaste)

15:15
16:15

Una comunicazione efficace sugli stili di vita salutari[lab.140]

Gli stili di vita (collegati a fumo, alimentazione, attività fisica, alcool) rivestono un’altissima valenza sanitaria, per l’impatto che hanno sulla salute in termini di possibile prevenzione di patologie, allungamento della vita media e contributo alla qualità della vita stessa. Il Ministero promuove gli stili di vita salutari attraverso una politica basata su informazione, educazione e comunicazione, che, contrastando i comportamenti a rischio, possa favorire il benessere della popolazione. All’insegna di un concetto di salute che non è più assenza statica di malattia ma un vero e proprio processo dinamico di costruzione, scopo principale delle campagne di comunicazione è sviluppare empowerment (la responsabilità del singolo), indurre cambiamento, creare motivazione ad assumere atteggiamenti e stili di comportamento tesi alla tutela della salute.

15:30
16:20

L’efficienza e l’efficacia non bastano più: un’esperienza con il personale direttivo dell’Università di Ferrara[lab.125a]

Gli obiettivi classici di un’organizzazione sono costituiti dall’aumento dell’efficienza e dal conseguimento della soddisfazione degli utenti a livello di efficacia. In un quadro di benchmarking fra le università, e tenendo conto dell’apertura internazionale che connota la competizione nelle realtà avanzate, quegli obiettivi, che già sono sfidanti, non bastano più: ci si deve infatti preparare a una competizione che ha come obiettivo l’eccellenza, e come teatro quantomeno l’Europa. La Scuola di governo locale di Reggio Emilia ha quindi offerto un supporto di confronto manageriale a uno dei migliori atenei italiani, l’Università di Ferrara, che ha portato a compimento un percorso molto significativo di costruzione di performances di efficienza ed efficacia (iniziato con vari consulenti già nel 2006), ma che ora vuole proporsi come una realtà di eccellenza a livello non solo nazionale. Il versante di cultura manageriale di questa nuova sfida, realizzato con un gruppo di 18 figure direttive dell’Ateneo ferrarese dal coordinatore della Scuola di governo locale di Reggio Emilia, verrà descritto da quest’ultimo nella Officina PA qui proposta. A questa esperienza (aprile 2009) farà seguito nel prossimo mese di giugno un confronto tra quel gruppo di dirigenti ferraresi e il team del City Manager del Comune di Reggio Emilia, con il Direttore amministrativo dell’Ateneo e il City Manager.

15:30
16:20

WebSphere Datapower[w.60a]

WebSphere Datapower è un appliance dedicato alla sicurezza applicativa. Più precisamente è un XML firewall che protegge dai principali attacchi XML, come l’XML Denial of Service (xDoS),semplifica, accelera e contribuisce a rendere sicura la Service Oriented Architecture (SOA). Riduce il costo e la complessità che derivano da sistemi sovradimensionati in modo da non risentire dei picchi del traffico e della richiesta applicativa.

15:30
16:20

Unified Video Communication[w.45a]

Le soluzioni di Video Comunicazione, nell'ambito dello Unified Communication, permettono: l'ottimizzazione dei tempi, la riduzione dei costi di spostamento e il miglioramento dei servizi per il cittadino. Attraverso l’integrazione delle piattaforme video della famiglia AeUMS si favorisce lo sviluppo della "Società dell'informazione" sia verticale che trasversale, capace di potenziare i rapporti tra i cittadini e le istituzioni e tra le istituzioni a qualsiasi livello. Quando si parla di Unified Communication, tutte le realtà interessate e coinvolte propongono sistemi e soluzioni universali. Gecom ed Aethra sono convinti che pur avendo come obiettivo finale l’integrazione di tutti gli strumenti a disposizione delle Istituzionii, questi devono essere valutati e gestiti in modo analitico. Ogni singolo attore dell’Unified Communication deve apportare il proprio specifico know how che non è e non può essere universale. La nostra soluzione, quindi, si propone di creare i presupposti affinchè tutte le risorse legate al mondo della videoconferencing, attuali e future, possano essere integrate correttamente nell’ambito della piattaforma OCS di Microsoft. La sessione analizzerà in tutti i suoi aspetti le soluzioni che hanno il fine di migliorare l’interazione tra i vari Enti e i vari settori dell'Ente (videoconferenza tradizionale, web conference, 3G, etc…) oltre che mettere in evidenza come la PA possa preservare tutti gli investimenti fatti sino ad oggi con la possibilità di integrarli nella gestione della piattaforma OCS; vedremo, infine, come la soluzione proposta consenta di ottenere una scalabilità verso le nuove forme di videoconferenza quali ad esempio quelle legate all’alta definizione.

15:30
16:20

Tagliare i costi IT e di rete attraverso l’innovazione[w.39a]

Oggi risulta possibile implementare nuove applicazioni IT e attuare trasformazioni che possono avere un notevole impatto in termini di efficienza e costi nelle grandi organizzazioni pubbliche. Videoconferenza, telefonia IP, virtualizzazione dei desktop, consolidamento dei datacenter: sono tutte tematiche che possono generare enormi risparmi sui costi. Per essere utilizzate in un modo efficiente e sicuro, queste trasformazioni richiedono un nuovo tipo di tecnologie di rete che siano in grado di estendere i servizi di rete con maggior consapevolezza delle applicazioni. In questa presentazione si descrive la soluzione che permette di costruire dei servizi di rete intelligenti, in grado di sostenere pienamente lo sviluppo IT di oggi e di domani, e tutte le innovazioni distribuite globalmente attraverso le amministrazioni distribuite sul territorio.

15:30
16:30

Snellire la sanità pubblica per migliorare il servizio al cittadino: ovvero l’approccio LEAN alla sanità.[lab.40]

Il progetto OLA ( Organizzazione LEAN dell’assistenza) è stato attivato per revisionare i processi CORE dei servizi ospedalieri allo scopo di identificare le fasi in cui si produce il valore e creare le condizioni oer un flusso costante nel percorso del paziente. Attraverso la riorganizzazione della propria rete ospedaliera L’Azienda Sanitaria Firenze si prefigge infatti di offrire ai propri assistiti l’accesso alla migliore risposta possibile. I tre principi ispiratori del progetto sono: a) organizzazione semplice; b) processi centrati sull’utente; c) valorizzazione delle competenze. Analogo progetto si sta applicando all’Area Amministrativa.

15:30
16:20

Flessibilità e innovazione nella soluzione SAP per la Pubblica Sicurezza: promuovere maggiore tutela e sicurezza anche attraverso la gestione dei casi investigativi.[w.21a]

La strategia in materia di sicurezza a livello nazionale e più in generale a livello europeo, pone l’accento sull’identificazione di una serie di minacce da affrontare e per le quali gli organi governativi devono attuare una politica di contrasto ed efficaci azioni di vigilanza. La crescente globalizzazione, la facilità di spostamento tra i paesi, l’aumento della mobilità e l’evoluzione tecnologica stanno creando, per i cittadini e per le organizzazioni che operano nel rispetto della legalità, grandi opportunità di svolgere le proprie attività in modo più rapido, più flessibile e più economico. D’altra parte questi fattori presentano, per la criminalità organizzata, per il terrorismo e in generale per tutte quelle organizzazioni che mirano a sviluppare traffici illeciti, l’opportunità di sviluppare modi di operare sempre più sofisticati ed efficaci che stanno determinando una vera e propria sfida per la pubblica sicurezza. Di conseguenza il governo deve rispondere a queste minacce aumentando l’accuratezza delle attività di intelligence e di rilevamento collaborando in modo più efficace sia a livello interno che a livello esterno cooperando con Enti di altri paesi. Riteniamo che migliorare la capacità di raccogliere, elaborare, analizzare, diffondere e valutare le informazioni sia uno dei fattori chiave per contribuire ad attuare le politiche di contrasto alle terrorismo e alla criminalità organizzata. Molto spesso notizie e dati di carattere fondamentale per le indagini risiedono in sistemi disparati e ciò rende difficile l’analisi delle informazioni, il collegamento di episodi apparentemente isolati, la loro collocazione geografica e temporale, impedendo di ottenere la ricostruzione di un quadro completo e attendibile di un determinato avvenimento. E’ proprio sull’integrazione tra processi, persone e dati, e garantendo il rispetto della normativa sul trattamento dei dati e dei compiti delle singole organizzazioni, che è impostata la soluzione SAP per la Pubblica Sicurezza che fornisce funzionalità mirate e immediatamente utilizzabili per supportare le necessità delle organizzazioni che operano in questo settore, consentendo una gestione più efficace delle loro operazioni. Nell’ambito di tale soluzione il componente su cui intendiamo richiamare l’interesse riguarda la Gestione dei Casi Investigativi (ICM). Tale componente contiene funzionalità che permettono ad ogni Ente/Organizzazione di collaborare in modo produttivo e sicuro, incrementando la distribuzione della conoscenza e quindi aumentando la sicurezza. Consente di gestire le risorse, i dati e i processi all’interno di un processo investigativo associando all’attività richiesta gli skill più idonei, ed infine abilita gli utenti a lavorare al meglio fornendo un accesso personalizzato alle informazioni, alle applicazioni ed ai servizi di cui necessitano nello svolgimento della propria attività. Fornisce quindi un pieno sostegno per la visibilità completa dell’intero processo di indagine, supportando la fase di investigazione iniziale, la categorizzazione dei casi, la definizione di approcci standard e la programmazione dell’attività ispettiva, attraverso un repository centrale per la gestione di tutte le informazioni originate da fonti diverse e mantenendo la profondità storica del caso, tracciando chi ha fatto cosa e in quale fase del processo decisionale.

15:30
16:20

Le Soluzioni Oracle e- Government a supporto del recupero della Centralità dei Processi nel Settore Pubblico[w.10a]

Il miglioramento dei servizi che la Pubblica Amministrazione offre ai propri Cittadini e alle Imprese deve passare per un recupero del primato dei processi. Pertanto, il ruolo delle applicazioni deve essere quello di un reale fattore abilitante che consenta di automatizzare ciò che un processo definisce. Oracle, attraverso una mirata strategia di acquisizioni ed un nuovo modo di concepire ed interpretare il concetto di “Applicazione”, ha aderito perfettamente a questa filosofia che rappresenta quindi il fondamento della sua proposizione denominata Oracle iGovernment. Nella sessione verranno illustrati i vantaggi derivanti dall’utilizzo di una Piattaforma Applicativa integrata in grado di gestire processi che attraversano tutta l’Organizzazione Pubblica: dalla richiesta di servizio del Cittadino alla Governance interna e/o la gestione e lo sviluppo delle Risorse Umane.

15:30
16:00

L'Innovazione della scuola[lab.108b]

La riqualificazione edilizia del noto istituto scolastico milanese è stata incentrata principalmente su due importanti temi innovativi: 1) l’ergonomia degli arredi e lo studio del colore La ricerca ha inteso approfondire la possibilità di avere arredi ergonomici e funzionali all’interno di un rapporto qualità prezzo vantaggioso operando in un contesto basato sulle economie di scala. Lo studio del colore degli ambienti interni, quali aule, laboratori, spazi socio ricreativi (bar, biblioteche e spazi museali) ha inteso operare nell’ambito della caratterizzazione cromatica funzionale per migliorare il grado di vivibilità degli stessi. 2) la medialità dell’apprendimento (reti e lavagne elettroniche) Nell’ambito della realizzazione di cablaggi intelligenti all’insegna della massima flessibilità e implementazione, sono state sperimentate anche periferiche didattiche particolarmente innovative quali le lavagne elettroniche. Tali dispositivi permettono di replicare in modo elettronico le lavagne tradizionali, consentendo la memorizzazione della lezione d’aula e la messa in rete dei programmi per l’utilizzo di questi da postazione remota attraverso internet o il collegamento al server della scuola. La Provincia inoltre con l’estensione della propria rete di fibra ottica, utilizzando la rete stradale con i relativi sottoservizi, contribuisce alla messa in rete dei nodi scolastici abbattendo così i costi delle utenze a carico delle scuole. Tale realizzazione permetterà di azzerare i costi di telefonia e di servizio per il collegamento a Internet.

15:30
16:30

IL SISTEMA INFORMATIVO DEGLI ARCHIVI DI DEPOSITO DELL’AMMINISTRAZIONE DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ( SIADARS)[lab.193]

Il S.I.A.D.A.R.S. è una banca dati dei complessi archivistici dell'Amministrazione regionale e degli uffici che li hanno prodotti e conservati, nonché delle informazioni relative ai locali adibiti ad archivio e ai loro responsabili. Il S.I.A.D.A.R.S è il prodotto della ricognizione sistematica del patrimonio culturale custodito negli archivi della RAS, finalizzata a riacquisire il controllo della documentazione. Le informazioni raccolte sono strutturate con un software descrittivo che rispetta gli standard descrittivi internazionali. Per rilevare in maniera omogenea e scientificamente corretta le informazioni vengono utilizzate schede di descrizione e linee guida per la loro compilazione. Ogni tipologia di scheda corrisponde ad un diverso oggetto di descrizione. Le schede sono in relazione tra loro attraverso un sistema di richiami, in modo che alle descrizioni dei complessi archivistici siano correlate le descrizioni dei soggetti che li hanno prodotti e conservati, le informazioni sui locali in cui sono ubicati e sulle fonti normative. Nel sistema devono confluire le informazioni sulla documentazione già presente negli archivi di deposito e su quella che vi viene trasferita e devono essere costantemente aggiornate .Scopo principale è la razionalizzazione degli archivi di deposito per un più efficace svolgimento dell'attività amministrativa e per il recupero, la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio di conoscenze, esperienze ed informazioni conservato negli archivi di deposito della Regione Autonoma della Sardegna.

15:30
16:20

Il nuovo ruolo dell'interoperabilità applicativa nell'e-government"[w.62a]

Il concetto di e-goverment si innesta in un processo continuo di cambiamento, anche organizzativo, della PA; tale cambiamento riguarda le dinamiche di evoluzione del contesto, sia globali sia nazionali, nonché le nuove opportunità che si presentano in termini di nuovi e migliori servizi per l’utenza. L’innovazione della PA, quindi, deve intendersi soprattutto come innovazione ed evoluzione dei servizi per cittadini e imprese. Il cambiamento più significativo, in termini di indirizzo strategico, sul tema di e-government, può essere identificato nella tendenza a riconoscere in modo esteso il suo ambito di riferimento: si sta approdando infatti ad una nuova accezione di “area pubblica”, intesa come un sistema di soggetti, infrastrutture, strumenti e canali di comunicazione (anche innovativi e non convenzionali). Questa lettura estesa ed inclusiva di “area pubblica” moltiplica potentemente le opportunità di ampliare e migliorare, con investimenti limitati per la PA, la qualità dei servizi digitali innovativi, consentendone al tempo stesso la fruizione ad un numero sempre maggiore di utenti. Ciò implica una enfasi rinnovata sui progetti di interoperabilità quali fattore chiave di successo per l’innovazione pubblica ed in particolare conferisce oggi alla cooperazione applicativa – la più evoluta declinazione del paradigma dell’interoperabilità – un ruolo ancor più decisivo. In questo scenario, il background di esperienze italiane ed europee di service provider posseduto da HP e da EDS, una società del gruppo HP per la PAC, la PAL e per la grande, piccola e media impresa le rendono partner ideali nella nuova sfida per l’innovazione pubblica.

15:30
16:30

Brevetti, modelli e disegni: forme di incentivazione, servizi e tutela per imprese e cittadini[w.56a]

Nel corso del master saranno richiamati brevemente i concetti generali dei titoli di proprietà industriale, dalle definizioni, ai requisiti di brevettabilità e di registrazione, nonché alla durata della tutela. Sarà, inoltre, trattata, in maniera più approfondita, la nuova procedura d’esame per le domande di brevetto per invenzione industriale presentate a partire dal 1° luglio 2008 che prevede la ricerca di anteriorità. Infine, sarà affrontato il tema dell’incentivazione alla tutela brevettuale e quello dei nuovi servizi offerti alle imprese ed ai cittadini, a seguito della recente informatizzazione della Direzione Generale.

16:00
17:00

CCNL e contratto integrativo. Esperienze campione nel privato e nel pubblico[lab.94b]

Tra le priorità di Agenas, nel campo della formazione, assume particolare rilievo il tema della gestione del personale che, per quanto attiene alle politiche del personale, può incidere in modo determinante sull’efficienza e anche sull’efficacia delle Aziende e delle Regioni. Il confronto delle esperienze realizzate nel campo delle aziende sanitarie pubbliche e, più in generale, nel settore privato consente di ipotizzare nuove strategie per dare maggiore rilievo, all’interno dell’Azienda, ai criteri generali di valutazione del personale.

16:00
17:00

L’innovazione della Penna Ottica nella Pubblica Amministrazione[lab.272a]

Pen & Paper è una tecnologia che consente la gestione dei contenuti e la riduzione dei costi facilitando l’archiviazione dei documenti.Tale tecnologia consente la raccolta di informazioni e la loro immediata trasmissione remota attraverso la tecnologia della Penna Ottica e della Carta. In queste soluzioni vi è l’enorme vantaggio di mantenere la carta originale evitando, tuttavia, la digitazione delle informazioni raccolte tramite data entry. Facilitando la nuova operatività degli Utenti che rimane la stessa. In uso presso la Pubblica Amministrazione Locale (Comuni, Sanità) e presso l’industria , le Società Commerciali e di Servizi. Tale tecnologia consta di una “tradizionale” penna ad inchiostro, che consente l’invio in tempo reale di ciò che si scrive, su carta ”digitale”, ad una applicazione SW, residente su un computer locale o remoto, in grado di “processarlo” (dove il “processare” può andare dalla semplice ricostruzione del modulo elettronico “per archiviazione”, sino ad elaborazioni comunque complesse)

16:00
17:00

Progetto cantieri aperti: una reale sfida per la Pubblica Amministrazione[lab.319]

Promosso da: Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Molise

16:00
17:00

Riduzione del digital divide. Società dell’informazione per tutti[lab.112]

La riduzione di tutte le forme di digital divide costituisce priorità nell’agenda della politica di sviluppo della società dell’informazione e della conoscenza in quanto condizione necessaria di partecipazione ed esclusione dei cittadini e delle imprese. Digital Divide che riguarda la disponibilità dell’accesso in Banda Larga alla rete ma anche la creazione delle condizioni e l’attivazione di interventi utili al superamento alle difficoltà che si riscontrano in gran parte della popolazione e delle imprese alla propensione e all’uso delle nuove tecnologie. La Toscana ha in atto fra gli altri, due interventi principali che riguardano “Banda Larga per tutti” che ha l’obiettivo di azzerare il divario digitale in termini di connettività di tutto il territorio toscano entro il 2009 e la qualificazione di altri 300 punti di accesso assistito ai PAAS quale supporto alla formazione, conoscenza ed uso dell’innovazione tecnologica per l’accesso ai servizi digitali. - Banda larga per tutti: sommare le opportunità e le risorse - L’ Amministrazione elettronica incontra i cittadini: i punti di accesso assistito ai servizi (PAAS) - Innovazione tecnologica e imprese - Telecentri

16:15
17:00

Lighthouse Communications Xtender, per passare al VoIP salvaguardando gli investimenti[lab.132a]

La Finanziaria 2008 prevede l’obbligo per le pubbliche amministrazioni centrali di utilizzare la Voice Over IP (VoIP) per razionalizzazione i sistemi di telecomunicazioni e per abbattere i costi telefonici. Per facilitare il passaggio della PA al VoIP, IFM Infomaster ha sviluppato un innovativo sistema di telecomunicazioni, Lighthouse Communications Xtender, che garantisce una transazione semplice e non invasiva dalla tradizionali reti di comunicazione aziendale ai moderni sistemi VoIP. In particolare, per l’unificazione delle reti di comunicazioni delle sedi decentrate della PA, Lighthouse Communications Xtender rappresenta la scelta ideale per espandere le capacità dei PBX preesistenti senza alcun intervento sugli stessi, e di integrare un insieme eterogeneo di PBX di brand e modelli differenti per creare un sistema di comunicazione unificato e omogeneo, nel quale tutte le chiamate tra le utenze dei PBX sono trasportate su rete IP senza interessare la rete pubblica.

16:30
16:50

Tagliare i costi IT e di rete attraverso l’innovazione[lab.35a]

Case Study ANPE (Pubblica Amministrazione Francese ) Durata 20 Minuti Oggi risulta possibile implementare nuove applicazioni IT e attuare trasformazioni che possono avere un notevole impatto in termini di efficienza e costi nelle grandi organizzazioni pubbliche. Videoconferenza, telefonia IP, virtualizzazione dei desktop, consolidamento dei datacenter: sono tutte tematiche che possono generare enormi risparmi sui costi. Per essere utilizzate in un modo efficiente e sicuro, queste trasformazioni richiedono un nuovo tipo di tecnologie di rete che siano in grado di estendere i servizi di rete con maggior consapevolezza delle applicazioni. In questa presentazione si descrive la soluzione che permette di costruire dei servizi di rete intelligenti, in grado di sostenere pienamente lo sviluppo IT di oggi e di domani, e tutte le innovazioni distribuite globalmente attraverso le amministrazioni distribuite sul territorio.

martedì, 12 maggio mattina

08:00
10:00

Progetto Energy Lab: “2009: anno per la qualita’ delle reti tecnologiche locali”[lab.268]

L’iniziativa nasce con l’obiettivo di accrescere la conoscenza della tematica: a) sostenere l’importanza delle infrastrutture (acquedotti, reti gas ed elettricità, fognature, telefonia) necessarie per il quotidiano funzionamento della vita di ciascuno di noi ma spesso “invisibili” perché interrate; b) promuovere la sinergia delle competenze in materia tra istituzioni pubbliche e private, associazioni di categoria, gestori di rete, imprese di installazione, università ed enti di ricerca ; c) individuare le forme per il mantenimento della qualità, dell’efficienza, del valore e dell’innovazione e per destinare risorse economiche per la conservazione e lo sviluppo di tali servizi. Un’iniziativa che sfocerà in un rapporto sullo stato dell’arte delle reti locali che verrà consegnato a fine anno al Governo. Il progetto verrà sostenuto da un piano. EnergyLab è una Fondazione no-profit che si propone di promuovere ricerca, sviluppo e divulgazione nel settore dell’energia e dell’ambiente. Sono partner fondatori la Regione Lombardia, le cinque Università milanesi (Università Cattolica del Sacro Cuore, Politecnico di Milano, Università Commerciale L. Bocconi, Università degli Studi di Milano ed Università degli Studi di Milano-Bicocca), la Fondazione Aem e la Fondazione Edison. Presidente di Energy Lab è l’assessore alle Reti e Servizi di Pubblica Utilità della Regione Lombardia Massimo Buscemi.

08:00
10:00

Progetto Energy Lab: “2009: anno per la qualita’ delle reti tecnologiche locali”[lab.232]

L’iniziativa nasce con l’obiettivo di accrescere la conoscenza della tematica: a) sostenere l’importanza delle infrastrutture (acquedotti, reti gas ed elettricità, fognature, telefonia) necessarie per il quotidiano funzionamento della vita di ciascuno di noi ma spesso “invisibili” perché interrate; b) promuovere la sinergia delle competenze in materia tra istituzioni pubbliche e private, associazioni di categoria, gestori di rete, imprese di installazione, università ed enti di ricerca ; c) individuare le forme per il mantenimento della qualità, dell’efficienza, del valore e dell’innovazione e per destinare risorse economiche per la conservazione e lo sviluppo di tali servizi. Un’iniziativa che sfocerà in un rapporto sullo stato dell’arte delle reti locali che verrà consegnato a fine anno al Governo. Il progetto verrà sostenuto da un piano. EnergyLab è una Fondazione no-profit che si propone di promuovere ricerca, sviluppo e divulgazione nel settore dell’energia e dell’ambiente. Sono partner fondatori la Regione Lombardia, le cinque Università milanesi (Università Cattolica del Sacro Cuore, Politecnico di Milano, Università Commerciale L. Bocconi, Università degli Studi di Milano ed Università degli Studi di Milano-Bicocca), la Fondazione Aem e la Fondazione Edison. Presidente di Energy Lab è l’assessore alle Reti e Servizi di Pubblica Utilità della Regione Lombardia Massimo Buscemi.

08:30
10:30

Abilmente: l’inclusione sociale attraverso l’imprenditorialità[lab.249]

Promuovere un intervento per offrire alle persone con disabilità, nuovi strumenti e opportunità per avviare e gestire la propria idea imprenditoriale. E’ questo l’obiettivo di ABILMENTE con il quale BIC Lazioha sperimentato un modello innovativo per favorire la creazione e lo sviluppo di impresa da parte di persone con disabilità. Incrementare il tasso occupazionale attraverso la prospettiva della creazione d’impresa e del lavoro autonomo delle persone disabili è fondamentale per il sistema produttivo locale, che può migliorare sia le proprie performance economiche (aumento della domanda, maggiore efficienza della produzione di beni e servizi), che sociali (inclusione sociale, garanzia dei diritti, ecc.). Negli ultimi anni BIC Lazio ha intrapreso un cammino volto a definire modelli di supporto per aspiranti imprenditori appartenenti alle fasce deboli del tessuto sociale laziale. Una strada in salita ed una sfida importante, capace però di generare alto valore aggiunto sia in termini sociali che in termini meramente economici, attraverso la valorizzazione di un potenziale imprenditoriale che fin’ora ha avuto rare occasioni di esprimersi. Con Abilmente sono stati messi a punto servizi specifici ed un sistema di rete che ha coinvolto non solo BIC Lazio, ma anche gli attori presenti sul territorio regionale che a diverso titolo forniscono supporto e ulteriori servizi complementari alle persone con disabilità.

08:30
10:00

Le esperienze di wireless in Emilia Romagna[lab.141]

Il “wireless civico”: modelli organizzativi, contenuti e servizi, risorse e sostenibilità. Il progetto PIKE (Promoting Innovation and the Knowledge Economy), appartenente al programma europeo INTERREG IVC, sta permettendo al Comune di Bologna di mettere a confronto il proprio servizio “Iperbole Wireless” con la buona pratica "Wireless City" della città di Derry (Nord Irlanda), e di approfondire gli aspetti comuni, le criticità, le prospettive dei rispettivi modelli di infrastrutture e servizi wireless. A partire dagli spunti offerto da questo “confronto”, verranno introdotti e illustrati altri casi di eccellenza nel campo delle tecnologie wireless per la Regione Emilia Romagna.

08:30
10:00

Si avvia il servizio in ASP per il controllo di gestione e il controllo strategico – cosa fare per aderire[lab.177]

Il seminario serve ad aggiornare le Amministrazioni sullo stato del progetto per il controllo di gestione e il controllo strategico erogato in modalità ASP, che è in avviamento, e a illustrare alle Amministrazioni come si devono organizzare e cosa devono fare per aderire al servizio.

09:00
09:50

Oltre il new public management: una contaminazione fra saperi manageriali del pubblico e del privato, e 4 modelli organizzativi per la PA.[lab.126b]

Il new public management oggi pare non essere più sufficiente per le sfide sempre più pressanti rivolte alla PA. In questo appuntamento si cercherà di dimostrare come una via per trovare nuove soluzioni a problemi crescenti di efficienza ed efficacia, ma anche a sfide ancor più strategiche per i territori su cui una PA deve porsi come soggetto di rappresentanza credibile, possa venire da una reale contaminazione positiva e reciproca fra realtà di eccellenza del pubblico e del privato. Come primo terreno di esemplificazione, verranno proposti 4 modelli organizzativi di PA agganciati ad altrettante metafore: un hangar, un supermercato, una ragnatela e un ponte sul flusso del cambiamento.

09:00
10:00

INPDAP:”IL NOSTRO ABRUZZO”[lab.279]

Sono presentate tutte le azioni intraprese dall’Istituto per alleviare gli enormi disagi degli iscritti e dei pensionati coinvolti nel tragico sisma abruzzese.

09:00
12:00

L'innovazione tecnologica cambia la scuola[EG.1]

Il convegno darà conto delle azioni intraprese e dei risultati raggiunti nell’introduzione delle tecnologie ICT per la didattica. Coordina Giovanni Biondi, MIUR

09:00
09:50

La gestione innovativa dei teatri comunali da “Istituzione” a “Fondazione”[lab.209]

Strategie sottese alla trasformazione di un teatro comunale di un ente di medie dimensioni da Istituzione a Fondazione – Percorsi operativi e primi risultati

09:00
12:00

La sicurezza urbana e territoriale: un obiettivo di sistema[Si.1]

La sicurezza dei cittadini e dei territori, il contrasto alla cultura mafiosa,l’impegno per una “legalità a tutto campo” sempre e ovunque non sono solo imprescindibili obiettivi politici per qualsiasi amministrazione centrale o territoriale, ma sono anche prerequisiti per quella “sicurezza dello sviluppo” che è fattore chiave per la crescita del paese e per la qualità della vita dei suoi cittadini in particolare nella contingenza di una crisi economica globale. Anche in questo campo così importante FORUM PA ‘09 intende perseguire la sua strategia di “essere al centro dell’innovazione” e decide quindi di dedicare uno dei quattro convegni principali al tema della sicurezza sulla base dei seguenti assunti: La Pubblica Amministrazione gioca un ruolo chiave nel garantire il diritto alla sicurezza sia per la costruzione delle politiche, sia per il suo stesso agire. Per politiche complesse come quelle per la sicurezza le amministrazioni non possono che lavorare facendo sistema tra di loro e con le forze economiche, sociali e civili del Paese. Il concetto di “sicurezza partecipata” mette proprio in luce questa necessaria alleanza che, forte del dettato costituzionale sulla sussidiarietà orizzontale e verticale, non può procedere che attraverso strategie integrate e concertate tra tutti gli attori (Stato, Regioni, Enti Locali, rappresentanti delle imprese, dei sindacati, del terzo settore, delle associazioni del volontariato). Una moderna ed efficace politica per la sicurezza è quindi sempre più partecipata ed integrata e vede nella prevenzione generale il suo obiettivo primario. La sicurezza è quindi, anche in questo senso, il risultato di sforzi congiunti di soggetti diversi , né può essere demandata alla sola magistratura o alle sole forze dell’ordine. Questo approccio alla sicurezza, basato sulla cultura della legalità, è fortemente innovativo e presuppone amministrazioni in grado di essere anch’esse innovative. L’innovazione dovrà essere pervasiva e comprendere processi, modelli culturali e organizzativi, strumenti operativi, mezzi tecnologici. Da questo punto di vista le nuove tecnologie sono un essenziale fattore abilitante per la politica della sicurezza. L’Italia ha un ruolo di eccellenza nel settore, ma è povera di momenti in cui questa eccellenza può essere mostrata e sperimentata e dove le aziende italiane di eccellenza possano far valere il loro primato tecnologico.

09:00
10:00

Lotta alla contraffazione: strumenti ed iniziative di contrasto[w.58b]

La contraffazione si presenta come un fenomeno complesso, che interessa tutti i settori economici, contraddistinto da un carattere sempre più transnazionale, con evidenti legami col crimine organizzato. Vera e propria industria criminale, che analizza il mercato e si adatta alla domanda, la contraffazione si muove secondo le dinamiche proprie delle imprese, sfruttando le opportunità offerte dalle nuove tecnologie. Di fronte ad un tale scenario, e alla dimensione economica assunta, diviene sempre più necessaria una risposta globale e multidisciplinare da parte di tutte le Istituzioni, nazionali e internazionali, che devono adoperarsi efficacemente nel definire un quadro giuridico di riferimento omogeneo, migliorando la cooperazione tra gli Stati e rendere più tempestive ed adeguate le azioni di contrasto. Recentemente, il Ministero dello Sviluppo Economico ha cercato di dare un assetto più rispondente alle necessità emerse, facendo leva sui vari livelli di responsabilità per un’azione più coordinata ed univoca. Per questo è nata la Direzione Generale per la lotta alla contraffazione-Ufficio Italiano Marchi e Brevetti, che ingloba oggi le funzioni già espletate dall’Alto Commissario e dall’UIBM, in un’ottica di coordinamento funzionale tra le diverse Amministrazioni operanti su questo fronte, mirando a concrete risposte in sinergia con imprese e consumatori, ed un’attenzione particolare a informazione e sensibilizzazione.

09:00
09:50

Risparmiare e aumentare la produttività con Unified Communications: VoIP, presenza, web conferencing[w.42b]

Le soluzioni di comunicazione e collaborazione permettono di aumentare la produttività dei gruppi di lavoro e di abbassare sensibilmente i costi eliminando o riducendo le necessità di spostamenti per partecipare alle riunioni permettendo di coinvolgere anche persone esterne all’azienda. Instant Messaging, VoIP, WebConferencing, email, fax: nel corso della sessione vedremo come grazie alla tecnologia Microsoft tutti i canali di comunicazione posso essere tenuti sotto controllo da qualsiasi luogo in modo semplice ed intuitivo.

09:00
09:50

Open Storage: la rivoluzione che cambia il modo di archiviare le informazioni[w.15b]

Quante informazioni deve gestire la Pubblica Amministrazione, e sempre di più senza carta? Tutti i benefici della tecnologia Open Source e Industry Standard anche per lo Storage. Enormi benefici economici con risparmi fino al 75% nel rapporto prezzo/prestazioni, elevata velocità di accesso al dato grazie all'utilizzo di memorie Flash (SSD), sicurezza e garanzia sull’integrità dei dati mai vista unitamente ad una semplicità d'uso davvero disarmante.

09:00
12:00

Riprendiamoci le nostre risorse[T.8]

La battaglia per la riconquista dei territori allo Stato e alla legalità è ormai una costante di tante amministrazioni del Mezzogiorno e i successi non sono mancati, così come i problemi di una guerra combattuta senza esclusione di colpi. Dalla giornata della memoria dei caduti contro le mafie tenutasi a Napoli il 21 marzo 2009, che ha visto oltre 150 mila persone prevalentemente giovani sfilare insieme a viso aperto, si è levata una proposta per rendere ancor più cogente la lotta alla criminalità organizzata, liberare parti di territorio dalla sua nefasta influenza, portare in bonis beni e imprese sequestrate ai criminali. Se primi importanti – seppur parziali – risultati ormai si registrano sul piano del riuso dei beni civili sequestrati ai mafiosi, lo stesso risultato non può essere registrato sul fronte delle imprese gestite dalla criminalità organizzata e a loro volta oggetto di sequestro. Su quasi 1.100 aziende sequestrate solo 60 risultano ancora operative, gestite prevalentemente in forma cooperativa, che hanno continuato a garantire occupazione e reddito ai lavoratori. Le altre sono chiuse con perdita di posti lavoro e di reddito e rappresentano una sconfitta dello Stato. Gli ostacoli principali registrati sono tre: 1.la difficoltà di rilevarle (molte di loro hanno debiti con le banche, con il sistema previdenziale, con i fornitori e chi subentra deve garantirli): le nuove aziende che rilevano le attività (spesso cooperative degli stessi lavoratori) non sono in grado di fornire al sistema creditizio le garanzie necessarie; 2.una volta rilevate: l’ostilità della criminalità organizzata che chiude loro i possibili mercati; 3.la difficoltà, in fase di start up, di trovare manager in grado di rilanciarle. L’impegno delle amministrazioni del sud (ma il problema ormai si estende all’intero Paese, visto che la criminalità organizzata sta acquistando imprese del nord in difficoltà finanziarie dovute anche alla crisi internazionale – il che lascia presumere un incremento del fenomeno) è quello di riconquistare territorio, economie e attività oggi in mano ai mafiosi. Per questo parte da Napoli, e si dirige dall’intero sud verso il resto del Paese, una proposta che veda in prima fila proprio le amministrazioni a fianco dello Stato, delle associazioni, delle centrali cooperative, delle ONLUS, del terzo settore impegnato in questa azione. La proposta – che prevede un intervento normativo specifico – ha quindi lo scopo di consentire: •la ristrutturazione del debito delle aziende confiscate alla mafia; •la ricollocazione delle aziende sul mercato (stimolando e selezionando i possibili acquirenti – anche per evitare che “colletti bianchi” le acquistino per riportarle nella disponibilità del crimine organizzato); •la fornitura a queste imprese, una volta rilevate dal mercato, di condizioni di sicurezza (nella fase di start up) per lo svolgimento delle attività nell’area in cui sono localizzate ossia assicurarsi che le “condizioni ambientali” possano permettere una normale prosecuzione di attività. L’iniziativa, organizzata dal Comune di Napoli con altre amministrazioni locali del Mezzogiorno, da Legautonomie, da Libera, è diretta a produrre una specifica normazione di settore (si rivolge quindi a Parlamento e Governo) e a mobilitare risorse nella direzione indicata (coinvolgendo le Amministrazioni locali e regionali dell’intero Paese, il sistema creditizio, gli operatori economici, gli imprenditori, la cooperazione e il terzo settore).

09:00
10:00

Il sistema di accountability nell’amminsitrazione pubblica: l’integrazione dei sistemi di rendicontazione contabile, gestionale e sociale[lab.211]

L’incontro analizzerà le problematiche e le soluzioni affrontate dall’Inps e dalle Agenzie fiscali in merito all’integrazione dei sistemi di rendicontazione contabile, gestionale e sociale, con particolare riferimento ai criteri e ai parametri utilizzati per la misurazione dell’azione amministrativa e per la valutazione del valore aggiunto generato rispetto agli effetti economici e sociali.

09:00
09:50

Tagliare i costi IT e di rete attraverso l’innovazione[w.39b]

Oggi risulta possibile implementare nuove applicazioni IT e attuare trasformazioni che possono avere un notevole impatto in termini di efficienza e costi nelle grandi organizzazioni pubbliche. Videoconferenza, telefonia IP, virtualizzazione dei desktop, consolidamento dei datacenter: sono tutte tematiche che possono generare enormi risparmi sui costi. Per essere utilizzate in un modo efficiente e sicuro, queste trasformazioni richiedono un nuovo tipo di tecnologie di rete che siano in grado di estendere i servizi di rete con maggior consapevolezza delle applicazioni. In questa presentazione si descrive la soluzione che permette di costruire dei servizi di rete intelligenti, in grado di sostenere pienamente lo sviluppo IT di oggi e di domani, e tutte le innovazioni distribuite globalmente attraverso le amministrazioni distribuite sul territorio.

09:00
10:00

Una PA vicina al cittadino: le esperienze degli sportelli polifunzionali[lab.163]

ANDIGEL in occasione di FORUM PA ’09 organizza una serie di incontri su temi particolarmente strategici nella quotidiana attività di direzione generale degli enti locali: gestione innovativa delle risorse umane, riforma della PA, costruzione di una PA digitale, controllo di gestione, ambiente ed energia. Lo scopo è quello di aggregare, in uno spazio condiviso, le migliori esperienze portate avanti dagli enti locali che hanno scelto di avvalersi di un direttore generale e condividerle con i dirigenti in una serie di incontri di tipo operativo/formativo.

09:00
10:00

“La qualità della Formazione su salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. La progettazione, l’esperienza e il modello INAIL.[w.49b]

La formazione sulla sicurezza e salute nei luoghi dilavoro è uno degli elementi strategici del nuovo quadro normativo delineato dal D.Lgs. 81/2008 e si caratterizza come: - Processo educativo - Misura generale di tutela - Obbligo giuridico E’ infatti la formazione il necessario tassello nel puzzle del comportamento”sicuro”. Ciò comporta un approccio metodologico e qualitativo sia in fase di progettazione che di erogazione del servizio che deve tenere conto di alcuni elementi imprescindibili quali: - La visione di “processo”; - La necessità di approccio andragocico basato su metodologie attive; - L’inquadramento in un ambito di formazione continua nell’arco della vita lavorativa. La qualità del ciclo di produzione della formazione (dall’analisi dei bisogni alla progettazione, dall’erogazione alla valutazione, dal monitoraggio al miglioramento) è dunque un elemento fortemente caratterizzante l’efficacia dell’azione formativa soprattutto in un ambito quale quello della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro dove i comportamenti, la consapevolezza e la comunicazione del rischio giocano un ruolo determinante. La progettualità, il modello formativo INAIL e l’esperienza maturata nel corso degli anni è riconosciuta come un “benchmark” (riferimento) per coloro che intendano occuparsi di progettazione ed erogazione della formazione sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

09:00
09:50

La tecnologia e l’innovazione IT per la tutela dell’ambiente e l’efficienza energetica della Pubblica Amministrazione.[w.33b]

La tutela dell’ambiente e l’utilizzo efficiente delle risorse sono un’importante sfida per la moderna Pubblica Amministrazione. In questo contesto l’innovazione e la tecnologia IT offrono oggi soluzioni in grado di affrontare queste tematiche garantendo alle Pubbliche Amministrazioni efficaci strumenti per assicurare maggiori servizi al cittadino con un utilizzo più efficiente delle risorse nel rispetto dell’ambiente. La Pubblica Amministrazione ha nell’attuale contesto economico e sociale l’occasione di guidare i cittadini e il settore privato assumendosi il ruolo di driver del cambiamento nelle politiche di approvvigionamento ed utilizzo delle risorse. Monitorare i propri consumi energetici IT, utilizzare meno energia per le apparecchiature, ridurre gli sprechi con soluzioni Hardware e Software, riciclare risorse e gestire il fine vita dei prodotti (siano essi PC, Notebook, stampanti o server) con programmi dedicati sono attività che portano benefici economici, benefici per la comunità e benefici per l’ambiente.

09:00
09:30

Il satellite per la Pubblica Amministrazione[lab.213b]

I servizi satellitari superano facilmente ogni limite imposto dal divario digitale e forniscono una copertura completa del territorio Skylogic, società specializzata nei servizi a banda larga satellitare, è in grado di proporre soluzioni concrete, in particolare per le Pubbliche Amministrazioni e per gli Enti Locali che intendono garantire ai propri cittadini l’accesso universale ai servizi legati all’informazione, alla salute, all’istruzione, alla sicurezza e allo sviluppo economico. Oltre alla connettività a banda larga, Skylogic presenterà l'offerta televisiva per la PA e le soluzioni a supporto delle reti di intervento in caso di emergenza e del monitoraggio e telecontrollo di energia, acqua ed ambiente

09:00
12:00

e-gov 2012: il piano “impresa in un giorno” e il portale imprese[EG.4]

Il portale è gestito da Unioncamere, in collaborazione con il CNIPA, per mettere a disposizione delle imprese un punto unitario per la presentazione delle istanze relative all’intero ciclo di vita dell’impresa. Il progetto da così attuazione all’art. 38 della legge n. 133/08 che consente ai comuni che non hanno ancora istituito gli Sportelli unici per le attività produttive (SUAP) di delegare l’attività alle Camere di commercio. Il convegno servirà a dar conto dell’iniziativa e del suo start-up e coinvolgerà amministrazioni, imprese, camere di commercio. Coordina Giuseppe Tripoli.

09:00
12:00

Il futuro della rete: larga banda e accesso alla rete come diritto universale[EG.7]

L’evento da conto della ricerca commissionata dalla IX Commissione della Camera e dal suo Presidente, Mario Valducci, sul futuro della rete e che attiene allo stato dell’offerta di rete, alla domanda dei cittadini, alla maturità dei servizi che sulla rete passano. Presiede Mario Valducci, coordina Gianni Dominici

09:00
09:50

Amministrare 2.0: Infrastrutture, Strumenti, Strategie per una Nuova Cittadinanza Digitale[w.1b]

I nuovi strumenti di comunicazione integrata per aumentare la collaborazione e l'efficienza operativa riducendo i costi di gestione. La collaboration e le tecnologie 2.0. Focus sulla Data Governance nella Pubblica Amministrazione.

09:00
10:00

Approvvigionamento idrico: lo stato e le azioni promosse dalla Regione Puglia[lab.69]

Una eventuale giornata dedicata appositamente al tema dell'uso sostenibile della risorsa idrica, potrebbe vedere la partecipazione del nostro Assessore Introna - e di tutti gli organismi pubblici e privati coinvolti nella gestione della risorsa -, che ha, durante il World water forum in corso ad Istambul, candidato la città di Bari, per l'appuntamento del 2015. Sviluppando con ciò, un percorso tematico che, partendo dal rapporto mondiale dell'ONU sullo sviluppo delle risorse idriche, e passando per l'EXPO sull'acqua di Saragozza, esprima e rappresenti gli sforzi sostenuti in termini strutturali ed economici dalla pubblica amministrazione al fine di gestire e migliorare lo stress idrico, anche in considerazione dei cambiamenti climatici in corso.

09:00
10:00

CARTA DEI SERVIZI ON LINE[lab.44]

LA CARTA DEI SERVIZI rappresenta uno dei mezzi a garanzia della qualità delle organizzazioni sanitarie, insieme all'autorizzazione ed all' accreditamento, ed è uno strumento di informazione e comunicazione, e si pone come un ponte “trasparente per favorire una partecipazione allargata dei cittadini e una valutazione del lavoro svolto”. In tutti gli ultimi interventi legislativi si ribadisce l’importanza cruciale dell’utilizzo della informatica per migliorare e rendere più “efficiente ed efficacia” l’ azione amministrativa in particolare in ottemperanza delle disposizioni contenute nel Codice della Amministrazione Digitale Capo V art. 50 “ i dati delle pubbliche amministrazioni sono formati, raccolti, conservati, resi disponibili e accessibili con l’uso delle tecnologiche dell’ informazione e della comunicazione che ne consentono la fruizione….da parte delle altre Amministrazioni e dai privati……..” e che nell’ art 54 si precisa “ i siti delle pubbliche amministrazioni centrali contengono necessariamente i seguenti dati pubblici l’organigramma, l’articolazione degli uffici, le attribuzione, i nomi dei dirigenti responsabili……e garantiscono che le informazioni contenute siano ….. originali ” Ecco perché si è provveduto a realizzare la seconda edizione della Carta dei Servizi Asl Roma g attraverso un sistema Carta "On line" ; uno strumento di concreta utilità per orientare i navigatori del nostro sito all'interno dell'organizzazione ; trattasi di un'unica Carta dei Servizi , che permette di far conoscere ai nostri cittadini-utenti la rintracciabilità, l'accessibilità, le prestazioni offerte e gli impegni che le nostre strutture operative garantiscono sul territorio in particolare sui Distretti e sui Presidi ospedalieri . si è adottato questa forma in quanto presenta notevoli vantaggi: consente di selezionare e consultare facilmente le informazioni, garantisce il costante aggiornamento di molti dei dati in essa contenuti, orari e numeri di telefono al fine di avere una informazione costante e in tempo reale per questo motivo la Carta dei Servizi diventa strumento dinamico , cosi’ come definito nella Circolare del Ministero della sanità 100 /SCPS / 3 5697 del 31.10.1991 “ iniziative per l’attuazione nel servizio sanitario Nazionale delle norme della Legge n. 241 del 1990 miranti al miglioramento dei rapporti tra PA e cittadini “ la Carta dei servizi del settore sanitario è un documento da interpretare in chiave dinamica e parte come processo che troverà sviluppi e personalizzazioni presso le singole realtà erogatrici e che sarà soggetto a continui momenti di verifica, miglioramenti e integrazioni”e grazie alle possibilità offerte dall'informatica ed aumenta le sue potenzialità di strumento per trovare informazioni utili, conoscere i servizi forniti e come accedervi, sapere come è organizzata ed opera l'Azienda.

09:00
09:50

Conformità alla Normativa del Garante della Privacy e Gestione dei Log con il Leader Mondiale del Mercato SIEM: ArcSight[w.25b]

ArcSight è leader nella produzione di soluzioni di Security Information & Event Management e di gestione della conformità a normativa: con le suite di Log Management e Cross Correlation aiuta ad identificare stati di rischio prima che si manifestino i danni, ed è lo strumento ideale per mitigare il rischio in ambienti altamente sensibili e critici. E’ indicato per Enti governativi, per la Difesa, per gli operatori di telefonia e per l’impresa privata. Progettato per rispondere alle esigenze delle grandi realtà con infrastrutture eterogenee e geograficamente distribuite, ArcSight fornisce l'unica soluzione vendor independent per gli attacchi dall’esterno, per le minacce interne e contro le violazioni di carattere normativo offrendo individuazione puntuale degli eventi e reazione automatizzata del network.

09:00
09:50

Dematerializzare i procedimenti amministrativi nella PA: un caso concreto tra normativa e pratica[w.13b]

Il corso ha lo scopo di illustrare come sia possibile ottenere una completa dematerializzazione dei procedimenti amministrativi nella PA attraverso l'applicazione di metodologie e tecnologie di document management e di gestione automatizzata dei procedimenti nel rispetto delle normative vigenti. Durante il corso sarà illustrata un'applicazione pratica di dematerializzazione adottata in una grande Amministrazione Pubblica.

09:00
12:00

e-gov 2012: la condivisione della conoscenza per la trasformazione del territorio[EG.6]

L’integrazione di grandi banche dati e la conoscenza condivisa del territorio sono alla base dell’esperienza pugliese che, portata su un palcoscenico nazionale, sarà occasione di un più ampio dibattito sul ruolo dei Sistemi Informativi Territoriali evoluti per la gestione e la trasformazione intelligente e governata del territorio. Presiede Angela Brabanente, coordina un giornalista di chiara fama.

09:00
12:00

Federalismo fiscale e federalismo istituzionale: quale impatto sulle amministrazioni pubbliche?[T.1]

L’iter legislativo della legge delega per l’attuazione dell’art. 119 della Costituzione in materia di federalismo fiscale è alle sue ultime battute (la Camera ha approvato in terza lettura il provvedimento lo scorso 24 marzo ed è passato al senato per l’ultima approvazione). Che impatto avrà il provvedimento sulla vita delle amministrazioni territoriali e sulle loro risorse?

09:00
12:00

Adriatico e Mar Nero: due euroregioni protagoniste in Europa[T.7]

Vista la sempre più crescente importanza rivestita dalle Euroregioni nell’architettura istituzionale europea, si è ritenuto utile confrontare le esperienze dell’EuroRegione Adriatica, nata nel 2006, e dell’EuroRegione del Mar Nero, nata nel 2008, nel contesto generale delle politiche territoriali , di scambio e di crescita comune dell’Europa. Un momento di incontro utile anche per rilanciare il dibattito, sollecitato dal Governo della Repubblica di Macedonia, sull’importanza strategica, in un processo di rapporti e di nuovi equilibri interbalcanici, del Corridoio VIII, che si sviluppa lungo la direttrice Ovest – Est e che unisce l’Adriatico al Mar Nero, ponendosi come obiettivo primo il collegamento tra l’Albania, la Macedonia e la Bulgaria. Fra tutti gli itinerari Ovest – Est, è il più meridionale ed è sicuramente anche quello che presenta i maggiori problemi di realizzazione, a causa anche della notevole carenza di vie di comunicazione. Ed è per questo che un primo, fondamentale, incontro tra le due Euroregioni, potrebbe essere un momento di svolta nella ripresa dell’interesse comunitario a questo importante asse interbalcanico.

09:00
12:00

Giornalismo partecipativo e nuovi media: come cambia il modo di fare inchiesta[B.17]

Il mondo dell’informazione sta cambiando e, se il web è 2.0, anche il giornalismo diventa di seconda generazione e si apre ai contributi dal basso, alle contaminazioni, alla condivisione dei contenuti e alla partecipazione. Di giornalismo partecipativo e del rapporto tra nuovi media, media tradizionali e giornalismo d’inchiesta si parlerà nel corso di questo incontro, che vuole essere un’occasione di dialogo e confronto tra giovani giornalisti (o aspiranti tali) e professionisti, che abbiano sperimentato anche nuovi modi di “fare informazione”. Nel corso dell’incontro verranno presentati i lavori vincitori della prima edizione del Premio INCHIESTA PA, organizzato da FORUM PA.

09:00
13:00

GLI ESPERTI RISPONDONO[lab.259]

Gli esperti dell’ISS rispondo alle domande del pubblico su: rischi del fumo, antibiotici, la nuova influenza

09:00
09:50

Government Performance Management: strategie e soluzioni per l'eccellenza gestionale della PA[w.5b]

Cittadini e imprese chiedono alla Pubblica Amministrazione servizi più efficienti, rapidi e personalizzati. La P.A., chiamata a svolgere un ruolo sempre più importante di indirizzo e di sostegno all'economia, può e deve rispondere alla sfida dell'eccellenza gestionale. Oracle offre strategie, modelli e soluzioni - specificatamente dedicati alla P.A. - per aumentare la rapidità dei processi decisionali ed operativi, per incrementare la flessibilità di risorse ed organizzazione, per migliorare la produttività e le performance.

09:00
10:00

Horizon scanning: uno strumento per il futuro[lab.95a]

La gestione delle nuove tecnologie che si affacciano nel nostro Paese è una questione rilevante alla quale si può far fronte attraverso il processo di Horizon Scanning (HS). I sistemi di HS e Early Warning, sono implementati in diversi Paesi e operano con metodologie e procedure diverse, ritagliate sulla struttura dello specifico Sistema Sanitario Nazionale. Secondo riconosciute direttive generali, il processo di HS è costituito da 4 principali fasi: 1) identificazione delle tecnologie sanitarie emergenti; 2) prioritarizzazione delle tecnologie identificate; 3) valutazione delle tecnologie prioritarie; 4) disseminazione e aggiornamento dei rapporti prodotti.

09:30
11:30

Riduzione dei tempi e dei costi. “Meno carta più rete”“Meno carta più rete”[lab.115]

Il modo della pubblica amministrazione di stare nella società dell’informazione e della conoscenza dove produrre un drastico abbattimento dei tempi e dei costi di amministrazione per tutti. Una pubblica amministrazione più efficiente e che costi meno. Questo obiettivo trova oggi in Toscana alcune risposte legate alla dematerializzazione e azzerando i costi delle comunicazioni, in carta, voce e persona, al sistema regionale degli sportelli unici e- procurement, alla dematerializzazione del ciclo ordine – bolla – fattura, al sistema regionale per i pagamenti dei tributi, etc. - Interpro: Interoperabilità protocollo - Conservazione a norma - Comunicare con la PA a CostoZero - Suap: la Rete dei SUAP - Sirius: dematerializzazione del ciclo ordine-bolla-fattura - Start: e-procurement

09:30
10:15

Un processo di pianificazione ragionata per uno sviluppo sostenibile[lab.16]

Il nuovo Piano Urbanistico Provinciale introduce un processo di pianificazione ragionata, sviluppando la sussidiarietà, nell’ottica dello sviluppo sostenibile, con attenzione alla competitività ed alla attrattività del territorio. Ne risulta alleggerito il ruolo del PUP rispetto alla pianificazione locale e di settore, e più flessibili le scelte pur con l’introduzione di sistemi di controllo, verifica e valutazione ex ante, in itinere ed ex post. Il nuovo sistema di pianificazione responsabilizza le comunità locali a definire Programmi di Sviluppo e Governo del territorio, preliminari alla formazione di Piani Territoriali (piani strutturali) delle Comunità, con strumenti innovativi per una più efficiente autonomia gestionale. Per sostenere il processo di pianificazione e la valutazione strategica dei Piani è stato potenziato il SIAT, Sistema Informativo Ambiente e Territorio, data-base realizzato per conoscere, aggiornare, validare e condividere i dati territoriali ed ambientali; sono stati inoltre standardizzati gli strumenti di pianificazione.

09:30
10:00

SITO EMPORIO MEDITERRANEO E CONSERVATORIA DELLE COMPETENZE ARTIGIANE[lab.198]

Obiettivi: ? Realizzare un sistema informativo (open source) in grado di memorizzare, catalogare e recuperare le schede informative (corredate di materiale audio/video/fotografico) sugli artigiani, le loro tecniche e i lavori utilizzati ? Realizzare un sito multilingue (italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco) per supportare il progetto Emporio Mediterraneo e le iniziative collegate ? Integrare la banca dati sull'artigianato artistico con il sito del progetto Il progetto si propone di realizzare un sistema informativo (Conservatoria) per la raccolta, la catalogazione e la documentazione multimediale delle competenze nell'ambito dell'artigianato artistico e di un sito internet multilingue collegato al progetto Emporio Mediterraneo (www.emporio-mediterraneo.it). L'intervento tecnologico si inserisce in un più ampio intervento sulle competenze artigiane in collaborazione con le università di Cagliari e Sassari. Attività: ? Realizzazione del sistema informativo (in fase di completamento)? ? Inserimento delle schede nel sistema (in fase di completamento) e revisione delle stesse (in fase di completamento)? ? Inserimento materiale multimediale (in fase di completamento)? Realizzazione sito internet multilingue integrato con la conservatoria (completato) Destinatari: i destinatari del progetto sono gli operatori del settore, gli artigiani, i semplici cittadini e le strutture regionali addette alla valorizzazione dell'artigianato sardo

09:30
10:30

Il portale regionale www.marcheinnovazione.it[lab.63]

Il contesto del progetto è quello della azione 7.5 del PRAI all’interno della quale è previsto il progetto V.A.S.T.O. (acronimo di Virtual Approach to the System of Technology Offer). Uno degli aspetti fondamentali di tale progetto, anche se non il solo, è quello dello sviluppo del portale www.marcheinnovazione.it, attuato nell'ambito di una convenzione fra la Regione Marche, P.F. Politiche Comunitarie, e l'Università Politecnica delle Marche. L'idea fondamentale del portale www.marcheinnovazione.it è quella di porsi come elemento di collegamento fra sistema della ricerca e sistema delle imprese. Le imprese sviluppano una rete di relazioni molto fitta al loro interno, in particolare nell’ambito delle medesime filiere produttive; l' ideale cui tendere è il modello del cluster tecnologico nel quale si sviluppa una fitta rete di relazioni sul territorio tra chi fa ricerca e chi fa innovazione. L’obiettivo principale del progetto VASTO è quello di favorire la condivisione e la collaborazione dei soggetti che operano nel sistema regionale. Il punto di partenza è che esiste una potenzialità di collaborazione tra le strutture di ricerca e il sistema delle imprese che non è pienamente sfruttata; anche perché manca una conoscenza sistematica delle caratteristiche del sistema della ricerca. E’ stato ricordato che vi sono già degli interventi regionali volti a conoscere la domanda di tecnologia da parte del sistema delle imprese; il progetto V.A.S.T.O. invece, mira essenzialmente a conoscere il sistema dell'offerta, e mira a rendere più facilmente accessibili le risorse e le competenze che ci sono in materia di ricerca e trasferimento tecnologico nell'ambito regionale; ciò al fine di creare o infittire la rete di relazioni cui si accennava in precedenza. Inoltre, il progetto si propone di costruire un sistema di indicatori regionali che aiutino a valutare se le diverse azioni che vengono messe in campo per sostenere la ricerca e l’innovazione risultano efficaci.

09:30
10:30

Programma PARI[lab.226]

Il Programma PARI: un’esperienza concreta di collegamento tra politiche attive e politiche passive

09:30
10:00

Marketing Territoriale[lab.187]

Il Marketing Territoriale in quanto insieme di azioni collettive attuate per attrarre in una specifica area o territorio nuove attività economiche e produttive, favorire lo sviluppo delle imprese locali, promuovere un’immagine “positiva”, rappresenta lo strumento mediante il quale è possibile valorizzare l’offerta dei territori ed individuare le risorse chiave. Il Marketing del territorio utilizza sia i fondamentali della pianificazione territoriale, sia quelli del marketing turistico, che invece sviluppa l’analisi del comportamento delle persone e dell’offerta in termini di attività ricettive e di svago. Questi due filoni del marketing, utilizzati in maniera sinergica, sviluppano azioni congiunte e sistemiche che valorizzano i territori. Finalità: I principali obiettivi dei progetti sono quelli atti al miglioramento della qualità urbana dei centri storici rivolta alla riqualificazione ai fini turistico-ricettivi ed economico-commerciali di detti contesti. I progetti presentano il massimo della capacità integrativa sia in ambito finanziario e strategico, che nel coinvolgimento degli operatori locali. Principali obiettivi sono: il miglioramento della qualità urbana dei centri interessati, alto livello di riqualificazione architettonica e aumento della competitività del tessuto economico insediato, integrazione delle opportunità di intervento pubblico e di intervento delle iniziative private, nascita di nuove attività ricettivo-alberghiere ed economico-commerciali e rilancio di quelle esistenti. Descrizione del progetto: Con una diminuzione generalizzata delle risorse finanziarie causata dalla crisi economica (e con l’uscita della Sardegna dall’Obiettivo 1) diventa importante per tutte le P.A. individuare, anche con “fantasia”, in modo efficiente, migliore e lungimirante, modelli di sviluppo originali e premianti. I progetti di marketing territoriale sono caratterizzati da “idee forti” che possano costituire un volano per tutta l’economia del territorio. Alla base dei quattro progetti pilota sono state individuate quattro idee forti che porteranno sviluppo alle aree interessate. Contenuti: Il piano d’azione è redatto dai Comuni in accordo con l’Amministrazione regionale a seguito di manifestazione d’interesse da parte dei privati sugli obiettivi generali. Il piano costituisce la base di riferimento per l’espletamento dei bandi di gara per l’attuazione degli interventi del progetto pilota, secondo le discipline di settore. Dopo la stipula dell’intesa, i Comuni redigono il piano d’azione, previa pubblicazione di un avviso pubblico per la raccolta delle manifestazioni di interesse da parte dei privati interessati. Successivamente è avviata la fase operativa di progettazione e attuazione degli interventi con la specifica pubblicazione dei bandi. Beneficiari: Fanno parte del progetto pilota quattro Comuni siti in prossimità delle coste: (D.G.R. n° 28/9 del 27/06/2006) Comuni di Villanova Monteleone e di Cuglieri (borgata di Santa Caterina). In un secondo tempo (D.G.R. n° 28/3 del 16/05/2008) sono stati inseriti anche i Comuni di Cabras e Alghero (“città di fondazione” Fertilia). Tutto il tessuto economico interessato ne trarrà beneficio diretto o indiretto.

09:30
11:30

Incontro dei Comitati Imprenditoria Femminile N.B.: La riunione è aperta ai soli membri dei Comitati[lab.152]

L’obiettivo principale è condividere lo stato di avanzamento delle principali iniziative avviate con le Camere di Commercio sul territorio. L’ordine del giorno è il seguente: • II rapporto nazionale imprenditoria femminile finanziato da Unioncamere e Ministero dello Sviluppo Economico e con il patrocinio del Dipartimento per le Pari Opportunità dal titolo “Impresa in genere”, la cui presentazione è prevista in settembre; • II edizione del “Giro d’Italia delle donne che fanno impresa”, manifestazione itinerante che toccherà 10 città, dal 30 giugno 2009 alla metà di luglio. In particolare per il “Giro d’Italia” particolarmente interessanti riflessioni e suggerimenti che le referenti proporranno nella progettazione del “Giro” e nella definizione delle tematiche. Per le tappe territoriali, si sono auto-candidate le Camere di Commercio di: Genova, Lecco, Bergamo, Cuneo (con Aosta e Cagliari), Perugia, Isernia (con Foggia), Crotone e le Camere di Commercio del Veneto. Le tematiche potrebbero ruotare intorno al filone “le risposte dell’imprenditoria femminile alla crisi”, con dei focus su temi quali “innovazione e creatività”, “accesso al credito” oppure “conciliazione tempi di vita – tempi di lavoro”.

09:30
10:30

Accreditamento online: il nuovo sistema di accreditamento per la stampa italiana ed estera[lab.253]

Il nuovo sistema di Accreditamento online del Ministero degli Affari Esteri dedicato alla stampa italiana e straniera che consente ai giornalisti di accreditarsi ad eventi nazionali ed internazionali ed accedere, previa registrazione, a documentazione, testuale e audiovisiva, messa a disposizione dal Servizio Stampa del Ministero degli Esteri

10:00
10:50

“INAIL : una azienda pubblica su Web”[w.48b]

L’INAIL ha da tempo iniziato un percorso di sviluppo dei suoi servizi su web. Intorno alla fine degli anni ’90 si è costruito un portale istituzionale e una intranet aziendale, di carattere prevalentemente informativo, contestualmente sviluppando siti regionali, gestiti a livello territoriale. Si è poi proceduto da una parte a definire alcuni servizi dispositivi destinati all’utenza interna e la migrazione delle procedure operative istituzionali su web. In una ulteriore fase si è iniziato a sviluppare servizi dedicati all’utenza esterna (raccolti nel Punto Cliente), con un ulteriore sviluppo del portale. Attualmente in un’ottica di centralità dell’utente, si sta procedendo ad una razionalizzazione dei contenuti, ad un miglioramento dell’accessibilità e fruibilità, all’unificazione di intranet ed internet tramite profilazione utente, nonchè ad un ulteriore sviluppo di servizi che incidono sugli aspetti organizzativi dell’Istituto, sperimentando nuove modalità di interazione con l’utente, avvalendosi dei paradigmi del web 2.0, con l’introduzione di forum, agende comuni, condivisione di documentazione di lavoro, blog, aspetti di personalizzazione, gestione di news. Nel corso dell’intervento si esporranno i principali aspetti organizzativi e tecnologici che hanno guidato l’evoluzione delle modalità di erogazione dei servizi sia verso i cittadini e imprese che verso il personale dell’Istituto.

10:00
10:50

Unified Communication and Collaboration: strategie, soluzioni e servizi per le amministrazioni[w.41b]

Nel corso della presentazione verranno illustrate le strategie, i nuovi scenari, i servizi dedicati e le soluzioni Unified Communication and Collaboration che consentono alle amministrazioni pubbliche di abilitare nuovi servizi, aumentare l’efficienza e ridurre tempi e costi assicurando un efficace e rapido ritorno degli investimenti.

10:00
11:00

Teleriabilitazione: un processo innovativo di riabilitazione a domicilio[lab.1]

Il progetto di tele riabilitazione della asl3 dell’Umbria è stato realizzato in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità e con i più importanti centri Di riabilitazione europei. L’obiettivo è quello di realizzare le condizioni per una continuità del progetto riabilitativo anche a domicilio del paziente una volta dimesso dall’ospedale o dopo la prima fase di rieducazione intensiva presso i servizi. La tele riabilitazione consente al paziente di svolgere nella propria abitazione un programma riabilitativo personalizzato attraverso un computer,una web cam e con dei sensori specifici adattati a lui,che inviano segnali alla postazione situata presso il Centro di Riabilitazione.Qui si effettua il controllo sulla corretta esecuzione dell’esercizio eil paziente viene informato sulla necessità o meno di effettuare correzioni nell’esecuzione del suo programma. Attualmente il progetto tele riabilitazione riguarda solo l’arto superiore mentre è in cantiere una ipotesi di lavoro sulla tele riabilitazione cognitiva.Preme sottolineare che il progetto tele riabilitazione si propone cme integrazione del tradizionale intervento, un ulteriore modo per dare continuità al programma terapeutico in ambito domiciliare.

10:00
10:20

Tagliare i costi IT e di rete attraverso l’innovazione[lab.35b]

Case Study ANPE (Pubblica Amministrazione Francese ) Durata 20 Minuti Oggi risulta possibile implementare nuove applicazioni IT e attuare trasformazioni che possono avere un notevole impatto in termini di efficienza e costi nelle grandi organizzazioni pubbliche. Videoconferenza, telefonia IP, virtualizzazione dei desktop, consolidamento dei datacenter: sono tutte tematiche che possono generare enormi risparmi sui costi. Per essere utilizzate in un modo efficiente e sicuro, queste trasformazioni richiedono un nuovo tipo di tecnologie di rete che siano in grado di estendere i servizi di rete con maggior consapevolezza delle applicazioni. In questa presentazione si descrive la soluzione che permette di costruire dei servizi di rete intelligenti, in grado di sostenere pienamente lo sviluppo IT di oggi e di domani, e tutte le innovazioni distribuite globalmente attraverso le amministrazioni distribuite sul territorio.

10:00
10:30

Soluzioni web 2.0 per la statistica[lab.84b]

Con il termine Web 2.0 si indica lo stato di evoluzione attuale di Internet. Il World Wide Web sta rapidamente diventando una piattaforma dove gli utenti usufruiscono di una maggiore interattività con le applicazioni e dove vi è un più proficuo dialogo tra chi produce contenuti e chi ne fruisce. Il Web 2.0 non è una rivoluzione tecnologica, ma certamente rappresenta un importante cambiamento culturale. I servizi 2.0 più noti (YouTube, Wikipedia, Google, Flickr ecc) vengono utilizzati, solo in Italia, da oltre dieci milioni di utenti. E alcuni degli strumenti 2.0 costituiscono un’opportunità di innovazione anche per il mondo della ricerca, della statistica e quindi anche per l’Istat, che ha già iniziato ad adottare metodi 2.0 e soluzioni Enterprise 2.0 (analisi delle reti, wiki, servizi di condivisione online, mashup con Google Maps, servizi Google Enterprise ecc) e che nel prossimo futuro potrebbe aprirsi in modo nuovo ai consumer/producer di dati online. L'esperienza di altri istituti di statistica, così come dell'OCSE e dell'UNECE, confermano che l'utilizzo di nuovi servizi online (Swivel, MapTube, Many Eyes, DataPlace ecc) può costituire un'ottima opportunità per rappresentare e diffondere le statistiche ufficiali raggiungendo un pubblico più diffuso, partecipe e motivato. Come dicono gli ideatori dell’ottimo servizio di visualizzazione Gapminder, è possibile scoprire la bellezza delle statistiche e rendere i risultati statistici, spesso noiosi e complicati, comprensibili, interessanti e divertenti!

10:00
10:50

Migliorare l’efficienza energetica attraverso idee creative e strumenti di finanziamento comunitari[w.26b]

l’Unione Europea si è posta obiettivi energetici molto ambiziosi da conseguire entro il 2020: scopo di questo corso, curato da Intesa Sanpaolo Eurodesk, la società di consulenza del Gruppo Intesa Sanpaolo, sarà quello di analizzare gli strumenti di finanziamento comunitario esistenti, a favore degli enti pubblici ed imprese, che intendano realizzare progetti volti a contribuire ad una società più efficiente dal punto di vista energetico e meno dipendente dai combustibili fossili. A questo proposito, particolare attenzione sarà dedicata sia alla tematica “Energia” del Settimo Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico (7PQ), sia al Programma “Energia Intelligente per l’Europa” ed al relativo bando al momento aperto.

10:00
11:00

Rifiuti in cementeria. Opportunità per l’ambiente. Percorso autorizzativo e di controllo . Casi di studio[w.32c]

Alcuni casi di studio mostrano come il processo produttivo del cemento possa entrare nella gestione integrata dei rifiuti con vantaggio per l’ambiente, le comunità locali e le imprese. Il seminario ruota intorno a 3 argomenti: 1) Impatto ambientale del processo produttivo del cemento in presenza di utilizzazione di residui e rifiuti. 2) Il percorso autorizzativo e di controllo: normativa nazionale e direttive europee; deleghe regionali; ruolo delle province. Analisi delle problematiche di ordine regolamentare; strumenti di controllo messi in atto dalle amministrazioni e dalle imprese; rapporti pubblica amministrazione/ impresa. 3) Testimonianza delle pubbliche amministrazioni che hanno sperimentato percorsi autorizzativi e di controllo per l’inserimento delle cementerie nel ciclo di gestione dei rifiuti.

10:00
10:45

Revos, applicazioni per il Citizen Relationship Management[lab.134a]

Il Crm, inteso come Citizen Relationship Management, è l’insieme delle soluzioni per la gestione delle relazioni con i cittadini ma, soprattutto, uno strumento indispensabile nel processo di miglioramento dei servizi e delle relazioni con cittadini intrapreso dalla Pubblica Amministrazione. Attraverso la suite di soluzioni di Crm Revos, il Gruppo IFM Infomaster offre funzionalità avanzate, ma al contempo semplici e intuitive, per creare un unico sistema centralizzato in grado di gestire e di presidiare in modo completo i rapporti tra cittadini e Pubblica Amministrazione, mettendo inoltre a disposizione di quest’ultima dati e informazioni sempre aggiornate e normalizzate che possono aiutare gli Enti Pubblici a migliorare e aumentare il livello di qualità dei servizi offerti.

10:00
11:00

Presentazione del nuovo portale del Comitato tecnico delle Regioni per l’ECM[lab.227]

Utile “strumento” in materia di ECM a disposizione delle Regioni. Il sito consente la raccolta di materiali e documentazione in aree dedicate, sia nella parte riservata (accesso con Id e PSW) e sia nella parte pubblica (utenti) a diversi livelli: - a livello delle singole regioni con repositoring di materiali e documentazione; - a livello di specifici gruppi di lavoro (costituibili da amministratore) con agende e attività condivise; - a livello di Comitato Tecnico delle Regioni, anche qui con spazi per il repositoring di materiali e per la gestione di agende e attività condivise. E’, inoltre, possibile, per gli utenti registrati comunicare tra loro sia attraverso un forum che una chat.

10:00
11:30

Pianificazione, Gestione del Territorio e Fiscalità: l'Accordo attuativo della Community Network Emilia-Romagna[lab.147]

I dati sugli immobili, i dati territoriali e i dati catastali sono strategici per cogliere le criticità relative al Territorio, all’Economia e alla Finanza, nelle loro relazioni e nei loro condizionamenti reciproci, e per progettare interventi e monitorarne l’efficacia. Gli strumenti da predisporre devono quindi mirare a fornire a tutte le PA del territorio regionale il necessario supporto per facilitarne la produzione, la gestione e l’accesso in forma digitale anche da parte dei cittadini, delle imprese e dei professionisti. È necessario dare ulteriore impulso ai processi di gestione associata delle funzioni e dei servizi relativi al territorio ed alla fiscalità locale affinché favoriscano un deciso miglioramento nell'organizzazione, nell’affidabilità e nella qualità dei dati di conoscenza della realtà socio-territoriale, nonché nella qualità complessiva dell’azione amministrativa È in questo contesto che è stato redatto, in collaborazione con ANCI Emilia-Romagna, uno specifico accordo attuativo che nell’ambito della Community Network Emilia-Romagna mira a regolare i rapporti tra la Regione e gli Enti Locali coinvolti con lo scopo di gestire in maniera condivisa le basi informative sopra menzionate.

10:00
12:00

Musica e Tecnologia: Laboratori musicali nella scuola secondaria di II grado.[lab.303]

L’indagine conoscitiva sulla presenza della musica nella scuola italiana, promossa dal Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della musica operante presso la Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici del MIUR e realizzata con il supporto dei referenti regionali e provinciali, ha evidenziato, nella Scuola secondaria di II grado del Lazio, una rilevante presenza di laboratori per la produzione di musica attraverso le tecnologie digitali. In confronto alla media nazionale, la punta più alta è rappresentata dal Lazio che ha una percentuale del 9,5% per il coinvolgimento degli alunni e dei docenti nelle attività musicali. Nell’occasione sarà distribuito il n. 123/2008 degli annali del MIUR “Musica e Scuola”.

10:00
10:15

SISTEMA INFORMATIVO PER LA TUTELA DEL CONSUMATORE[lab.190]

Obiettivi: realizzare un sistema di community on-line a disposizione del cittadino, delle associazioni e a supporto della loro attività di sportello al pubblico, nel quale raccogliere, gestire e catalogare: ? le problematiche connesse ai consumi presenti sul territorio ? le notizie pubblicate su internet relative alla tutela del consumatore,aggregate mediante un sistema automatico ? materiale informativo sulla tutela del consumatore (creato in collaborazione con l'Università di Cagliari) per informare e formare il cittadino consumatore e aiutare le associazioni ? realizzare un infrastruttura tecnologica (quasi interamente open source) basata su tecnologie semantiche e sistemi di gestione collettiva della conoscenza (folksonomy,commenti, voti, preferiti)? Il progetto (finanziato con i fondi stanziati dal Ministero dello Sviluppo economico) si propone di realizzare un sistema informativo per la tutela del consumatore e una rete di sportelli al pubblico, gestiti dalle associazioni dei consumatori. e collegati al sistema informativo. Attività: Realizzazione del sistema informativo, dell'infrastruttura di ricerca e di aggregazione delle notizie (completato)? Creazione del sito internet (completato) e dei contenuti istituzionali (completato)? Sperimentazione da parte degli sportelli territoriali delle associazioni dei consumatori (completato)? Attività di consolidamento e di eventuale sperimentazione per un numero limitato di utenti (da completare)? Destinatari: i destinatari del progetto sono le associazioni dei consumatori e i cittadini-consumatori

10:00
10:50

Location Intelligence: il modo innovativo per la valorizzazione del patrimonio informativo nella Pubblica Amministrazione[w.6b]

L'ingente patrimonio di dati geografici in dotazione alla pubblica ammistrazione e' quasi sempre utilizzato esclusivamente per la gestione cartografica del territorio; il valore aggiunto che la location – il dato geografico - può apportare a una banca dati viene spesso sottovalutato se non addirittura ignorato. La Location Intelligence, binomio tra Business Intelligence e Location, costituisce la soluzione innovativa per la modellazione e l'interpretazione di fenomeni complessi attraverso l'utilizzo delle relazioni spaziali, spesso implicite, che si possono intessere in un sistema informativo. Nella sessione si descrivera' la soluzione integrata di Oracle per Location Intelligence corredata di opportuni "case study" dimostrativi.

10:00
10:50

Esperienze e soluzioni IBM nei progetti sanitari regionali[w.2b]

I progetti di sanità elettronica sono essenzialmente progetti di integrazione di persone, processi, applicazioni e dati. Si analizzano in dettaglio due diverse modalità di approccio dal punto di vista informativo: integrazione attraverso una piattaforma di tipo middleware; integrazione attraverso un sistema ERP. Utilizzando tale classificazione, si illustrano brevemente alcune esperienze progettuali IBM in Italia, Danimarca, Spagna, Canada e Stati Uniti.

10:00
12:00

Lo sviluppo delle risorse umane in un Governo regionale: selezione-formazione-orientamento ai risultati.[lab.269a]

Quando un’Amministrazione diventa “governo” ha delle responsabilità in più. Una di esse riguarda la “visione”, in particolare quella dell’Organizzazione nei confronti delle proprie risorse, nella consapevolezza che si ottiene in ragione di ciò che si sa dare. RL, nell’ultimo anno e mezzo, ha investito buona parte delle sue energie nella sperimentazione di un percorso unico, collocato in un preciso disegno organizzativo pensato per connettere tra loro gli elementi chiave della relazione con il proprio personale: selezione, accoglienza,formazione d’ingresso,formazione continua, mobilità interna e valutazione delle prestazioni.

10:00
10:50

Architetture integrate per aumentare la produttività[w.16b]

Quali e quanti servizi si aspettano i cittadini dalla PA ? E' possibile consolidare i diversi servizi su una unica infrastruttura IT. Panoramica sulle soluzioni integrate la cui adozione può consentire, da subito, una più alta produttività con costi minori.

10:00
10:50

Dal client all’infrastruttura: come e perchè la virtualizzazione e l’automazione dell’IT sono una concreta opportunità per la Pubblica Amminstrazione[w.34b]

Dalle ricerche di settore emerge che, sebbene una significativa percentuale dei decision maker tecnologici abbiano già implementato progetti di automazione dell’IT e di virtualizzazione, molte amminstrazioni pubbliche sono ancora allo stadio iniziale di adozione e le potenzialità di queste soluzioni sono ancora inespresse. L’adozione di una efficace strategia di automazione dell’IT e di virtualizzazione consentirebbe alla Pubblica Amminstrazione di diminuire significativamente i costi e di liberare risorse da dedicare a servizi aggiuntivi garantendo, al contempo, sicurezza e continuità operativa. Per supportare le pubbliche ammistrazione e fare delle soluzioni di automatizzazione e virtualizzazione dell’infrastruttura e degli ambienti client un efficace strumento per ridurre le attuali “barriere tecnologiche” e le restrizioni di budget, HP propone questo incontro. Durante l’incontro avrete modo di approfondire la teoria, la pratica e i riflessi nell’operare quotidiano dell’adozione delle principali soluzioni di automazione e virtualizzazione degli ambienti server e client presenti sul mercato.

10:00
10:50

Dal digital divide alle NGN[w.59b]

Nel contesto della odierna società dell’informazione e della conoscenza, il Ministero dello Sviluppo Economico con la sua società in house Infratel vuole presentare una personale overview nello scenario ICT finalizzato alle PA ed all’abbattimento del Digital Divide. L’intervento si comporrà di due fasi fondamentali, la prima che descrive l’approccio di Infratel per l’infrastrutturizzazione del territorio nazionale con approfondimenti relativi al modello di intervento, la seconda fase, a cura di Istituto Superiore C.T.I. e Fondazione Ugo Bordoni, sarà di carattere tecnico scientifico con il fine di illustrare le moderne tecnologie a supporto delle reti di nuova generazione. In tale contesto si definiranno i concetti di NgN e NgAN con un taglio Nazionale ed Internazionale a dimostrazione dello sviluppo concreto e veloce della diffusione della Larga Banda nel mondo. Saranno trattate le tecnologie FTTx ed in particolare le Reti Passive Ottiche con approfondimenti sui vari segmenti della rete di telecomunicazioni: dal Trasporto fino all’Accesso. Si discuterà sullo sviluppo del carrier ethernet, dei servizi di nuova generazione, del processamento completamente ottico dei segnali. A supporto degli studi verranno presentati casi concreti di sperimentazione scientifica condotti su test bed di reti All IP presenti presso le strutture del MISE - Dipartimento Comunicazioni. Particolare attenzione sarà infine posta sui risultati delle sperimentazioni scientifiche derivanti dai progetti EU (FP7) SARDANA “Scalable Advanced Ring-based Passive Dense Access Network Architecture” e BONE “Building the Future Optical Network in Europe”. Tutti questi elementi sono fondamentali per lo sviluppo economico e sociale del paese e per incrementare le opportunità di innovazione nelle imprese.

10:00
10:50

Flessibilità e innovazione nella soluzione SAP per la Pubblica Sicurezza: promuovere maggiore tutela e sicurezza anche attraverso la gestione dei casi investigativi.[w.21b]

La strategia in materia di sicurezza a livello nazionale e più in generale a livello europeo, pone l’accento sull’identificazione di una serie di minacce da affrontare e per le quali gli organi governativi devono attuare una politica di contrasto ed efficaci azioni di vigilanza. La crescente globalizzazione, la facilità di spostamento tra i paesi, l’aumento della mobilità e l’evoluzione tecnologica stanno creando, per i cittadini e per le organizzazioni che operano nel rispetto della legalità, grandi opportunità di svolgere le proprie attività in modo più rapido, più flessibile e più economico. D’altra parte questi fattori presentano, per la criminalità organizzata, per il terrorismo e in generale per tutte quelle organizzazioni che mirano a sviluppare traffici illeciti, l’opportunità di sviluppare modi di operare sempre più sofisticati ed efficaci che stanno determinando una vera e propria sfida per la pubblica sicurezza. Di conseguenza il governo deve rispondere a queste minacce aumentando l’accuratezza delle attività di intelligence e di rilevamento collaborando in modo più efficace sia a livello interno che a livello esterno cooperando con Enti di altri paesi. Riteniamo che migliorare la capacità di raccogliere, elaborare, analizzare, diffondere e valutare le informazioni sia uno dei fattori chiave per contribuire ad attuare le politiche di contrasto alle terrorismo e alla criminalità organizzata. Molto spesso notizie e dati di carattere fondamentale per le indagini risiedono in sistemi disparati e ciò rende difficile l’analisi delle informazioni, il collegamento di episodi apparentemente isolati, la loro collocazione geografica e temporale, impedendo di ottenere la ricostruzione di un quadro completo e attendibile di un determinato avvenimento. E’ proprio sull’integrazione tra processi, persone e dati, e garantendo il rispetto della normativa sul trattamento dei dati e dei compiti delle singole organizzazioni, che è impostata la soluzione SAP per la Pubblica Sicurezza che fornisce funzionalità mirate e immediatamente utilizzabili per supportare le necessità delle organizzazioni che operano in questo settore, consentendo una gestione più efficace delle loro operazioni. Nell’ambito di tale soluzione il componente su cui intendiamo richiamare l’interesse riguarda la Gestione dei Casi Investigativi (ICM). Tale componente contiene funzionalità che permettono ad ogni Ente/Organizzazione di collaborare in modo produttivo e sicuro, incrementando la distribuzione della conoscenza e quindi aumentando la sicurezza. Consente di gestire le risorse, i dati e i processi all’interno di un processo investigativo associando all’attività richiesta gli skill più idonei, ed infine abilita gli utenti a lavorare al meglio fornendo un accesso personalizzato alle informazioni, alle applicazioni ed ai servizi di cui necessitano nello svolgimento della propria attività. Fornisce quindi un pieno sostegno per la visibilità completa dell’intero processo di indagine, supportando la fase di investigazione iniziale, la categorizzazione dei casi, la definizione di approcci standard e la programmazione dell’attività ispettiva, attraverso un repository centrale per la gestione di tutte le informazioni originate da fonti diverse e mantenendo la profondità storica del caso, tracciando chi ha fatto cosa e in quale fase del processo decisionale.

10:00
10:50

La scelta del contraente negli appalti di servizi e forniture[w.51a]

In tema di affidamento degli appalti di servizi e forniture le Stazioni Appaltanti, a differenza dei lavori pubblici, godono di una più ampia discrezionalità nella scelta delle regole per la selezione degli operatori economici. Questo aspetto è particolarmente evidente nella corretta individuazione dei requisiti speciali indicati nel bando di gara e nella correlata verifica dei medesimi requisiti: questi ultimi devono essere, infatti, proporzionali e adeguati alla natura e consistenza della prestazione dedotta in gara.

10:00
11:00

Lavorare sempre meglio e più preparati[lab.255c]

La consapevolezza che investire nelle risorse umane è assolutamente strategico per migliorare il servizio reso ai cittadini ha spinto l’amministrazione ad avviare un intenso percorso di formazione. Fare acquisire la coscienza del “sapere essere” quale presupposto per il “saper fare” è indispensabile per arrivare in definitiva al lavorare per dare un servizio. Nel “Lavorare meglio” è celato un grande segreto: la disponibilità di tutti a mettersi in gioco e di collaborare con gli altri al fine di raggiungere un obiettivo comune che si concretizza nella parola che tutti sogniamo: il successo dell’azienda. Verranno presentati: il progetto formativo nelle sue fasi di analisi, progettazione, realizzazione, monitoraggio e valutazione, il percorsi formativi per la motivazione; comunicazione organizzativa, teatro d’impresa, public speaking, change management, project management, il percorso tecnico; corsi di lingue, di diritto amministrativo e codice degli appalti, di contabilità economica in Sicoge, di informatica e seminari di approfondimento. Gli attori del mentoring: i tutors. Testimonianza dei partecipanti ai corsi di comunicazione, public speaking e teatro d’impresa.

10:00
10:50

Le città luoghi di apprendimento. Presentazione dell'Associazione Italiana delle Learning Cities[lab.111a]

Costituitasi nel 2008, l’Associazione senza scopo di lucro “Learning Cities - Rete italiana delle città che apprendono”, si propone di creare anche in Italia un network tra città e regioni che pongono al centro delle strategia e politiche territoriali l’apprendimento delle persone come fattore generatore di sviluppo economico e sociale. Già da qualche anno infatti alcuni network in paesi europei ed in altri continenti, favoriscono la condivisione di idee ed esperienze di realtà territoriali che non solo riconoscono e comprendono il ruolo fondamentale dell’apprendimento dei cittadini, di ogni età, per la prosperità, la stabilità sociale e la realizzazione personale, ma mobilitano tutte le risorse umane, fisiche e finanziarie per sviluppare a pieno il potenziale di tutti i loro abitanti. L’Associazione intende svolgere questa funzione, favorendo il rapporto con le esperienze internazionali in atto ed in linea con le priorità dell’Unione Europea in materia di “learning region”. L’obiettivo è mettere in rete gli enti locali, le istituzioni, le associazioni che intendono sviluppare iniziative e programmi utili alla crescita della cultura e della pratica dell’apprendimento continuo come motore dello sviluppo di un territorio.

10:00
11:00

LE OPPORTUNITÀ E LE SFIDE DEL WEB 2.0 PER LA P.A.: COLLABORAZIONE, CONDIVISIONE, ACCESSIBILITÀ, INCLUSIONE[lab.330]

Il mettere al centro l’individuo e le sue possibilità di coinvolgimento rappresentano una grande opportunità per la Pubblica Amministrazione. Tale approccio porta a creare nuovi portali di servizi orientati al cittadino con contenuti generati dagli utenti stessi e basati sui principi di usabilità ed e-inclusione. Al contempo aumentano i processi di consultazione e di coinvolgimento della cittadinanza sia con esperimenti di e-democracy, sia per effetto della partecipazione spontanea attraverso social network e blog. Le conseguenze per le organizzazioni sono rilevanti perché le interazioni con i cittadini si moltiplicano e richiedono una preparazione diffusa degli operatori a rispondere in modo tempestivo e ad accogliere suggerimenti, critiche, proposte. In questo nuovo scenario la P.A. ha naturalmente l’obbligo, sia legislativo che morale, di inclusione di ogni tipologia di cittadino e di rispetto, anche nella creazione dei propri social network, delle indicazioni di accessibilità indicate dalla Legge 4/2004. INTERVENGONO: FRANCO CARCILLO – COMUNE DI TORINO: "E-Gov 2.0 bluff o opportunità: l’esperienza del Comune di Torino". GIUSEPPE FATTORI - AUSL DI MODENA: "Le potenzialità del web 2.0 per un'Azienda Sanitaria: il punto di vista dell'Azienda USL di Modena". FONDAZIONE ASPHI Onlus: "L’evoluzione del web e la crescente importanza dell’accessibilità". GIOVANNI SCARDOVI – IDEA FUTURA, FlexCMP: "Accessibilità del web 2.0 per una reale inclusione: social networking accessibile con FlexCMP".

10:30
11:30

PIANO DELLA GOVERNANCE DELLE SOCIETA’ PARTECIPATE E DEI SERVIZI ESTERNALIZZATI[lab.295]

Il Comune della Spezia ha strutturato un piano di monitoraggio e controllo delle società partecipate, in particolare svolgenti servizi pubblici. Le esigenze scaturite dal Comune della Spezia rispecchiano la necessità di definire ed instaurare flussi di informazioni in itinere, oltre che ex post, con le società partecipate. La esternalizzazione di servizi, svolti in particolare tramite società partecipate, deve implicare strumenti di controllo anche in itinere, al fine di dare piena attuazione al ruolo degli enti locali, non più diretti attuatori, ma coordinatori e controllori di servizi pubblici, rimanendone comunque i titolari e responsabili. Il piano raccoglie quindi in sé il duplice espletamento delle funzioni da parte dell'Ente di soggetto committente dei servizi e garante della qualità nei confronti dei cittadini, oltre che di socio di compagini societarie. Sono quindi previsti report periodici, su schemi standard prediposti dall'Ente dei principali elementi economico-finanziari nonché qualitativi dei singoli servizi pubblici svolti in via esternalizzata considerando gli aspetti di: • continuità del servizio • partecipazione degli utenti • efficacia ed efficienza • tutela ambientale Gli elementi economico-finanziari sono preliminari alla stesura di un bilancio consolidato di gruppo, mentre gli elementi qualitativi sono connessi alla predisposizione di carte servizi secondo schemi di piena rispondenza ai criteri di legge, nonché in grado di assicurare la trasparenza gestionale dei servizi stessi

10:30
11:30

SINERGIE TRA PP.AA: UN MODELLO DI COMUNICAZIONE DATI PREVIDENZIALI[lab.291a]

Fornire ai funzionari del MIUR gli strumenti atti a produrre la certificazione dei periodi di servizio e le retribuzioni del personale scolastico

10:30
11:30

Prospetto informativo dei disabili. Le novità[w.50c]

La legge 6 agosto 2008, n. 133 ha innovato l’art. 9 della legge 68/99, introducendo l’obbligo di invio telematico del Prospetto Informativo (ex CL/9). La norma si inserisce in un percorso di semplificazione amministrativa e di creazione di una rete di servizi per il Lavoro a livello Nazionale già iniziato con le Comunicazioni Obbligatorie On Line. Il master verterà sulle principali novità introdotte dalla norma e sul funzionamento del Sistema Informatico per l’invio del Prospetto Informativo on line, messo a disposizione ai datori di lavoro dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali.

10:30
11:00

Portale rete regionale dell’innovazione: www.rri-sardegna.it[lab.201]

Il Progetto Rete Regionale per l’innovazione, finanziato dalla misura 3.13. del P.O.R. Sardegna 2000-2006 è nato con l’obiettivo di consolidare il sistema del trasferimento tecnologico regionale accompagnando e facilitando processi di costruzione e messa in rete della conoscenza e dell'innovazione prodotta dai centri di ricerca e dalle imprese della Sardegna. Il progetto, attraverso le azioni e gli strumenti realizzati, ha posto le basi per la creazione di un sistema integrato in cui gli attori della ricerca pubblica e privata e le imprese possano dialogare in modo strutturato e non isolato od episodico, condizione imprescindibile per aumentare la competitività del territorio regionale. Il Progetto è stato realizzato dall’Università di Cagliari, Università di Sassari e Sardegna Ricerche. Hanno collaborato alla realizzazione del progetto: Università di Cagliari Università di Sassari Centro Regionale di Programmazione della Regione Autonoma della Sardegna Sardegna Ricerche Il Ruolo della Rete: configurarsi come un’interfaccia unica che sottragga l’impresa al disorientamento cui potrebbe andare incontro nel disaggregato mercato dell’offerta di innovazione; fornire una vetrina aggiornata, completa e fruibile delle competenze disponibili sul territorio regionale; stimolare la domanda attraverso una capillare diffusione delle informazioni in materia di innovazione, attraverso opportune azioni di animazione, analisi e programmi ad hoc; ampliare la possibilità di offerta referenziata stabilendo relazioni con soggetti operanti a livello nazionale e internazionale; orientare la ricerca universitaria verso i reali fabbisogni del tessuto produttivo regionale.

10:30
11:30

La comunicazione del F.S.E. nelle Marche[lab.235]

Obiettivo prioritario del Programma Operativo Regionale Marche del Fondo Sociale Europeo per il 2007-2013 (P.O.R.Marche F.S.E. 2007-2013) è incrementare la qualità del lavoro. L'avvio del Programma è stato accompagnato da una Campagna di comunicazione, tuttora in corso, per la quale è stato scelto uno slogan che richiami nella mente della popolazione questo obiettivo prioritario - "F.S.E. costruisce qualità nel lavoro" - al fine di diffondere al meglio la conoscenza del Fondo Sociale Europeo e delle diverse opportunità che esso offre, oltre la formazione prof.le.

10:30
11:00

Opportunità commerciali del servizio Tooway[lab.216]

I servizi satellitari superano facilmente ogni limite imposto dal divario digitale e forniscono una copertura completa del territorio Skylogic, società specializzata nei servizi a banda larga satellitare, è in grado di proporre soluzioni concrete, in particolare per le Pubbliche Amministrazioni e per gli Enti Locali che intendono garantire ai propri cittadini l’accesso universale ai servizi legati all’informazione, alla salute, all’istruzione, alla sicurezza e allo sviluppo economico. Oltre alla connettività a banda larga, Skylogic presenterà l'offerta televisiva per la PA e le soluzioni a supporto delle reti di intervento in caso di emergenza e del monitoraggio e telecontrollo di energia, acqua ed ambiente I servizi satellitari superano facilmente ogni limite imposto dal divario digitale e forniscono una copertura completa del territorio Skylogic, società specializzata nei servizi a banda larga satellitare, è in grado di proporre soluzioni concrete, in particolare per le Pubbliche Amministrazioni e per gli Enti Locali che intendono garantire ai propri cittadini l’accesso universale ai servizi legati all’informazione, alla salute, all’istruzione, alla sicurezza e allo sviluppo economico. Oltre alla connettività a banda larga, Skylogic presenterà l'offerta televisiva per la PA e le soluzioni a supporto delle reti di intervento in caso di emergenza e del monitoraggio e telecontrollo di energia, acqua ed ambiente

10:30
12:00

Modelli di intervento pubblico/privato e criteri di selezione per progetti di recupero e valorizzazione dei borghi minori e dei centri del territorio pugliese[lab.70]

La Regione Puglia ha indetto in giugno 2008 una gara a procedura aperta, avente per oggetto la realizzazione di uno studio di fattibilità per l’individuazione di un circuito regionale di piccoli e medi Comuni (borghi e territori) basato sullo sviluppo integrato e coordinato di iniziative di rinnovamento e riqualificazione urbana nel quadro di modelli innovativi di offerta turistica e culturale fondati sulla valorizzazione delle potenzialità di recupero dell’edilizia storica e sul coinvolgimento economico e gestionale degli abitanti. A seguito della gara, è stato individuato un primo campione, costituito da venti comuni pugliesi, che sperimenteranno per primi l’attuazione del modello di “ospitalità diffusa” proposto dallo studio di fattibilità.

10:30
11:00

L’Istat e il passaggio al digitale[lab.85b]

• In primo piano: lo sviluppo della comunicazione on line dell’Istituto nazionale di statistica:le innovazioni sul web Istat riferite all’offerta di nuovi contenuti (dati, metadati, approfondimenti, focus tematici) e all’applicazione di standard di qualità in termini di usabilità e accessibilità. • Inoltre, la valutazione delle nuove opportunità di comunicazione offerte alla statistica dall’evoluzione del web: posizionamento dell’Istat sulla rete, monitoraggio della blogsfera e del social networking, scambio di contenuti tra sistemi, veicolo dell’informazione statistica via mobile. • L’introduzione del multilinguismo come apertura ad un pubblico internazionale: comunicare l’informazione statistica italiana via web e tramite la produzione editoriale, considerando qualità e contenuti di interesse per l’utenza non italiana.

10:30
11:30

Il sistema trentino verso un’ Infrastruttura Dati Territoriali provinciale[lab.17]

La necessità di realizzare una Infrastruttura Dati Territoriali (IDT) del territorio trentino origina dall’esigenza di forte coordinamento tra Servizi interni alla Provincia, dalla necessità di rispondere adeguatamente al processo di standardizzazione portato avanti dalla direttiva INSPIRE, ma soprattutto dalla recente legge provinciale di Riforma Istituzionale, che demanda ai 223 Comuni l’obbligo di gestire in maniera associata (con altri Comuni, nella Comunità di Valle) il territorio provinciale, ferma restando la competenza della Provincia sulla definizione dei criteri generali sul governo del territorio. La Provincia ha risposto alla forte necessità d’interoperabilità e coordinamento tra le azioni dei vari soggetti, riorganizzando il proprio Sistema Informativo Ambiente e Territorio (SIAT), predisponendo l’architettura della IDT provinciale, e cogliendo i contributi da parte della ricerca e aziende del territorio, tramite la realizzazione di progetti a forte contenuto innovativo, tra cui un Geo-browser tridimensionale per la fruizione in tempo reale di dati trasmessi via web services (demo live allo stand) e un Geo-catalogo semantico, entrambi basati su standard internazionali.

10:30
11:30

Ester: l’Assistente Virtuale del Ministero degli Affari Esteri[lab.306a]

ESTER ha il compito di accompagnare il cittadino nella ricerca delle informazioni presenti sul sito istituzionale del Ministero guidandolo nella navigazione e nel reperimento dei contenuti. ESTER, grazie alla personalizzazione di un motore basato sull'Intelligenza Artificiale, capisce le domande poste dal cittadino in linguaggio naturale e risponde a sua volta in linguaggio naturale attraverso un avatar parlante sostenendo la conversazione con l'utente ed eseguendo le operazioni da lui richieste. ESTER è fornito sia in versione accessibile (conforme alla Legge stanca L.4/2004) che in versione multimediale.

11:00
11:50

In risposta alla crisi. Fundraising. Le fonti e gli scenari[w.31a]

Il seminario è finalizzato all’acquisizione delle conoscenze in materia di ricerca e raccolta di finanziamenti esterni: dall’analisi delle fonti alle possibili modalità di accesso. Il Master analizzerà i fabbisogni finanziari di un’impresa sociale, commenterà il contesto ed il mercato di riferimento nell’attuale scenario e individuerà nuovi canali di finanziamento.

11:00
11:50

Vigilanza sui contratti pubblici: una nuova prospettiva[w.52a]

Come cambia l’esercizio della funzione di vigilanza sui contratti pubblici affidata all’AVCP: da un approccio basato sull’accertamento ispettivo avente ad oggetto la coerenza e correttezza amministrativa della singola procedura di gara, ad uno basato sulla pianificazione delle attività di indagine in specifici settori, finalizzate all’individuazione delle criticità dei contratti pubblici. Il nuovo regolamento sull’attività di vigilanza (GU n. 80 del 6/04/2009)

11:00
11:50

Strumenti di management per lo sviluppo del territorio durante la crisi: project finance, finanza agevolata e servizi reali per l’imprenditorialità[lab.100]

Il tema della competitività dei sistemi territoriali sta diventando sempre più centrale, anche alla luce della recente crisi economica e finanziaria. La progettazione e gestione di iniziative capaci di migliorare la competitività e l’attrazione dei sistemi territoriali richiede competenze specifiche di management anche da parte dei dirigenti e funzionari degli enti locali che sono chiamati a rispondere a fabbisogni complessi e diversificati. Le pubbliche amministrazioni con competenze su questi temi (Regioni e Stato centrale) sono prevalentemente orientate all’erogazione di supporti finanziari, mentre i servizi reali, che sono quelli che hanno maggior impatto sulla competitività delle imprese, scarseggiano. Affrontare il difficoltoso tema dello sviluppo locale richiede la capacità di progettare e implementare interventi infrastrutturali, servizi reali e strumenti di supporto finanziario per le imprese e iniziative per l’accrescimento delle competenze diffuse di qualità, che rappresentano il vero asset di sviluppo per le economie mature come l’Italia. Gli obiettivi strategici di questa lezione sono: • Fornire ai partecipanti gli strumenti analitici e sviluppare le competenze necessarie per la formulazione e l’implementazione di progetti finalizzati a incrementare la competitività dei sistemi territoriali • Formare un coerente approccio multidisciplinare allo sviluppo locale con l’utilizzo di un mix didattico volto a coniugare contenuti teorici alla messa a punto di idee progettuali da implementare “sul campo”

11:00
11:45

Qualita’ e Sicurezza delle applicazioni: il percorso di modernizzazione per la Pubblica Amministrazione[w.36b]

Modernizzazione, Qualita’ e Sicurezza nelle Applicazioni sono i temi caldi all’interno di una Pubblica Amministrazione che si evolve. Nuovi strumenti e nuove architetture consentono di sviluppare e fornire in modo più semplice e rapido applicazioni composite, applicazioni Internet complesse e servizi Web 2.0 interattivi. Tendenze quali l'offshoring, l'outsourcing e la globalizzazione dei team di sviluppo e controllo della qualità (QA) hanno sollecitato ulteriormente l'IT nella ricerca di intervalli di sviluppo più serrati e di procedure di qualità più sistematiche. Inoltre, nuovi requisiti di conformità e governance rendono ancora più importanti la sicurezza e gli altri attributi della qualità delle applicazioni. HP Software, con il corretto mix fra tecnologie a supporto e competenze, ha ruolo fondamentale in un IT, come quello della Pubblica Amministrazione, che deve definire processi di gestione dei cambiamenti efficaci e trovare nuovi modi di conservare la qualita’ applicativa sotto diversi aspetti: funzionalita’, performance e di sicurezza applicativa.

11:00
12:00

Le nuove tecnologie per la gestione ed il governo del territorio[lab.164]

ANDIGEL in occasione di FORUM PA ’09 organizza una serie di incontri su temi particolarmente strategici nella quotidiana attività di direzione generale degli enti locali: gestione innovativa delle risorse umane, riforma della PA, costruzione di una PA digitale, controllo di gestione, ambiente ed energia. Lo scopo è quello di aggregare, in uno spazio condiviso, le migliori esperienze portate avanti dagli enti locali che hanno scelto di avvalersi di un direttore generale e condividerle con i dirigenti in una serie di incontri di tipo operativo/formativo.

11:00
11:50

La gestione degli strumenti a supporto delle attività di investimento della PAL ed il controllo del rischio finanziario: un modello integrato.[w.19b]

L’attuale situazione nazionale ed internazionale ripropone il ruolo centrale della pubblica amministrazione nel rilanciare l’economia; in questa ottica, è fondamentale trovare nuove forme di finanziamento rispetto a quelle tradizionali, ottimizzandone, al contempo, l’impatto sulle uscite di cassa attraverso il controllo del rischio finanziario. Negli ultimi anni un uso improprio degli strumenti finanziari derivati ha creato un clima di diffidenza che, in realtà, non ha consentito di discriminare, come si dovrebbe, tra lo strumento e l’uso che se ne può fare. L’obiettivo di tutti gli amministratori deve essere quello di usare le potenzialità degli strumenti finanziari avanzati nel modo più opportuno e consono, in modo da superare molti dei limiti operativi della gestione, stabilendo nuove modalità di interazione, coordinamento strategico e distribuzione del rischio, in modo da rendere più agevole e sicuro il reperimento delle risorse necessarie alla realizzazione degli investimenti necessari ed opportuni in questa fase storica. Questo approccio, rende indispensabile uno strumento informativo integrato che permetta una corretta attività di programmazione e che possa supportare l’Amministrazione in ogni fase del processo di gestione e controllo.

11:00
11:50

Le nuove frontiere della didattica attraverso supporti informatici[w.23b]

Il progetto Innovascuola, organizzato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri ed implementato da Gestioni Elettroniche e Telecom Italia, prevede l’installazione in 550 Istituti di tutta Italia di 1.650 kit formati da: Lavagna Interattiva Multimediale, Proiettore a corto raggio, Personal Computer, Software a corredo. Le aule così attrezzate potranno effettuare una formazione multimediale e con supporti interattivi. I SW forniti prevedono un grande coinvolgimento degli alunni, stimolandoli come un gioco, e formandoli ad una nuova realtà che vede sempre più presente l’informatica nella vita di tutti i giorni. Le soluzioni integrate sono di estremo interesse anche in altri campi della formazione e della comunicazione in senso lato, grazie alla possibilità di interagire sia con il supporto di presentazione, sia con le persone presenti attraverso l’utilizzo di tablet specifici e risponditori.

11:00
12:00

Health Technology Assessment : attualità e prospettive[lab.96a]

Il governo dell’innovazione tecnologica rappresenta un fattore determinante per una appropriata allocazione delle limitate risorse disponibili per il raggiungimento degli obiettivi di salute. L’Health Technology Assessment, attività multidimensionale e multidisciplinare, costituisce uno strumento di valutazione di efficacia, sicurezza, costi, impatto sociale e organizzativo correlati all’utilizzo di una tecnologia sanitaria. L’Agenas è l’unica istituzione nazionale che, con iniziative mirate a coinvolgere la maggior parte dei soggetti interessati, produce report di HTA nell’ottica di una sempre più ampia fruibilità delle raccomandazioni prodotte a beneficio di istituzioni, Aziende sanitarie (ASL e AO), cittadini, industria.

11:00
11:50

E-Democracy e Web semantico: modalità avanzate per ascoltare i cittadini[w.7b]

Il problema di rafforzare la partecipazione dei cittadini alla vita delle istituzioni, è una parte integrante del processo di innovazione delle amministrazioni pubbliche, che deve essere affrontato con strumenti di lavoro innovativi come il Web semantico che permettono di fornire agli amministratorio strumenti di ascolto e di analisi del pensiero della cittadinanza. Il progetto Governazioni, realizzato del centro di comptenza Oracle di Bari, si pone come esempio di utilizzo evoluto e innovativo dei contenuti non strutturati.

11:00
11:50

Dal documento alla pubblicazione della sua rappresentazione digitale - casi di studio[w.11b]

Digitalizzazione, un termine utilizzato per rappresentare genericamente progetti di riproduzione digitale di oggetti di diffuso interesse artistico, storico e culturale. Spesso la complessità di questi progetti rischia di essere sottostimata proprio a causa dell’uso inflazionato e banalizzato del termine “digitalizzazione” che li descrive. La progettazione di questo tipo di interventi sul patrimonio artistico e culturale è invece complesso, articolato e ricco di sfaccettature. Scopo del master è, tramite la presentazione di alcuni casi esemplari, mettere in evidenza tutti gli elementi che compongono un progetto di digitalizzazione, dall’analisi dei materiali oggetto dell’intervento alla scelta delle metodologie e delle tecnologie più idonee, fino ad arrivare alla produzione dei metadati ed alla pubblicazione WEB.

11:00
11:45

D.A.T.I. per il governo del territorio[lab.103a]

Il Progetto D.A.T.I. – Documentazione Analitica Territoriale e Indicatori - è una piattaforna di dialogo per l’interscambio dei dati territoriali e cartografici, specificamente progettata per semplificare ed indirizzare le operazioni analitiche dei Comuni alle prese con la redazione dei Piani di Governo del Territorio (PGT) e della Valutazione Ambientale Strategica (VAS). Obiettivo del lavoro è fornire basi informative ai Comuni condividendo il patrimonio del SIT per supportare la costruzione dei PGT e delle VAS Il progetto è pensato per l’attivazione di un rapporto tra Provincia e Comuni strutturato anche attraverso relazioni tra sistemi di conoscenze, strutture dati condivisi, formati standard per dati, mappe e indicatori I “prodotti” messi a disposizione per i Comuni sono sinteticamente 3: Banche dati, direttamente utilizzabili per il PGT e costituite da una serie di strati georeferenziati (shapefile) Un “laboratorio cartografico” per visualizzare gli strati di cui sopra, costruire e stampare mappe di sintesi senza necessità di software GIS. Un set di indicatori per la VAS strutturati per obiettivi e tematiche, calcolati con i dati di cui sopra I dati cartografici possono essere utilizzati direttamente dai Comuni per comporre le carte di PGT Le informazioni sono una selezione dell’ampio patrimonio del Sistema Informativo Territorio (SIT) e del Sistema Informativo Ambiente (SIA) della Provincia di Milano.

11:00
11:50

CUSTOMER SATISFACTION IN INAIL[w.47b]

L’indagine di customer satisfaction (Cs) svolta dall’Inail è duplice: una riguarda i servizi offerti dalle sedi, l’altra dai servizi on-line. La Cs costituisce uno degli strumenti utili per misurare il grado di soddisfazione e individuare eventuali aree critiche. L’utilizzo della Cs deve accompagnare un utilizzo innovativo di policy, deve cioè essere strumento per un miglioramento continuo della qualità del servizio. Dall’universo campionario è stato scelto un campione a due stadi stratificati: scelta casuale delle sedi e degli utenti in funzione di una rete di variabili strutturali (sesso e classi di età). Lo strumento di rilevazione è un pluriquestionario cartaceo oppure on-line autocompilato raccolto nel periodo di riferimento. Una volta raccolti, i dati vengono elaborati con software SPSS sia a livello di sede che a livello nazionale. Per misurare il grado di soddisfazione su ogni aspetto del servizio monitorato sono stati scelti degli indicatori detti Indicatori di Performance. A tale scopo, l’indagine ha richiesto all’utente di esprimere il proprio giudizio sulla soddisfazione dei servizi attraverso una scala Likert a cinque valori.

11:00
12:00

Brevetti, modelli e disegni: forme di incentivazione, servizi e tutela per imprese e cittadini[w.56b]

Nel corso del master saranno richiamati brevemente i concetti generali dei titoli di proprietà industriale, dalle definizioni, ai requisiti di brevettabilità e di registrazione, nonché alla durata della tutela. Sarà, inoltre, trattata, in maniera più approfondita, la nuova procedura d’esame per le domande di brevetto per invenzione industriale presentate a partire dal 1° luglio 2008 che prevede la ricerca di anteriorità. Infine, sarà affrontato il tema dell’incentivazione alla tutela brevettuale e quello dei nuovi servizi offerti alle imprese ed ai cittadini, a seguito della recente informatizzazione della Direzione Generale.

11:00
12:00

Analisi organizzativa delle funzioni sanitarie per la definizione dei costi standard[lab.5]

La programmazione e il controllo delle attività sanitarie non hanno paragoni in altre attività produttive, poiché hanno al centro l'individuo-persona unico, irripetibile, naturale; perciò può non essere possibile definire a priori i prodotti/servizi erogati (di tipo professionale), né selezionare "i migliori" per poterli riprodurre. Una gestione economica, efficiente, etica porta a misurare e a confrontare quantità di prodotti/servizi (ricoveri/prestazioni) o valori (costi dei fattori) da cui ricavare benchmark, che possono utilizzarsi come costi standard. Ma bisogna rilevare in modo puntuale e tempestivo le attività e i fatti contabili (contabilità generale e analitica) con personale formato e consapevole sulla criticità di questo agire, confrontando e determinando il proprio posizionamento rispetto alla programmazione regionale/nazionale e rispetto ai fattori di differenziazione delle singole aziende. L'adozione della tecnica dell'Activity Based Costing (ABC) che misura il costo dei ricoveri e prestazioni ambulatoriali, è un metodo evoluto di controllo di gestionale di sanità, che porta l'azienda a comprendere precisamente le attività svolte tramite una approfondita analisi organizzativa. L'ABC consente di analizzare i costi per singolo episodio di ricovero/prestazione (singolo paziente), mantenendo aderenza col sistema di classificazione DRG e del nomenclatore delle prestazioni ambulatoriali, e di raffrontare tariffa regionale e costo del singolo ricovero/prestazione. L'officina si terrà presso la Sala Welfare - padiglione 7

11:00
11:50

Abilitare le applicazioni di business a comunicare[w.40b]

La comunicazione tra individui, individui e applicazioni di ogni tipo e tra le applicazioni stesse, costituisce oggi uno scenario complesso di interazioni. Come semplificarle? Come utilizzare la potenzialità di “applicativi abilitati a comunicare” a vantaggio dell’attività dell’amministrazione e dei rapporti con i cittadini? Come governare le comunicazioni all’interno delle applicazioni di business, dal gestionale alla cartella clinica?

11:00
11:50

Green IT: Trasformare l'infrastruttura IT secondo criteri di efficienza e sostenibilità[w.3b]

L'efficienza energetica e la sostenibilità ambientale rappresentano criteri imprescindibili su cui impostare un percorso di trasformazione della infrastruttura IT. L'aderenza a normative sempre più stringenti e la riduzione del proprio carbon footprint si coniugano con benefici diretti sul piano della efficacia operativa e del risparmio economico, in un processo inerentemente win-win. Con il progetto Big Green IBM pone le tematiche dell'efficienza e della sostenibilità al centro di una iniziativa di grandi proporzioni che investe l'intera offerta di prodotti hardware, software e servizi tecnologici. La visione integrata del mondo IT con l'infrastruttura dei Datacenter, unitamente alla capacità di individuare gli elementi del processo di efficientamento ottimizzando il rapporto tra investimenti e risultati, rappresentano il valore aggiunto che IBM porta ai propri clienti e al mercato. Analisi di efficienza energetica, framework sofisticati di monitoring & control de iconsumi, architetture modulari per datacenter di nuova generazione, efficaci tecnologie di server, storage e client virtualization: sono alcune delle soluzioni he IBM propone per costruire una infrastruttura efficiente, sostenibile, e capace di supportare il business nel suo continuo processo di trasformazione.

11:30
12:30

I documenti di lavoro fra semplificazione e innovazione: Durc e LUL[lab.81b]

Le più recenti novità legislative in materia di certificazione della regolarità contributiva e l’impatto normativo del neonato Libro Unico del Lavoro rappresentano l’oggetto di una formazione che in modo sintetico, ma chiaro, offre ai partecipanti l’aggiornamento tecnico e operativo sui documenti obbligatori di lavoro, oggetto di una imponente semplificazione e di una forte semplificazione a seguito del DL n. 112/2008 e del DL n. 185/2008.

11:30
13:00

Servizi di comunicazione tra scuola e famiglia (progetto DELFOSCUOLA)[lab.143]

ANAGRAFICA ISTITUTI Motore di ricerca sugli Istituti e sulle sale di cui essi dispongono: laboratori, sale convegni, sale multimediali ecc. SISSI CONVERSION Consente la comunicazione tra il sistema Delfoscuola e i gestionali presenti nelle segreterie scolastiche. Semplicemente e senza aggravio di lavoro del personale, si carica il database Delfoscuola aggiornando direttamente i gestionali di segreteria. REGISTRO ASSENZE Consente alle famiglie di verificare assenze, ritardi e uscite anticipate da scuola dei figli in modo protetto e riservato anche via sms. I dati vengono caricati mediante l'utilizzo di “codice a barre” per ogni studente. REGISTRO VOTI E COMUNICAZIONI SCOLASTICHE Consente alle famiglie di verificare l'andamento didattico dei figli e di comunicare con i docenti in modo protetto e riservato. E' possibile consultare le valutazioni singole, quelle periodiche nonchè crediti e debiti formativi. CIRCOLARI E AGENDA ON-LINE Consente a famiglie e docenti di consultare le circolari interne della propria scuola e tutti gli incontri e le attività scolastiche messe in agenda con avviso tramite e-mail. I dati possono essere pubblici o riservati. Per i docenti è disponibile anche la firma di presa visione. DIPLOMATI ON-LINE Consente la pubblicazione web di tutti i dati riguardanti i giovani neo-diplomati negli Istituti Superiori. Costituisce una grande banca dati a disposizione di tutti i giovani al loro primo ingresso nel mondo del lavoro e di tutte le aziende che intendono cercare profili specifici in ogni settore.

11:30
12:30

Il territorio per un sistema più efficiente della giustizia[lab.116]

Il territorio e le sue potenzialità costituiscono un forte potenziale di semplificazione e di miglioramento e questo in Toscana è testimoniato dal settore della giustizia, settore nel quale la collaborazione di tutti all’interno di un modello fortemente innovativo consente a circa 8.000 avvocati di non lasciare il proprio studio per seguire le pratiche presso la Corte di Appello e i Tribunali della Toscana. I risparmi sono ovvi i tempi di pubblicazione delle sentenze ridotti all’indispensabile – Tribunali, ordini degli avvocati, CNIPA, Ministero della Giustizia e Regione Toscana gli attori di un concreto successo. - Il sistema pratese: “Legal serve” - Cancelleria telematica Giudici di pace

12:00
13:15

Citizen Service Platform: la proposta Microsoft per la P.A. digitale[lab.127b]

Superare la logica “ad isole” dell’e-government per velocizzare il processo di cambiamento della Pubblica Amministrazione verso i processi digitali: dematerializzazione, collaboration, Citizen Relationship Management, web 2.0 ma non solo. La sfida si gioca su due terreni apparentemente in conflitto: il bisogno di innovare da una parte, la necessità di “far tornare i conti”dall’altra. L’incontro odierno, attraverso l’analisi di alcuni casi di successo a livello italiano ed internazionale desidera fornire alcuni spunti utili a chi deve guidare i processi innovazione nelle amministrazioni pubbliche e si appresta a costruire la “cassetta degli attrezzi” con la quale impostare un nuovo modo di mettersi in relazione col cittadino-elettore. In particolare verrà proposto l’approccio del framework internazionale “Citizen Service Platform” di Microsoft per realizzare in tempi rapidi soluzioni per la PA digitale in linea con il piano eGov 2012 del Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione: dai portali Internet per cittadini e imprese a sistemi per la gestione delle relazioni con i cittadini, dai portali Intranet per i dipendenti a soluzioni per la de-materializzazione.

12:00
13:00

I servizi offerti dalla rete delle biblioteche italiane[lab.328]

Promosso da: Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione

12:15
13:00

Aperitivo KUBLAI[lab.237]

“Aperitivo Kublai” . OFFICINE PA il 12 maggio dalle ore 13:15 alle 14.00 presso lo stand del Ministero dello Sviluppo Economico, pad. 9 Una occasione per vedere Kublai in azione In perfetto stile Kublai, pratico e informale, l'aperitivo serve a conoscere il progetto ma soprattutto a sperimentare dal vivo l’utilizzo delle piattaforme 2.0, e le consuetudini di interazione all’interno della sua community. Kublai rappresenta un modo nuovo di fare politica di sviluppo: raccogliere le energie e le competenze diffuse per orientarle verso la progettazione di iniziative creative. Il suo approccio è focalizzato sulle piattaforme 2.0 in grado di generare un effetto virale di sviluppo e far emergere spontaneamente le idee migliori e più promettenti attraverso una selezione virtuosa operata dalla sua stessa community. Il team di Kublai presenterà il progetto e i suoi casi di successo anche attraverso una diretta dal Porto dei creativi, il territorio virtuale del DPS su Second Life®. Ai partecipanti sarà possibile assistere ad un incontro tra progettisti e il gruppo di coaching ed interagire con loro in diretta. Contestualmente all’evento in real-life, al Porto dei creativi si svolgerà, in diretta, la presentazione di Critical City, il progetto nato in Kublai che ha vinto il Kublai Award a gennaio 2009, e che ora sta raccogliendo successi a livello internazionale.

13:00
14:00

SIT - "E-gov 2012: la condivisione della conoscenza per la trasformazione del territorio"[lab.71]

Il Sistema Informativo Territoriale (SIT) costituisce lo strumento trasversale a tutte le azioni previste da Puglia.con. (una sua prima parte, dedicata alla consultazione, è disponibile all’indirizzo www.sit.puglia.it). L’intero SIT si configura come una piattaforma di dati e servizi territoriali offerta a funzionari degli enti locali, amministratori e soggetti terzi quali Agenzia del Territorio, gestori di reti (utilities), professionisti ed operatori del settore, cittadini e loro organizzazioni.

13:00
14:00

SIMEST PARTNER GLOBALE: FORMAZIONE, FINANZA E SERVIZI PER L‘INTERNAZIONALIZZAZIONE[w.61b]

Il Master fornisce informazioni al potenziale pubblico di riferimento,impresa/imprenditore, sul complesso articolato di servizi che Simest mette a disposizione alle imprese per sostenere i progetti di internazionalizzazione. Il complesso delle attività di Simest comprende le fasi fondamentali di un processo di internazionalizzazione, dalla formazione di quadri manageriali con specifiche professionalità per l’internazionalizzazione, alla gestione di strumenti finanziari specializzati e di servizi reali dedicati alle imprese italiane in particolare alle P.M.I. che operano nel mercato internazionale.

13:00
14:00

Lavorare sempre meglio e più preparati[lab.255d]

La consapevolezza che investire nelle risorse umane è assolutamente strategico per migliorare il servizio reso ai cittadini ha spinto l’amministrazione ad avviare un intenso percorso di formazione. Fare acquisire la coscienza del “sapere essere” quale presupposto per il “saper fare” è indispensabile per arrivare in definitiva al lavorare per dare un servizio. Nel “Lavorare meglio” è celato un grande segreto: la disponibilità di tutti a mettersi in gioco e di collaborare con gli altri al fine di raggiungere un obiettivo comune che si concretizza nella parola che tutti sogniamo: il successo dell’azienda. Verranno presentati: il progetto formativo nelle sue fasi di analisi, progettazione, realizzazione, monitoraggio e valutazione, il percorsi formativi per la motivazione; comunicazione organizzativa, teatro d’impresa, public speaking, change management, project management, il percorso tecnico; corsi di lingue, di diritto amministrativo e codice degli appalti, di contabilità economica in Sicoge, di informatica e seminari di approfondimento. Gli attori del mentoring: i tutors. Testimonianza dei partecipanti ai corsi di comunicazione, public speaking e teatro d’impresa.

13:00
14:30

Il sistema territoriale delle riscossioni: il federalismo fiscale al lavoro[lab.27]

Il sistema Trentino delle amministrazioni pubbliche locali dispone, dalla primavera del 2008, di una società di sistema a capitale interamente pubblico, la Trentino Riscossioni s.p.a., costituita al fine di riscuotere le entrate, realizzare politiche di equità fiscale, omogeneizzare regolamenti e procedure e mantenere i flussi finanziari sul territorio provinciale. Gli enti affidatari nonché soci aderenti sono oggi 140 su 223. I comuni coinvolti,, possono richiedere servizi di riscossione spontanea o coattiva e di accertamento fiscale per la lotta all'evasione e all'elusione al fine di garantire una maggior equità fiscale. Fra i dati caratterizzanti il sistema realizzato, oltre all'alto numero di adesioni fra i comuni, troviamo 12 diverse tipologie di entrata riscosse; circa 100.000 documenti trattati; 3.000 accertamenti effettuati per i 7 Comuni che hanno richiesto questo servizio. A seguito degli accertamenti effettuati, a titolo d’esempio, la base imponibile TARSU dei comuni interessati ha evidenziato un incremento superiore al 30%. Infine, la dimensione del sistema territoriale in cui opera Trentino Riscossioni permette lo sviluppo di un importante progetto innovativo, in collaborazione con il comune di Firenze, finalizzato all’incrocio delle informazioni tramite un modello di integrazione e validazione delle basi dati di partenza.

13:00
13:45

D.A.T.I. per il governo del territorio[lab.103b]

Il Progetto D.A.T.I. – Documentazione Analitica Territoriale e Indicatori - è una piattaforna di dialogo per l’interscambio dei dati territoriali e cartografici, specificamente progettata per semplificare ed indirizzare le operazioni analitiche dei Comuni alle prese con la redazione dei Piani di Governo del Territorio (PGT) e della Valutazione Ambientale Strategica (VAS). Obiettivo del lavoro è fornire basi informative ai Comuni condividendo il patrimonio del SIT per supportare la costruzione dei PGT e delle VAS Il progetto è pensato per l’attivazione di un rapporto tra Provincia e Comuni strutturato anche attraverso relazioni tra sistemi di conoscenze, strutture dati condivisi, formati standard per dati, mappe e indicatori I “prodotti” messi a disposizione per i Comuni sono sinteticamente 3: Banche dati, direttamente utilizzabili per il PGT e costituite da una serie di strati georeferenziati (shapefile) Un “laboratorio cartografico” per visualizzare gli strati di cui sopra, costruire e stampare mappe di sintesi senza necessità di software GIS. Un set di indicatori per la VAS strutturati per obiettivi e tematiche, calcolati con i dati di cui sopra I dati cartografici possono essere utilizzati direttamente dai Comuni per comporre le carte di PGT Le informazioni sono una selezione dell’ampio patrimonio del Sistema Informativo Territorio (SIT) e del Sistema Informativo Ambiente (SIA) della Provincia di Milano.

13:00
17:00

GLI ESPERTI RISPONDONO[lab.260]

Gli esperti dell’ISS rispondo alle domande del pubblico su: qualità delle acque, incidenti domestici, salute mentale, qualità dei cosmetici

13:15
14:15

ICT nella ricerca: Workflow della ricerca – il sistema delle reti eccellenza– Integrazione con la Rete GARR della ricerca[lab.92]

“Il Workflow della Ricerca è un sistema rivolto agli enti che svolgono attività di ricerca biomedica (IRCCS, IIZZSS, Regioni, Province autonome, Agenzia per i Servizi Sanitari Regionali, Istituto Superiore per la Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro e Istituto Superiore di Sanità) per la gestione delle informazioni ed il controllo dei risultati relativi ai progetti finanziati dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali. Tale sistema permette lo scambio in tempo reale di comunicazioni, richieste, relazioni, dati scientifici ed economici, completamente in formato elettronico, garantendo velocità di interazione e trasparenza nella gestione dei tempi e delle procedure tra il Ministero e gli enti di ricerca. Tramite il Workflow è dunque possibile assicurare un governo globale delle attività di gestione dei progetti di ricerca: dall’emanazione del bando, all’invio dei programmi proposti, alla selezione di quelli ritenuti più meritevoli, al successivo monitoraggio dell’attività, al controllo finale dei risultati scientifici ed economici.”

13:30
15:00

La scuola in ospedale e l’istruzione domiciliare nel Lazio[lab.297]

La scuola in ospedale è presente in tutto il sistema dell’istruzione. La sua presenza nelle strutture ospedaliere garantisce ai bambini e ai ragazzi ricoverati l’esercizio del diritto all’istruzione, diritto pieno ed esigibile nonchè costituzionalmente sancito. Essa costituisce un laboratorio di ricerca e di innovazione, ha infatti per prima sperimentato e ratificato modelli didattici improntati alla flessibilità organizzativa e didattica, alla personalizzazione degli interventi, all’utilizzo delle tecnologie, alla conoscenza ed uso di vari e differenziati strumenti e linguaggi, alla particolare cura della relazione educativa. Metodologie, tutte, che possono trovare applicazione efficace anche negli interventi di istruzione domiciliare. Le sezioni scolastiche del Lazio, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di II grado, sono 31 ed operano presso i 6 maggiori Ospedali di Roma. Il flusso medio annuo di studenti degenti seguiti è di circa 9.000. Il servizio di istruzione domiciliare si connota come una particolare modalità di esercizio del diritto allo studio che ogni scuola deve potere e sapere offrire in caso di richiesta della famiglia. Esso viene erogato agli alunni che a causa di gravi patologie, sono sottoposti a terapie domiciliari che impediscono la frequenza scolastica per un periodo non inferiore a 30 giorni anche non continuativi. Il servizio di istruzione domiciliare costituisce servizio scolastico a tutti gli effetti per gli alunni e viene svolto in orario aggiuntivo dai docenti. L’USR ha autorizzato, ad oggi, 8980 ore di istruzione domiciliare. E’ importante il supporto che le nuove tecnologie possono fornire alla scuola in ospedale e all’istruzione domiciliare, attraverso le videoconferenze, il sito web della scuola polo per gli ospedali e il registro elettronico. Nel corso del workshop verrà distribuito il CD-ROM con gli atti del workshop formativo “La Scuola in ospedale – realtà a confronto” svolto il 4 aprile 2008 presso l’Università Cattolica del Policlinico Gemelli.

13:30
14:20

PA e multicanalità: come cambia la modalità di erogazione dei servizi[lab.21]

Le modalità di erogazione dei servizi della pubblica amministrazione stanno evolvendo. I nuovi canali abilitati dalle tecnologie che si vanno diffondendo presso la cittadinanza consentono di realizzare soluzioni più vicine ed efficienti. Reti di intermediari vanno assumendo un ruolo diverso che deve essere integrato con la strategia multicanale complessiva degli enti.

13:30
14:20

Ottimizzare l'uso delle risorse IT per migliorare la produttività[w.37b]

Premessa: Nella moderna pubblica amministrazione le strategie IT hanno un’importanza crescente. La rete, in particolare, sta diventando lo strumento principale su cui si basano le applicazioni critiche per lo svolgimento delle operazioni. Questo pezzo di IT ha ora bisogno di essere gestito con particolare attenzione. La rete è la parte del sistema informativo che è la più condivisa tra le varie applicazioni. Essa trasporta le applicazioni critiche, ma anche quelle molto meno critiche, anzi, talvolta ricreative. La mancanza di controllo dell’utilizzo della rete può avere due impatti principali sulla produttività: 1) gli utenti delle applicazioni potrebbero sentire la carenza delle risorse necessarie, a causa degli utenti di applicazioni non critiche e quindi non riuscire ad avere un uso produttivo di queste. 2) se le applicazioni non business sono a piena disposizione degli utenti, possono mettere in pericolo direttamente la produttività dei singoli utenti. In questa presentazione si descrive la soluzione per ottenere il pieno controllo dell'uso delle risorse di rete, al fine di massimizzare la produttività degli utenti delle applicazioni stesse.

13:30
14:20

Open Source: riqualificare la spesa IT per finanziare progetti innovativi[w.17b]

La spesa IT è una voce rilevante nel bilancio delle amministrazioni ma anche un fattore abilitante primario dell'innovazione digitale della PA. Un modo possibile d'intervenire sui costi è fare leva sui nuovi modelli di economia del software fondati anche sull'utilizzo di tecnologie open source. Un governo ordinato per la selezione, l'acquisizione e l'implementazione di soluzioni Open Source consente di definire criteri di performance misurabili e di costruire un modello di adozione trasversale su tutte le componenti applicative dell'IT: Open Data, Open Access, Open Integration, Open Portal, Open Document. Inoltre, grazie alla disponibilita' di distribuzioni professionali del software Open Source, e' possibile garantire a tutte le Amministrazioni il rispetto di adeguati Livelli di Servizio.

13:30
14:30

Misurare l'accessibilità del web: soluzioni aperte per un problema aperto[lab.203]

Il progetto “Rete per l’Accessibilità in Emilia-Romagna” (RAcER), previsto dal Piano Telematico regionale, muove dall’analisi dei dati di benchmarking del Piter con l’obiettivo di migliorare l’accessibilità dei siti istituzionali e dei servizi on line delle PA locali. Tra le azioni intraprese per il raggiungimento di questo obiettivo, è previsto lo sviluppo di una metodologia e di uno strumento di monitoraggio dell’accessibilità, che possa servire come supporto del benchmark e delle politiche regionali. Tale strumento sarà composto da: - meccanismi di valutazione automatica delle pagine web per la verifica della rispondenza alle specifiche tecniche della Legge 4/2004; - uno strumento di supporto alla validazione automatica dei siti, che sia in grado di offrire anche un opportuno supporto per la successiva valutazione semantica (“Validatore”); - una applicazione che consenta il monitoraggio dello stato di rispondenza alle specifiche tecniche da parte di uno o più siti, e che possa essere di supporto nell’ambito dello sviluppo dei nuovi siti e dei progetti di adeguamento di quelli già esistenti, oltre che in attività di benchmarking (“Monitor”). L’incontro ha lo scopo di presentare, assieme ai partner di progetto Università degli Studi di Bologna, Fondazione ASPHI Onlus e Consorzio per il Sistema Informativo Piemonte, la metodologia e lo strumento di monitoraggio, e di condividerli con il gruppo esteso di esperti sulle tematiche dell’accessibilità e con i visitatori.

13:30
14:20

L’approccio IBM alla dematerializzazione: non solo tecnologia![w.4b]

Dematerializzare i processi documentali non vuol dire acquistare soltanto una soluzione tecnologica, ma cogliere un’opportunità di semplificazione e miglioramento complessivo di efficacia ed efficienza. IBM suggerisce un approccio integrato che tiene nella giusta considerazione tutti gli aspetti caratteristici del sistema organizzativo, al fine di realizzare più velocemente e con minori rischi gli obiettivi di abbattimento della carta, di risparmio e di miglioramento del servizio al cittadino. Processi, organizzazione e persone sono le dimensioni chiave che, assieme alla tecnologia, consentono di realizzare progetti di successo.

13:30
15:30

Lo sviluppo delle risorse umane in un Governo regionale: selezione-formazione-orientamento ai risultati.[lab.269b]

Quando un’Amministrazione diventa “governo” ha delle responsabilità in più. Una di esse riguarda la “visione”, in particolare quella dell’Organizzazione nei confronti delle proprie risorse, nella consapevolezza che si ottiene in ragione di ciò che si sa dare. RL, nell’ultimo anno e mezzo, ha investito buona parte delle sue energie nella sperimentazione di un percorso unico, collocato in un preciso disegno organizzativo pensato per connettere tra loro gli elementi chiave della relazione con il proprio personale: selezione, accoglienza,formazione d’ingresso,formazione continua, mobilità interna e valutazione delle prestazioni.

13:30
14:15

Innovare per migliorare i servizi e ridurre i costi della PA: il Cloud Computing[w.35b]

La Pubblica Ammistrazione è oggi impegnata in una rilevante azione di trasformazione ed innovazione, finalizzata al miglioramento dei servizi offerti, alla semplificazione dei processi, alla riduzione dei costi. In questo contesto, il Cloud Computing si pone come elemento di innovazione tecnologica in grado di facilitare la messa a fattor comune delle "eccellenze" esistenti o emergenti, con tempi e costi ridotti rispetto ad approcci tradizionali. Evolvere verso un approccio Cloud Computing significa rendere maggiormente flessibili e usufruibili i servizi, per il cittadino e per le amministrazioni. Cosa significa in concreto avviare iniziative tese al Cloud Computing? Quali tecnolgie disponibili? E’ la risposta che il seminario vuole dare: come partire e dove arrivare.

13:30
14:00

La dematerializzazione degli atti di pagamento. L’Istat volta pagina[lab.86b]

Nel corso del 2008 l’Istat ha realizzato la prima fase del progetto per la dematerializzazione degli atti di pagamento ed incasso che contribuisce in termini concreti al miglioramento dell’efficienza e della qualità dei processi e colloca l’Ente tra i primi, di rilevanza nazionale, ad essersi cimentato con un cambiamento di così ampio impatto e portata. La progettazione e la successiva messa a regime del sistema di dematerializzazione degli atti di spesa e incasso ha richiesto l’individuazione di soluzioni ad hoc. per la gestione ed il trattamento dei dati e la loro trasmissione verso il sistema bancario. L’esperienza maturata in questi mesi è stata estremamente significativa per effetto: 1. delle caratteristiche dell’oggetto di dematerializzazione, atti che presentano una rilevanza amministrativa, contabile e fiscale e richiedono sistemi avanzati di controllo e sicurezza; 2. del volume degli atti di pagamento e riscossione. Circa 50.000 disposizioni annuali di pagamento ed incasso, 30 modalità alternative di pagamento e riscossione in ambito nazionale ed internazionale; 3. della complessità delle procedure interne per l’archiviazione, la conservazione della documentazione dematerializzata ed il monitoraggio del flusso informatico. Nel corso dell’Officina sono illustrati: il contesto in cui è maturato il progetto; i presupposti organizzativi e tecnologici; la metodologia e le fasi del progetto; le principali criticità affrontate e le soluzioni organizzative, tecniche e procedurali effettuate; le evoluzioni future.

13:30
14:30

l controllo dei servizi esternalizzati: presentazione progetto pilota per il controllo della qualità dei servizi di pulizia e sanificazione ospedaliera.[lab.99]

Il recente processo di modernalizzazione e di riorganizzazione della pubblica amministrazione ha portato alla progressiva tendenza verso pratiche di outsourcing, ovvero all’esternalizzazione di alcuni servizi, con la finalità di razionalizzare e rendere efficiente l’uso delle risorse umane ed economiche a vantaggio della ricerca dell’eccellenza nei così detti servizi “core”. L’outsourcing comporta necessariamente la formulazione di procedure di monitoraggio e controllo dei risultati e delle performance del servizio espernalizzato per verificare il rispetto degli standard previsti nel contratto di fornitura. In questo scenario CERMET e A.N.M.D.O. (Associazione Nazionale Medici di Direzione Sanitaria) hanno siglato una convenzione di collaborazione per la definizione di criteri di qualifica dei servizi esternalizzati in ambito sanitario. In particolare, dopo la prima importante esperienza che ha interessato le Centrali di sterilizzazione, CERMET e A.N.M.D.O. sono ora impegnati in un progetto sperimentale finalizzato alla messa a punto di uno standard per le buone pratiche di pulizia e sanificazione ambientale in ambito ospedaliero e alla definizione del relativo sistema di controllo con la finalità ultima di garantire livelli igienici e qualitativi attesi e la migliore integrazione del servizio con le attività svolte in ambito ospedaliero. L’incontro ha come obiettivo la presentazione del progetto e dei primi risultati applicativi a fronte della sperimentazione in corso fase presso le imprese Cooperativa L’operosa e Markas Service s.r.l.

13:30
14:20

Gli strumenti alternativi per la risoluzione delle controversie nella fase di affidamento delle gare di appalto[w.53b]

All’Autorità è stato affidato il compito di rendere pareri su richiesta delle parti tutte le volte in cui insorgono (o per evitare che insorgano) controversie relativamente alla fase dell’evidenza pubblica. Questo strumento, denominato Precontenzioso, è finalizzato alla deflazione dell’attività giurisdizionale del Giudice Amministrativo e si ispira alle più recenti tendenze, di derivazione anglosassone, in tema di strumenti alternativi per la risoluzione delle controversie (Alternative dispute resolutions o A.D.R.)

13:30
14:15

Detenuti al lavoro-Un’opportunità per le imprese: l’esperienza di Bergamo sul tema dell’inclusione sociale[lab.153]

Il progetto "Detenuti al lavoro - Un'opportunità per le imprese" mira a far conoscere, alle imprese e alle cooperative della provincia di Bergamo, i benefici contributivi e fiscali esistenti a seguito dell'assunzione lavorativa di detenuti. Per offrire un tale servizio, grazie al coinvolgimento del mondo associativo bergamasco, nel 2008 è stata creata una rete di sportelli informativi ed è stata avviata un'attività di sensibilizzazione, destinata alle imprese, per favorire il reinserimento sociale dei cittadini detenuti.

13:30
14:20

Correlare le informazioni organizzative con l'analisi spaziale e georeferenziata.[w.22b]

Nelle Amministrazioni ed Enti Pubblici è sempre più sentita l’esigenza di una migliorare comprensione ed analisi delle informazioni che abbiano una componente georeferenziale, sia di tipo territoriale, sia legata a fenomeni ambientali o alla dimensione geografica di specifici processi organizzativi. Tipicamente, però, gli strumenti per la rappresentazione di informazioni territoriali non permettono grandi performance nella visualizzazione su mappa di indicatori, diagrammi e grafici per analisi multidimensionali. Così come la business intelligence (BI) non dispone di strumenti evoluti di rappresentazione cartografica delle informazioni che in determinati contesti applicativi diventa essenziale. Oggi, grazie all'integrazione di SAP BusinessObjects, piattaforma leader della business intelligence, con la tecnologia GIS di ESRI (Environmental System Research Institute), leader nei Sistemi Informativi Cartografici (GIS), diventa possibile raggiungere risultati inimmaginabili fino a poco tempo fa, coniugando due metodologie tra loro complementari. Grazie a potenti ed intuitivi strumenti di analisi è possibile migliorare e ottimizzare i processi decisionali correlando informazioni organizzative con l'analisi spaziale e georeferenziata. L’integrazione consente: • la visualizzazione di elementi cartografici in base ai risultati dei processi di BI provenienti da sistemi transazionali ERP o dal DWH; • la selezione di elementi geografici come poligoni o punti, da mappe e la visualizzazione dei dati alfanumerici corrispondenti; • l'uso di cruscotti di sintesi che consentono di navigare contestualmente informazioni di tipo cartografico e di tipo alfanumerico attraverso l’utilizzo di query spaziali (vicinanza, inclusione, sovrapposizione, ecc.).

13:30
14:20

Business Intelligence per la Sanità: dal monitoraggio della spesa all’analisi delle prestazioni sanitarie[w.8b]

Le Aziende Sanitarie si trovano ad affrontare una sfida continua: da un lato soddisfare i bisogni di salute dei cittadini attraverso un servizio efficiente rapido ed economico, dall’altro gestire al meglio fondi e risorse disponibili. Per superare con successo questa sfida è necessario dotarsi di sistemi per l’analisi dei dati progettati per sfruttare al meglio il patrimonio informativo delle aziende sanitarie.Oracle presenta l'esperienza maturata in questo ambito grazie ad un'innovativo progetto nato presso il centro di competenza Oracle di Bari in collaborazione con Regione Puglia e Tecnopolis e già operativo presso l’Azienda Unità Sanitaria Locale BAT1 (Barletta, Andria, Trani).

13:30
14:20

BlueCoat: Visibilità, Sicurezza e Accelerazione delle applicazioni in una moderna rete distribuita.[w.24b]

Blue Coat è il leader tecnologico nel settore delle reti ADN (Application Delivery Network). Blue Coat offre un'infrastruttura che assicura i livelli di analisi, visibilità, accelerazione e protezione richiesti per ottimizzare e rendere più sicuro il flusso di informazioni per ogni utente e su qualsiasi rete in ogni parte del mondo. Grazie a questa funzionalità applicativa le aziende possono allineare gli investimenti IT ai requisiti aziendali, procedere a politiche di contenimento dei costi, velocizzare il processo decisionale, proteggere le applicazioni aziendali e rispondere ai vincoli di legge garantendo al contempo un vantaggio competitivo nel lungo periodo.

13:30
14:20

Unified Communication: non solo VoIP[w.43b]

Poter gestire ogni tipo di comunicazione, interna ed esterna all’impresa, in modo unitario ed indipendente dai mezzi adottati per veicolarne i contenuti; questo è ciò che propone l’Unified Communication: rendere la comunicazione un mezzo di collaborazione efficace, creando uno spazio di lavoro in cui ogni persona è raggiungibile e può comunicare scegliendo il canale che intende utilizzare. Nel corso di questa sessione saranno affrontati dalla società Comedata il tema dell’Unified Communications con particolare riferimento alla collaborazione. Saranno illustrate le piattaforme di comunicazione che integrano e-mail, fax e messaggi vocali con l’inclusione di servizi di collaborazione quali l’instant messaging, la teleconferenza (voce e video via Web) e di applicazioni a supporto del lavoro di gruppo (il “teamware”) con un unico sistema intuitivo, costruito in base alle persone, non alle tecnologie. L’approccio proposto parte da una analisi a livello di processi e di infrastruttura tecnica per guidare un Ente pubblico attraverso un progetto completo attraverso l’integrazione con l’infrastruttura di telecomunicazioni esistente, (incluso l’attuale sistema PBX) e garantendo l’investimento effettuato fino a valutare la stima dell’impatto che la soluzione avrà in azienda.

martedì, 12 maggio pomeriggio

14:00
17:00

Amministrare 2.0: una PA che ascolta i cittadini[EG.8]

Proporre una relazione ad una creativity room significa nella sostanza chiedere di partecipare attivamente ai lavori previsti. Non si tratta quindi di fare una presentazione ma di lavorare in gruppo con gli altri partecipanti. A coloro che chiederanno di partecipare sarà proposto di compilare un questionario in cui vengono anticipate opinioni, esperienze e segnalazioni da trattare poi nella sessione di lavoro. La metafora del web 2.0 è particolarmente produttiva per una PA che ascolta i cittadini e si propone di utilizzare la rete per sfruttare al meglio la “Intelligenza collettiva”. Un gruppo di amministrazioni locali, capitanate dal Comune di Venezia, ha istituito insieme a FORUM PA un club che è soprattutto una comunità di pratica. Il convegno vuol dar conto del lavoro svolto ed aprirsi a nuove esperienze e nuove partecipazioni. Coordina Michele Vianello, vice sindaco di Venezia. L'incontro è organizzato con una modalità non tradizionale: non c'è distinzione tra relatori e pubblico ma tutti i partecipanti sono chiamati a lavorare insieme con l'obiettivo di redigere un manifesto guida per le pubbliche amministrazioni che intendono adottare la logica di Amministrare 2.0 .

14:00
15:00

Tutela del marchio e servizi per l’impresa ed i cittadini[w.57b]

Cosa è un marchio – caratteristiche: figurativo, verbale, di forma, di colore – Modalità di deposito delle domande di registrazione dei marchi - Uso del marchio – Cenni normativi - Classificazione dei prodotti e servizi (Classificazione di Nizza – IX edizione)- Compiti dell’ufficio, modalità di esame e di registrazione – Rappresentanza per le procedure presso l’ufficio (mandatari o altri professionisti abilitati) - Rilievi, proposte di rifiuto e rifiuto definitivo – Ricorso alla Commissione dei ricorsi avverso le decisioni dell’ufficio - Casi in cui è prevista la richiesta di un parere preventivo ad altre amministrazioni (ministeri dell’interno e delle politiche agricole) – Efficacia e durata della protezione – Rinnovo del marchio. Tutela ex-ante ed ex-post nei confronti di domanda di registrazione di marchio d’impresa avente caratteristiche simili ad un marchio già registrato o ad una domanda di registrazione antecedente - Registro ufficiale delle concessioni - Banca dati – Bollettino dei marchi ed altre pubblicazioni – Correzioni – Varie ed eventuali

14:00
15:00

Trasparenza e rendicontazione: il Bilancio sociale degli Enti Locali[lab.165]

ANDIGEL in occasione di FORUM PA ’09 organizza una serie di incontri su temi particolarmente strategici nella quotidiana attività di direzione generale degli enti locali: gestione innovativa delle risorse umane, riforma della PA, costruzione di una PA digitale, controllo di gestione, ambiente ed energia. Lo scopo è quello di aggregare, in uno spazio condiviso, le migliori esperienze portate avanti dagli enti locali che hanno scelto di avvalersi di un direttore generale e condividerle con i dirigenti in una serie di incontri di tipo operativo/formativo.

14:00
15:00

SINERGIE TRA PP.AA: UN MODELLO DI COMUNICAZIONE DATI PREVIDENZIALI[lab.291b]

Fornire ai funzionari del MIUR gli strumenti atti a produrre la certificazione dei periodi di servizio e le retribuzioni del personale scolastico

14:00
14:45

Sentinel, video sorveglianza per il territorio[lab.135]

La sempre maggiore richiesta di sicurezza e di controllo del territorio da parte dei cittadini, sta spingendo sempre di più la Pubblica Amministrazione a investire in sistemi di video sorveglianza. Per andare incontro alle esigenze di sicurezza in quest’ambito, il Gruppo IFM Infomaster ha sviluppato Sentinel, il primo di una nuova categoria di applicazioni: gli Event Management Center. Tali applicazioni evolvono la capacità di gestire gli eventi e le azioni conseguenti, permettendo di definire i processi di gestione degli stessi, distribuire la conoscenza degli avvenimenti e le informazioni multimediali a essi correlate. Il campo applicativo cui il sistema si rivolge è molto ampio e, oltre all’ovvio contesto della protezione di beni o persone si applica alla sorveglianza di beni archeologici e museali, al monitoraggio di eventi sociali, all’antiterrorismo, al monitoraggio di classi sociali a rischio (anziani, disabili, ecc.), al controllo di barriere virtuali (linee immaginarie il cui superamento identifica un rischio potenziale), alla rilevazione di comportamenti sospetti, al controllo varchi (conteggio persone, veicoli dimensione code, gallerie), ecc.

14:00
17:00

Sanità e IT: come risolvere le problematiche SISS attraverso l’adozione di tecnologie di virtualizzazione Citrix[O.5]

Nelle realtà Sanitarie e Ospedaliere è in atto un grande sforzo dell’IT volto a standardizzare e migliorare la gestione delle postazioni di lavoro e delle relative applicazioni. In particolare nell’infrastruttura IT basata su PDL con applicativi installati nei client locali, nonostante tutti gli investimenti in software di gestione e personale di supporto, non si riesce ad elevare il livello di disponibilità del servizio e a diminuire i tempi di delivery relativi a modifica, sostituzione e implementazione dei PDL in caso di guasto o obsolescenza. Il modello proposto da Citrix non è più orientato ai desktop e ad applicazioni distribuite nei client ma bensì ai desktop e applicazioni centralizzate. Durante la conferenza si avrà l’opportunità di ascoltare l’esperienza e la testimonianza dell’ USSL 7 di Conegliano Veneto

14:00
14:30

RE.L.A.IS.: una soluzione open source per integrare diverse fonti dati.[lab.83b]

RELAIS è un progetto open source avente come obiettivo la definizione di un toolkit per risolvere problemi di record linkage (RL). La finalità del RL è quella di individuare stesse unità in fonti dati diverse, anche in assenza di un identificativo univoco. L'obiettivo di risolvere problemi di RL in generale è ambizioso perché le soluzioni finora studiate in letteratura o adottate nella pratica si sono dimostrate efficaci ed efficienti per la risoluzione di specifiche problematiche ma perdono affidabilità in altri contesti. D'altronde i problemi di RL sono fortemente caratterizzati dalla natura dei dati da abbinare e sembra improbabile che un' unica metodologia si riveli indicata in generale. Questa constatazione è alla base della filosofia di RELAIS che non propone un'unica metodologia ma scompone l'intero problema individuandone le fasi costituenti e rende disponibili una collezione di tecniche per affrontare ogni singola fase nelle varie caratterizzazioni possibili. La scelta di approcci opportuni nelle singole fasi permette così di affrontare adeguatamente il problema qualsiasi sia la natura dei dati. L'ambiente tecnologico scelto per lo sviluppo di RELAIS rispecchia la diversa natura delle necessità tecniche avvalendosi di diverse componenti: Java (linguaggio object-oriented) per i moduli orientati alla gestione dei dati, R (linguaggio funzionale) per i moduli orientati al calcolo e Mysql per la memorizzazione dei dati. La scelta open source del progetto apre a tutti l'implementazione di nuove tecniche.

14:00
17:00

Politiche energetiche e ambientali come motore di sviluppo: istruzioni per l’uso[EA.3]

Il passaggio fondamentale che definirà la sostenibilità di un utilizzo diverso dell’energia è la creazione di filiere energetiche ossia di sistemi chiusi di produzione ed utilizzazione di energie pulite che siano in grado di creare una “economia rinnovabile”. La sfida del futuro è quella di creare vantaggi distribuiti, sociali ed economici, partendo dal rispetto dell’ambiente. E questa sfida è tanto più urgente in quanto le trasformazioni macro-economiche stanno rapidamente ridisegnando la mappa delle produzioni tradizionali mentre il ruolo dell’energia è sempre più determinante nella competitività e nella sostenibilità del nostro paese. Il compito delle istituzioni è quello di aiutare il sistema a cambiare considerando che le energie rinnovabili, l’efficienza energetica e, più in generale, il rispetto ambientatale, possono costituire i cardini attorno ai quali costruire una nuova economia e le basi per aiutare tutto il sistema ad essere ancora competitivo.

14:00
14:50

PERCORSI DI QUALITA’ DELLA PROVINCIA DI ROMA: DALL’ASCOLTO DEL CITTADINO/UTENTE AI FATTI[lab.137]

1) L’impegno della Provincia di Roma nell’ambito del “Progetto di rilevazione sistematica della qualità percepita” (segnalato come pratica di eccellenza nel sito “Non solo fannulloni”), rivolto all’ascolto delle esigenze dei cittadini/utenti per orientare le scelte dell’Ente, prosegue speditamente verso la cd. “chiusura del ciclo della qualità”. L’obiettivo è quello di non vanificare i risultati delle rilevazioni quantitative (14 questionari) e qualitative (24 focus group) effettuate in 20 settori significativi dell’Ente, traducendo la teoria, ossia le criticità riscontrate, in fatti, cioè in piani di miglioramento aventi una ricaduta concreta sui cittadini/utenti. 2) Per far sì che questo ascolto non sia episodico ma diventi un criterio-guida costante nell’Ente, è stato implementato un sistema di governance della qualità, consistente nell’utilizzo di vari strumenti quali il monitoraggio dei piani di miglioramento, l’approfondimento del grado di soddisfazione dei cittadini/utenti con nuove 10 rilevazioni, il censimento annuale trasversale delle esperienze nell’ente, la fornitura di servizi di assistenza e di un manuale di “governo della customer satisfaction” per standardizzare metodologie e modulistica e diffondere una dimensione valoriale tra i dipendenti. La Provincia di Roma si pone l’obiettivo sfidante e all’avanguardia nel panorama delle P.A. di integrare la rilevazione della qualità e la contabilità analitica, analizzando alcune politiche e/o processi significativi sotto il profilo dei costi sostenuti a fronte dei livelli qualitativi erogati e percepiti dalla cittadinanza.

14:00
15:00

Per una cultura statistica diffusa: da una comunità di Apprendimento ad una Comunità di Pratiche[lab.57]

La sfida è quella di realizzare strumenti capaci di incidere positivamente sulla produzione di statistiche dei comuni più piccoli, molto spesso carenti di risorse e competenze adeguate. Tramite un laboratorio di formazione si è creata la figura del Referente Statistico Territoriale nei comuni partecipanti al progetto così da alimentare una Comunità di Apprendimento; particolarmente innovative sono state le modalità di realizzazione del percorso formativo, che hanno tenuto conto di un attento uso delle risorse pubbliche sia finanziarie che umane, attraverso l’utilizzo di modalità didattiche flessibili fra cui la formazione statistica a distanza, assistita e supportata dalla piattaforma di e-learning della Regione Marche, in coerenza con lo sviluppo di sistemi di e-government nella PA. La possibilità del riuso del corso FAD, potrà coinvolgere un numero sempre maggiore di discenti a costi per la P.A. decisamente contenuti, tramite un forum gestito dal SIS. La creazione di un blog tematico statistico rivolto ad utenti registrati allargato ad alcuni operatori economico sociali privilegiati per uno scambio di idee che potrà ampliare gli orizzonti della cultura statistica e porterà alla graduale trasformazione della Comunità di apprendimento in Comunità di Pratiche, le quali anche con l’utilizzo del Citizen Relationship Management diventeranno il punto di incontro tra la domanda e l’offerta statistica, tra chi produce i dati e chi ne deve fruire, tra la P.A. e i cittadini e le imprese. L’utenza realmente al centro delle politiche statistiche così da ottenere quante più possibili statistiche a livello territoriale per le valutazioni in merito ai costi dei servizi ed ai livelli minimi del servizio reso, in vista della prossima applicazione del federalismo fiscale.

14:00
17:00

MisuraPA primi risultati dei “cento indicatori”[B.8]

Si tratta della presentazione dei risultati della ricerca affidata da DIT a FORUM PA e Lattanzio e Associati per promuovere la cultura della valutazione e individuare i cento numeri di interesse dei cittadini e delle imprese che misurino gli outcome della PA in dieci settori chiave. Coordina Stefano Sepe.

14:00
17:00

L’impegno della PA per l’inclusione delle categorie deboli attraverso tecnologie innovative[L.2]

La P.A. ha come obiettivo prioritario l’erogazione di servizi che, per motivi funzionali ed economici, tendono sempre più ad essere forniti col supporto delle nuove tecnologie ed in particolare dalle reti telematiche. Questi servizi devono essere fruibili da tutti i cittadini, anche dalle categorie più svantaggiate. Al tempo stesso la P.A. è il più grande datore di lavoro e tra i suoi dipendenti annovera oltre 200.000 portatori di disabilità molti dei quali, se adeguatamente riqualificati, possono trasformarsi da obbligo in risorsa. Il seminario, avvalendosi anche di una laboriosa indagine-campione, intende fare il punto sulle iniziative e sull’attenzione delle Amministrazioni Pubbliche relativamente alle suddette due problematiche.

14:00
15:00

Partecipazione e informazione.[lab.113]

La rete consente e abilita nuove forme di partecipazione e condivisione delle scelte delle amministrazioni da parte dei cittadini e le imprese. Una potenzialità che trova ancora ostacoli. La Toscana ha emanato una legge sulla partecipazione e creato occasioni e infrastrutture per tradurre la potenzialità in atti concreti di rilevanza locale, regionale e internazionale. - Telep@b: il bilancio si fa trasparente - Townmeeting: condividere i percorsi e decisioni - Paesi: Informazioni e conoscenze per i cittadini extracomunitari Errequ@dro – Scuole in Rete e Reti di Scuole

14:00
14:30

La comunicazione istituzionale via satellite, l’esempio di Administra TV[lab.217]

I servizi satellitari superano facilmente ogni limite imposto dal divario digitale e forniscono una copertura completa del territorio Skylogic, società specializzata nei servizi a banda larga satellitare, è in grado di proporre soluzioni concrete, in particolare per le Pubbliche Amministrazioni e per gli Enti Locali che intendono garantire ai propri cittadini l’accesso universale ai servizi legati all’informazione, alla salute, all’istruzione, alla sicurezza e allo sviluppo economico. Oltre alla connettività a banda larga, Skylogic presenterà l'offerta televisiva per la PA e le soluzioni a supporto delle reti di intervento in caso di emergenza e del monitoraggio e telecontrollo di energia, acqua ed ambiente

14:00
15:00

Horizon scanning: uno strumento per il futuro[lab.95b]

La gestione delle nuove tecnologie che si affacciano nel nostro Paese è una questione rilevante alla quale si può far fronte attraverso il processo di Horizon Scanning (HS). I sistemi di HS e Early Warning, sono implementati in diversi Paesi e operano con metodologie e procedure diverse, ritagliate sulla struttura dello specifico Sistema Sanitario Nazionale. Secondo riconosciute direttive generali, il processo di HS è costituito da 4 principali fasi: 1) identificazione delle tecnologie sanitarie emergenti; 2) prioritarizzazione delle tecnologie identificate; 3) valutazione delle tecnologie prioritarie; 4) disseminazione e aggiornamento dei rapporti prodotti.

14:00
17:00

CONVERSANDO DI ... CORRUZIONE.Pubblici dipendenti infedeli o una PA che non sa tutelare il suo fair value?[B.3]

Il convegno costituirà un momento di riflessione sul tema della prevenzione e del contrasto alla corruzione e sarà l'occasione di un confronto più ampio sul tema e di presentazione del SAeT e delle sue linee operative.

14:00
15:00

Domande di pensione via Internet[lab.212]

Un nuovo passo in avanti verso la dematerializzazione dei procedimenti amministrativi e la creazione del fascicolo personale elettronico

14:00
15:00

EsteriCult[lab.208a]

EsteriCult è la nuova piattaforma editoriale collaborativa moderata, per la diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo

14:00
17:00

Guadagnare Salute: Premio alle Migliori Pratiche di prevenzione[S.5]

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali- CCM (Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie) ha promosso, attraverso il Formez, l’individuazione e la selezione delle migliori pratiche intersettoriali, realizzate dalle Comunità Locali, per la prevenzione sul territorio dei quattro principali fattori di rischio per la salute (scarsa attività fisica, fumo, alimentazione non equilibrata, abuso di alcol). L’evento vuole essere un momento di incontro delle Pubbliche Amministrazioni che hanno partecipato al progetto presentando la Banca Dati che raccoglie oltre 300 esperienze. Vuole altresì essere un' importante occasione per rafforzare la rete nazionale dei referenti per la prevenzione. Durante il convegno verrà attribuito un premio alle due migliori pratiche individuate in ciascuna Regione.

14:00
14:50

Elaborare una strategia di accesso ai fondi europei per la ricerca e l’innivazione[w.27b]

questo modulo formativo esaminerà le opportunità di finanziamento a fondo perduto esistenti a livello comunitario a favore delle imprese e degli enti pubblici e destinati a ricerca, sviluppo tecnologico ed innovazione, settori in cui Intesa Sanpaolo Eurodesk, la società di consulenza del Gruppo Intesa Sanpaolo, vanta una consolidata esperienza. In concreto, saranno analizzati il Settimo Programma Quadro per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico (7PQ) ed il CIP - Programma Quadro per la Competitività e l’Innovazione. Verranno inoltre analizzati i risultati della partecipazione italiana dei primi bandi a valere sul 7PQ e saranno forniti alcuni utili suggerimenti per presentare una proposta vincente.

14:00
15:00

Il cittadino chiede l’URP risponde: i dieci quesiti più frequenti.[lab.176]

L’URP del CNIPA fornisce risposte a una serie di quesiti che i cittadini e le imprese pongono sui temi dell’e-government. Nel seminario vengono presentate le domande più frequenti e le conseguenti risposte. I temi sono ovviamente quelli della Posta Elettronica Certificata, della Carta Nazionale dei Servizi, della firma digitale, della dematerializzazione e dei progetti più attuali del momento. Il seminario è quindi anche il luogo dove trovare risposte ai temi più moderni relativi agli strumenti abilitanti dell’e.government.

14:00
17:00

Il governo del territorio e della fiscalità legata ai beni immobiliari: azioni di sistema ed esperienze in atto[T.12]

I temi del governo del territorio e della fiscalità legata ai beni immobiliari sono sempre più all’ordine del giorno e si fa sempre più evidente il bisogno di riformare il rapporto esistente tra le trasformazioni territoriali urbanistiche ed edilizie e la connessa imposizione fiscale attraverso un azione concertata che coinvolga lo Stato e le autonomie locali. Nell’attuale contesto di difficoltà di bilancio degli EE.LL., che può tradursi in un impatto negativo sulla qualità dell’azione amministrativa, è più che mai necessario ritrovare chiarezza del senso di marcia, attuare un cambiamento del modello di sviluppo ed investire fortemente in azioni di “innovazione e razionalizzazione”: dei processi, dei procedimenti amministrativi e degli strumenti organizzativi e gestionali della pubblica amministrazione, verso la semplificazione e la massima cooperazione, anche tra pubblico e privato. Per attuare una sfida di questa portata con un livello di automazione, integrazione ed interoperabilità tra sistemi distribuiti, serve un deciso salto di qualità nell’organizzazione e nella capacità di leggere ed interpretare correttamente queste informazioni. Serve ugualmente progredire nello studio del modello da implementare per dare maggiore efficacia alla decisione politica ed ai procedimenti amministrativi legati al catasto e la fiscalità. Servono, infine, prodotti e servizi moderni, cioè strumenti applicativi che supportino efficacemente la pianificazione urbanistica ai diversi livelli, il monitoraggio e il controllo dei processi di trasformazione edilizia, il recupero strutturale dell'elusione e dell'evasione fiscale legata agli immobili. Per tutto questo è fondamentale dare luogo a progetti condivisi e co-partecipati tra Regione ed Enti Locali, che creino un nuovo paradigma di Amministrazione, centrata sulla cooperazione, non solo tecnologica, fra i diversi livelli istituzionali ed orientata ad un’interazione parimenti innovativa con i cittadini, basata su tecnologie informatiche e telematiche, ma soprattutto basata su una reale semplificazione dei processi.

14:00
15:00

Il Lazio e la Strategia di Lisbona[lab.312]

La crisi che sta investendo l’economia mondiale rende di estrema attualità ed urgenza il tema della competitività del sistema Europa, e richiede maggiori ed ulteriori sforzi sulla strada delle riforme strutturali, affinché la ripresa trovi un’Unione europea pronta a coglierne le opportunità ed a ritagliarsi un ruolo da protagonista. In questa direzione, la Strategia di Lisbona, con il suo obiettivo di rendere l’Europa una società dinamica, competitiva e basata sulla conoscenza rappresenta un pilastro su cui costruire e indirizzare le azioni di sviluppo nei prossimi anni. Non è un caso se la Commissione europea ha riconosciuto il programma di Lisbona, insieme al Patto di stabilità e crescita, come elemento fondamentale del Piano di rilancio economico. Con il terzo Rapporto di monitoraggio, la Regione Lazio - Direzione Sviluppo Economico, Ricerca, Innovazione e Turismo ha inteso proseguire e rafforzare il proprio impegno nella diffusione di informazioni connesse alle tematiche di Lisbona. L’incontro è l’occasione per presentare leo stato dell’arte delle politiche regionali messe in atto per il perseguimento degli obiettivi di competitività e di innovazione e i risultati del III monitoraggio, realizzato nel corso del 2008, sul posizionamento del Lazio rispetto alle priorità di Lisbona. Ricco di novità e di nuovi approfondimenti, il rapporto intende fornire utili indicazioni per lo sviluppo delle politiche locali e per la definizione delle priorità di intervento, nell’ottica del rafforzamento del ruolo strategico della Pubblica Amministrazione quale ente propulsore di innovazione. A ulteriore rafforzamento dell’impegno della Regione è stato realizzato un sistema informativo denominato SIS.Lazio, che si propone di mettere a disposizione i principali dati socio-economici sulla regione, in rapporto anche ad altre realtà territoriali a livello europeo, nazionale e locale.

14:00
17:00

Il Piano e-Government 2012: riflessioni e proposte di realizzazione[O.1]

Obiettivo dell’incontro sarà quello di favorire un confronto tra istituzioni, referenti IT della Pubblica Amministrazione, NetConsulting e IBM, sul ruolo dei diversi attori in un processo di modernizzazione della Pubblica Amministrazione e del sistema Paese, che veda nell’ICT il suo fattore abilitante. A partire dal Piano di e-Government 2012, dalle iniziative e dalle sfide in esso contenute, si metteranno a confronto riflessioni e punti di vista diversi. In particolare, si discuterà delle possibili azioni per la realizzazione di due principi importanti per la Pubblica Amministrazione: la centralità del cittadino e il miglioramento dell’accessibilità dei servizi pubblici, secondo una logica che vede la Pubblica Amministrazione avvicinarsi al cittadino, e non il contrario. L’incontro rappresenterà, altresì, occasione per presentare lo studio “L'innovazione nella Pubblica Aministrazione per la modernizzazione del Sistema Paese”, promosso da IBM e realizzato con la collaborazione di NetConsulting. Tale studio, con riferimento al Piano di e-Government 2012, vuole dimostrare come le azioni di modernizzazione della Pubblica Amministrazione siano realizzabili con il supporto di un sistema di offerta ICT che abbia una visione allineata agli obiettivi istituzionali, con evidenti vantaggi in termini di miglioramento della macchina interna alla Pubblica Amministrazione, miglioramento dei servizi offerti a cittadini e imprese, opportunità di risparmio per il sistema Paese nel suo complesso.

14:00
17:00

Il sostegno alle imprese nella gestione della crisi[T.4]

La crisi economica globale rischia di essere più grave per le piccole e medie imprese italiane e per la loro capacità di competere e soprattutto di innovare. Il convegno, dopo un esame delle azioni compiute all'estero, si propone di illustrare e discutere le linee d'azione dell'esecutivo in questo campo.

14:00
17:00

Attuazione e sviluppo del SPC: profili normativi e amministrativi del rapporto pubblico-privato[EG.9]

Il sistema pubblico di connettività, prima che una rete, è un complesso ed ambizioso piano di protocolli che persuppongono un’intesa tra la PA centrale, le regioni e gli EE.LL. e il mercato. Le gare effettuate e quelle ancora da effettuare costituiscono un esempio originale di partnership pubblico-privato su cui è necessario fare una riflessione anche amministrativa facendo tesoro dell’esperienza di questi anni. Coordina Caterina Cittadino, DG del CNIPA.

14:15
15:15

Prospetto informativo dei disabili. Le novità[w.50d]

La legge 6 agosto 2008, n. 133 ha innovato l’art. 9 della legge 68/99, introducendo l’obbligo di invio telematico del Prospetto Informativo (ex CL/9). La norma si inserisce in un percorso di semplificazione amministrativa e di creazione di una rete di servizi per il Lavoro a livello Nazionale già iniziato con le Comunicazioni Obbligatorie On Line. Il master verterà sulle principali novità introdotte dalla norma e sul funzionamento del Sistema Informatico per l’invio del Prospetto Informativo on line, messo a disposizione ai datori di lavoro dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali.

14:30
15:20

Le città luoghi di apprendimento. Presentazione dell'Associazione Italiana delle Learning Cities[lab.111b]

Costituitasi nel 2008, l’Associazione senza scopo di lucro “Learning Cities - Rete italiana delle città che apprendono”, si propone di creare anche in Italia un network tra città e regioni che pongono al centro delle strategia e politiche territoriali l’apprendimento delle persone come fattore generatore di sviluppo economico e sociale. Già da qualche anno infatti alcuni network in paesi europei ed in altri continenti, favoriscono la condivisione di idee ed esperienze di realtà territoriali che non solo riconoscono e comprendono il ruolo fondamentale dell’apprendimento dei cittadini, di ogni età, per la prosperità, la stabilità sociale e la realizzazione personale, ma mobilitano tutte le risorse umane, fisiche e finanziarie per sviluppare a pieno il potenziale di tutti i loro abitanti. L’Associazione intende svolgere questa funzione, favorendo il rapporto con le esperienze internazionali in atto ed in linea con le priorità dell’Unione Europea in materia di “learning region”. L’obiettivo è mettere in rete gli enti locali, le istituzioni, le associazioni che intendono sviluppare iniziative e programmi utili alla crescita della cultura e della pratica dell’apprendimento continuo come motore dello sviluppo di un territorio.

14:30
15:20

Un approccio innovativo ai processi di gestione e produzione dei documenti.[w.18b]

I documenti cartacei che vengono prodotti e gestiti da una Amministrazione, sia nell’ambito di processi interni che nelle relazioni con cittadini e aziende, sono molteplici. Un’iniziativa efficace di dematerializzazione dovrebbe prevedere la dismissione della carta esistente nell’Amministrazione, ma soprattutto eliminarne immediatamente la produzione. La semplice smaterializzazione dei documenti esistenti è limitativa, perché ne comporterà comunque la produzione. Un approccio efficace deve poter prevedere la gestione di entrambi gli aspetti: da un lato l’introduzione di sistemi che permettano di informatizzare qualunque documento cartaceo gestito dall’Amministrazione (ad esempio, dal modulo di ingresso della portineria al cedolino elettronico), dall’altro recuperare in forma digitale il patrimonio documentale esistente. L’introduzione progressiva di strumenti applicativi di supporto ai processi gestionali può consentire alle Amministrazioni un più efficiente governo dell’azione amministrativa. Questo obiettivo può essere raggiunto prevedendo una stretta cooperazione ed interoperabilità fra i sistemi di governo del processo ed i sistemi di produzione e gestione dei documenti digitali; infatti, nella logica di un processo “end to end” ottimizzato non è possibile separare il Processo Amministrativo dalla gestione del relativo Atto Amministrativo. In quest’ottica SAP, da anni leader di mercato per le soluzioni gestionali, attraverso l’integrazione nativa con prodotti “best of breed” nell’ambito della dematerializzazione e gestione documentale, come le soluzioni di OpenText ed Adobe, è in grado di offrire una soluzione unica, completa e flessibile.

14:30
15:20

Strumenti di collaborazione e comunicazione unificata al servizio della P.A.[w.44b]

Oggi più che mai alle amministrazioni pubbliche si richiede, da una parte maggior trasparenza e semplicità di fruizione dei servizi erogati ai cittadini, dall’altra di effettuare investimenti che contribuiscano al rilancio economico pur perseguendo obiettivi di risparmio per la spesa pubblica. Una delle risposte più efficaci a questa sfida è l’Unified Communication. L’Unified Communication è la possibilità di utilizzare una sola infrastruttura di telecomunicazioni (basata sul protocollo IP) per accedere in modo semplice e intuitivo a risorse e servizi indipendentemente dal dispositivo utilizzato. Si tratta di una vera e propria rivoluzione per il personale della PA che ha così la possibilità di comunicare da qualsiasi postazione, usufruendo di tutte le funzionalità voce della telefonia tradizionale, oltre a funzionalità di tipo audio e video conferencing, messaging, instant messaging e web collaboration. Per affrontare questa sfida, la PA ha però bisogno di un partner in grado di progettare, manutenere e gestire in modo efficace le applicazioni ed i servizi, garantendo business continuity, protezione totale di dati e piattaforme, salvaguardando, peraltro, la semplicità di utilizzo delle applicazioni e controllandone i costi. Nel corso di questo intervento, NextiraOne, società leader in Italia ed Europa nei servizi di comunicazione avanzata, illustrerà una strategia ad hoc, attraverso soluzioni e servizi mirati, in grado di favorire la convergenza delle risorse e dell’ambiente ICT e di beneficiare dei vantaggi della condivisione delle informazioni.

14:30
15:30

Rifiuti in cementeria. Opportunità per l’ambiente. Percorso autorizzativo e di controllo . Casi di studio[w.32d]

Alcuni casi di studio mostrano come il processo produttivo del cemento possa entrare nella gestione integrata dei rifiuti con vantaggio per l’ambiente, le comunità locali e le imprese. Il seminario ruota intorno a 3 argomenti: 1) Impatto ambientale del processo produttivo del cemento in presenza di utilizzazione di residui e rifiuti. 2) Il percorso autorizzativo e di controllo: normativa nazionale e direttive europee; deleghe regionali; ruolo delle province. Analisi delle problematiche di ordine regolamentare; strumenti di controllo messi in atto dalle amministrazioni e dalle imprese; rapporti pubblica amministrazione/ impresa. 3) Testimonianza delle pubbliche amministrazioni che hanno sperimentato percorsi autorizzativi e di controllo per l’inserimento delle cementerie nel ciclo di gestione dei rifiuti.

14:30
15:00

Presentazione del Progetto "Coro - le consultazioni on - line" del Consiglio Regionale del Veneto[lab.7]

Le nuove tecnologie offrono alle Assemblee legislative nuovi canali di comunicazione aperti agli attori politici, economici e sociali ed, in particolare, ai cittadini. Attraverso “CORO” si vuole creare un ambiente web che consenta la gestione on-line delle“consultazioni” relative ai Progetti di legge regionale. Enti locali, cittadini, organizzazioni sindacali, sociali, economiche e professionali potranno interagire con il Consiglio regionale, in modalità propositiva, per la definizione delle leggi e l'attuazione delle scelte amministrative, fornendo all'istituzione stessa uno strumento di valutazione.

14:30
14:50

Ottimizzare l'uso delle risorse IT per migliorare la produttività[lab.33b]

CNAM (Case Study Pubblica Amministrazione Francese). Durata 20 Minuti. Nella moderna pubblica amministrazione le strategie IT hanno un’importanza crescente. La rete, in particolare, sta diventando lo strumento principale su cui si basano le applicazioni critiche per lo svolgimento delle operazioni. Questo pezzo di IT ha ora bisogno di essere gestito con particolare attenzione. La rete è la parte del sistema informativo che è la più condivisa tra le varie applicazioni. Essa trasporta le applicazioni critiche, ma anche quelle molto meno critiche, anzi, talvolta ricreative. La mancanza di controllo dell’utilizzo della rete può avere due impatti principali sulla produttività: 1) gli utenti delle applicazioni potrebbero sentire la carenza delle risorse necessarie, a causa degli utenti di applicazioni non critiche e quindi non riuscire ad avere un uso produttivo di queste. 2) se le applicazioni non business sono a piena disposizione degli utenti, possono mettere in pericolo direttamente la produttività dei singoli utenti. In questa presentazione si descrive la soluzione per ottenere il pieno controllo dell'uso delle risorse di rete, al fine di massimizzare la produttività degli utenti delle applicazioni stesse.

14:30
16:30

Open Source, il punto di vista IBM[lab.53]

WEB 2.0: Nuovi modelli di sviluppo applicativo Open Source - Nell'era di internet il software da prodotto diventa servizio e le applicazioni diventano datacentriche. Il Web2.0 è la nuova piattaforma partecipativa che defisce un nuovo modello di sviluppo applicativo con implicazioni tecnologiche, partecipative e sociologiche che necessita di un nuovo "Application Design Pattern". Il nuovo modello architetturale deve prevedere l'integrazione di nuovi supporti alla navigazione come gli "SmartPhone", contenere i costi e i tempi di realizzazione e prevedere un modello architetturale di evoluzione. IBM Open Client come strumento per la riduzione dei costi della PA - Viene presentata la soluzione IBM di Comunicazione e Collaborazione per il Desktop basata su Linux client.

14:30
15:20

MDM: integrazione delle anagrafiche pubbliche[w.14b]

Avete mai compilato moduli per una pubblica amministrazione con dati generati dalla stessa pubblica amministrazione? Avete mai ricevuto un invito a provare un servizio che già usate? Esiste un'incredibile opportunità per le pubbliche amministrazioni centrali e locali per migliorare sensibilmente i servizi erogati ai cittadini mediante l’adozione di un modello di “vista cittadino unificata”. Consolidando informazioni frammentate, esse saranno in grado di implementare portali dedicati all’erogazione di servizi self-service e di migliorare la qualita' dei servizi "di sportello", dal rinnovo della patente di guida alla creazione del fascicolo sanitario o alla collezione dei certificati anagrafici. Sun puó facilitare la costruzione della “vista cittadino unificata” grazie a tecnologie fondate su SOA standard, che lasciano tutti i dati memorizzati al punto di origine, laddove sono stati raccolti, e provvedono a comporli in una vista unificata solo al momento del bisogno, nel pieno rispetto delle norme di riservatezza e con forte garanzia sulla consistenza e sullo stato di aggiornamento del risultato finale.

14:30
15:20

Le architetture SOA in contesti ad elevata sicurezza[w.9b]

La realizzazione pratica di un’architettura orientata ai servizi con caratteristiche di sicurezza e controllo degli accessi particolarmente spinti. L’approccio a servizi consente la rapida composizione di elementi infrastrutturali di fornitori diversi. Le caratteristiche di flessibilità dell’architettura si sposano con gli elevati livelli di sicurezza richiesti.

14:30
16:00

La carta dei Beni culturali della Puglia[lab.72]

Presentazione della Carta dei Beni Culturali della Regione Puglia.

14:30
15:30

Gestione Documentale Clinica[lab.37]

Questa Azienda ULSS ha allestito delle applicazioni tecnologiche che permettono di dare a tutti i cittadini l’accesso via web al dossier sanitario, cioè a tutti i documenti clinici prodotti dalle attività ospedaliere: a) cartelle cliniche (avendo realizzato l’Archivio digitale di oltre 6 milioni di cartelle cliniche dal 1905 ad oggi), con tutti i documenti ivi contenuti compresa la parte iconografica (immagini radiologiche, tracciati elettrocardiografici, ecc.); b) referti ambulatoriali delle specialità di Laboratorio Analisi, Radiologia, Cardiologia, Anatomia Patologica, Endoscopia, Medicina Nucleare, Trasfusionale, ecc. ; c) verbali di Pronto Soccorso. Tutti questi documenti sono corredati di firma digitale. L’accesso all’Archivio digitale aziendale avviene anche con un sistema di knowledge management, per conoscere informazioni cliniche selezionate secondo una classificazione ontologica, semantica e sintattica. Attualmente oltre il 73% dei referti clinici prodotti dai servizi sanitari di questa ULSS vengono “ritirati” dai cittadini attraverso internet. I predetti documenti sono inviati in tempo reale anche ai Medici di Famiglia (tutti collegati con la rete ULSS) per alimentare la scheda sanitaria individuale tenuta dagli stessi Medici per i rispettivi assistiti. I Medici di Famiglia, inoltre, trasmettono impegnative specialistiche informatiche al Centro di prenotazione ULSS.